Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

14/09/2021

RITORNO IN CLASSE

Saranno 40 gli istituti scolastici della provincia di Salerno a rientrare nello speciale piano di monitoraggio dei contagi messo in atto dalla Regione Campania. A dirlo è Mario?Iervolino, direttore generale dell’Asl di Salerno, che fa sapere che di questi cinque sono istituti del capoluogo. Dunque alle porte della riapertura delle scuole la Regione Campania, ha deciso di adottare la strategia dei test molecolari su scuole sentinella per individuare e bloccare sul nascere eventuali focolai, anche se, secondo alcuni esperti è fondamentale fare i conti con l’affidabilità e l’efficienza di questi test. Lo speciale screening sarà effettuato dalle Asl locali, all’interno degli istituti elementari e medie di tutta la regione a partire dalla prossima settimana. Dunque per i test salivari, saranno coinvolti i bambini da 6 a 11 anni, al momento non ancora inclusi nella campagna vaccinale che parte dai 12 anni in su, test anche però agli adolescenti tra i 12-14 anni che frequentano le scuole medie. “Cominciamo nei prossimi giorni con il lavoro dei tamponi nelle scuole sentinella che abbiamo già individuato sul nostro territorio – dice Mario Iervolino direttore generale dell’Asl di Salerno – Andremo oggi (ieri per chi legge, n.d.r.) a ritirare i tamponi presso l’ospedale Del Mare che, in questo caso, fa da Hub rispetto a questa situazione e quindi siamo pronti in settimana, al massimo per inizio settimana prossima. Abbiamo già contattato le scuole, abbiamo già fatto delle riunioni con i dirigenti scolastici e siamo con loro d’intesa rispetto a questa situazione. Devo dire che abbiamo avuto una forte richiesta su tutto il territorio di entrare a far parte di questo screening, bisogna immaginarsi che su 158 paesi chiaramente non potevamo coprirli tutti, ma al tempo stesso non potevamo lasciare scoperto nessuno e quindi su questo abbiamo costruito il nostro piano di selezioni degli istituti sentinella, – conclude Iervolino – così da poter garantire la presenza dappertutto e cercare di tenere la situazione il più possibile sotto controllo”. Saranno in tutto 250 le scuole sentinella sull’intero territorio della nostra regione. In totale il monitoraggio riguarderà 426361 allievi di scuole elementari e medie. Come detto cinque di queste scuole saranno di Salerno città altre 35 quelle della provincia. Il piano di screening mediante test molecolari si dividerà fanno sapere sempre dall’Asl di Salerno in due fasi. La prima, vedrà l’utilizzo di circa 20 mila tamponi.?Questi saranno utilizzati per 5 alunni per ogni classe di 2 sezioni delle elementari 5 alunni di due sezioni di ogni classe della scuola media per un totale di 80 studenti per scuola. Per quanto concerne invece la seconda fase dello screening anti covid, saranno invece 5 alunni per 5 classi di quattro sezioni delle elementari e 5 alunni delle tre classi per quattro sezioni della scuola media ad essere sottoposti al test per un totale di 160 studenti. Un monitoraggio questo, lo ricordiamo ancora una volta, utile a raccogliere dati sul contagio all’interno degli istituti scolastici e a evitare un ritorno alla Dad.

L'AUGURIO

“Un abbraccio affettuoso e bene augurante a tutti gli studenti e docenti”. A dirlo è il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, che come ogni anno e quest’anno ancora di più ha voluto salutare la ripresa delle attività scolastiche in città… “Veniamo da due anni di sconvolgente pandemia che ha costretto alla chiusura delle scuole. La scuola per quanto mi riguarda deve essere assolutamente in presenza, perchè la scuola è una trasmissione di saperi, ma anche di socialità, di modi di vita, di amicizia, naturalmente bisogna fare in modo che tutto questo avvenga con intelligenza, responsabilità e cautela, e credo che i nostri dirigenti scolastici di tutte le scuole, siano assolutamente preparati. Ai dirigenti scolastici, al personale scolastico a tutti va il mio fraterno augurio, così come abbraccio gli studenti e credo che finalmente che quest’anno potrà essere un anno di svolta per quanto riguarda la scuola, elemento delicatissimo della società”.

PARLA MATTEO

“La storia della politica mi insegna che quando qualcuno passa il tempo a insultare l’altro è perché ha paura e quindi io penso che De Luca di paura ne abbia parecchi anche perché ne ha sbagliate tante in questi mesi”. Il leader della Lega Matteo Salvini torna a Salerno e non perde occasione per attaccare il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Per il numero uno del Carroccio non è la prima visita: già quattro volte, infatti, è stato nel salernitano ma ieri sera è tornato per sostenere la candidatura a sindaco di Michele Sarno che ha unito la coalizione di centrodestra. “Questa è una terra che può dare tanto e merita tanto, sul tema lavoro e sul tema pulizia. Si parla tanto di Green economy, di ambiente, di mare pulito, di aria pulita e siamo nella Terra dei fuochi dove mancano gli impianti di smaltimento dei rifiuti, di valorizzazione dei rifiuti e quindi come Lega ci metto l’anima, il cuore per portare anche in questi comuni il buon governo che la Lega garantisce in tante città italiane: la città italiana dove la raccolta differenziata più alta è amministrata dalla Lega, la città italiana dove la tassa rifiuti è più bassa è amministrate dalla Lega; perché no, anche in Campania – ha dichiarato il Capitano – Sento tanta voglia di cambiamento dopo essere stato a Caserta, Benevento, Salerno presto Napoli anche se non mi hanno messo la lista però diciamo che la Lega c’è. Anche a Salerno il centrodestra è unito, come a Caserta, a Roma, a Milano, a Torino, a Trieste”. Salvini rivendica poi il ruolo giocato dalla Lega per l’unità della coalizione, come se il merito fosse solo del suo partito: “Diciamo che anche grazie alla testardaggine della Lega, altri volevano andare per loro conto invece abbiamo tenuto insieme la coalizione che è il nostro valore aggiunto: in tutta Italia, a livello nazionale, appena si tornerà a votare per le politiche, il centrodestra sarà compatto, unito e vincente”. E poi l’attacco al presidente di Palazzo Santa Lucia, “che più che un governatore si sente un monarca e più che cittadini ha sudditi a cui imporre obblighi, multe e divieti. Salerno è una bella città, i salernitani sono persone di valore, di lavoro: imprenditori salernitani non mi chiedono aiutini, redditi a caso anzi ci sarà da rivedere il criterio di distribuzione dei redditi di cittadinanza che spesso e volentieri vanno a gente che non è assolutamente diritto, offriamo un’idea diversa di città e lo facciamo tutti insieme, questa è la nostra forza”. A Caserta, De Luca ha definito il candidato sindaco Zinzi un sacrestano. “Vede la differenza? A sinistra insultano; a Caserta per insultarci ha dato del sacrestano al nostro candidato sindaco, insultando parroci, chierichetti e sacrestani. E’ un po’ strano De Luca, si vede che è un po’ difficoltà in questo momento è in difficoltà – ha dichiarato il leghista – Io non mi permetto di dire di non votare a sinistra a Salerno, qui gli uomini e le donne hanno la libertà di scegliere; il centro-destra questa volta è compatto, unito attorno ad un candidato serio; è una squadra credibile. La storia della politica mi insegna che quando qualcuno passa il tempo a insultare l’altro è perché ha paura e quindi io penso che De Luca di paura ne abbia parecchi anche perché ne ha sbagliate tante in questi mesi”. E poi, un passaggio sulla questione vaccini: le dichiarazioni di Salvini hanno fatto discutere anche il Pd che ora vorrebbe la Lega fuori dal Parlamento. “Io mi sono limitato a ribadire quello che sostengono premi Nobel e lo stesso istituto superiore della Sanità e lo dico da vaccinato che invita chi ancora non lo è a vaccinarsi. Ho fatto la seconda dose questa settimana, non sono no qui e no là ma semplicemente ho fiducia negli italiani, credo nella libertà di scelta. Il partito democratico fa polemiche anche quando mi allaccio le scarpe perché se comincio dalla destra sono fascista e se comincio dalla sinistra sono comunista – ha ribadito Salvini – Ho smesso di inseguire Letta, Conte e De Luca; ringrazio i 40 milioni di italiani che ci sono vaccinati, ringrazio sindaci e governatori che più di altri hanno offerto questa possibilità. Purtroppo in Campania non sempre è così, per colpa di una pessima politica e sicuramente non dei medici. Siamo a buon punto, siamo uno dei paesi più vaccinati d’Europa; la protesta e il dissenso è sempre legittimo se pacifico e democratico. Io voglio essere positivo e sono contento che questa settimana la Lega battagliando in parlamento abbia ottenuto milioni di tamponi gratuiti per chi non può permettersi di spendere centinaia di euro e questo non penso dia fastidio”. (Cronache)

PARLA PIERINO

Entra nel vivo la campagna elettorale del sindaco uscente Vincenzo Napoli. In una sala gremita del Mediterranea hotel, ieri mattina, si è tenuta la presentazione delle liste Progressisti per Salerno, Campania Libera e Giovani per Salerno con tutti i candidati al consiglio comunale. Tra i presenti il segretario provinciale del Pd Enzo Luciano, l’ex parlamentare Tino Iannuzzi, il vice presidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacolo, il parlamentare dem Piero De Luca. “Noi costruiamo la storia di Salerno attraverso il lavoro. Penso al dragaggio del porto, al ripascimento del litorale. Penso a Piazza della Libertà, pronta per inaugurazione nonostante i nostri competitori sostengono ricorsi giudiziari in sede civile e penale”, ha dichiarato il segretario dem Enzo Luciano che attacca i competitor del primo cittadino, accusandoli di “rallentare la crescita di Salerno. Noi lavoriamo in direzione opposta, in maniera concreta. Loro provano a rovinare strumentalmente l’immagine di Salerno solo per proporsi come alternativa. È una inganno perpetrato ai danni dei cittadini e della città. La storia di Salerno è una grande storia e la costruiamo insieme”. Anche l’ex parlamentare Iannuzzi è protagonista di questa campagna elettorale, in prima linea per sostenere il primo cittadino uscente: “Riduzione drammatica dei trasferimenti agli enti locali, ai vincoli del patto di stabilità, alla contrazione del personale e all’assegnazione compiti nuovi e accresciuti anche soprattutto per la pandemia. Abbiamo traguardi davanti a noi perché sono stati preparati e programmati e progettati – ha infatti dichiarato Iannuzzi – Destino di Salerno va affidato ai suoi rappresentanti migliori. Andiamo avanti a testa alta”. A rivendicare un’esperienza amministrativa, iniziata dal 1993, Fulvio Bonavitacola, evidenziando che l’esperienza amministrativa “ci ha fatto sentire rivoluzionari sotto la guida di Vincenzo De Luca. Quando ci dichiariamo fieri di Salerno lo facciamo non per autopromozione ma perché ovunque io vada e con chiunque io pro esiste un grandissimo rispetto per Salerno – ha aggiunto – Non è solo merito della trasformazione urbana fisica. Noi qui abbiamo costruito, attorno a questa grande esperienza amministrativa, una identità. Siamo impegnati da sempre per un altro sud. Un’altra Campania in un’altra Italia”. Ad aprire il comizio il ricordo commosso di Ciro Balzano, punto di riferimento del quartiere Mariconda e vicino all’amministrazione Napoli e dell’imprenditoria Giannandrea Ferrajoli, scomparso prematuramente dopo una lunga malattia. Accende, ancora una volta, i riflettori sulle difficoltà che vivono i comuni, a causa della pandemia, il parlamentare del Pd Piero De Luca che ringrazia “chi ha combattuto con noi in questi cinque anni. Gli ultimi anni, a causa della pandemia, sono stati difficili per tutti i comuni d’Italia e naturalmente anche per il nostro. Grazie a chi ha continuato a lavorare per difendere questo progetto per la città con coerenza e dignità – ha dichiarato – Dobbiamo andare avanti, insieme. Vincenzo Napoli è un vero uomo delle istituzioni. Inconsistenza assoluta delle altre forze in campo. Dobbiamo essere orgogliosi di Salerno. Chi ha a cuore la città sceglie noi, unica proposta seria e credibile”. Da qui l’attacco agli altri candidati sindaci: “In giro solo assembramenti elettorali tenuti insieme da retorica mediocre, odio e rancore. C’è un trasformismo, uno scilipotismo insopportabile in alcune realtà. C’è qualche politico che compare dopo dieci anni con qualche seduta spiritica improvvisa. Queste persone non ci sono e non ci sono mai state in questi anni per Salerno”. Il riferimento è ai parlamentari del Movimento 5 Stelle che, di recente, hanno presentato un’interrogazione al ministro degli Interni per chiedere di bloccare piazza della Libertà: “Noi non facciamo interrogazioni per bloccare un’opera ma per sbloccare risorse per la città. Ma come fanno a fare poltica per la città queste persone – ha aggiunto De Luca junior – Non possiamo sostenere chi da anni lavora contro il sud. Prima Salerno era cancellata da politiche di sviluppo regionale. Filiera è fondamentale. Impegno serio nei quartieri con piccole e grandi opere. Bisogna lavorare su verde pubblico e manutenzione; sulla sicurezza dei quartieri, dal centro ai rioni collinari. Non esistono periferie. Politiche sociali fiore all’occhiello: qui nessuno viene lasciato solo. Su questi temi non si scherza. Non torniamo indietro, andiamo avanti”. Per Vincenzo Napoli quella di ieri è una “data simbolo”. Il sindaco uscente rivendica infatti il lavoro svolto in questi anni e che, a suo dire, ha “cambiato il corso della storia. Noi sempre solleciti alla accoglienza e alla solidarietà, noi siamo stati sulle banchine del porto che approdavano con richiesta di amicizia e noi siamo stati fisicamente lì per aiutarli. Altri facevano poesie – ha attaccato il primo cittadino uscente – Noi eravamo presenti con la trasparenza ossessiva, le nostre procedure e questo avviene dopo ore di lavoro”. Napoli ribadisce il lavoro fatto in questi anni, “siamo sempre stati in prima linea, con lavoro di verifica e controllo. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro di squadra. Qualcuno lo abbiamo perso: meglio per noi”, ha detto riferendosi ai consiglieri che, nei mesi scorsi hanno lasciato la maggioranza. “Gli altri fanno rumore per confondere idee ai cittadini. Ci sono personaggi che non ho mai visto in cinque anni di consiliatura e che ora vengono a Salerno a darci lezioni che non hanno titolo e credibilità per dare. Vogliono bloccare tutto: sono gli stessi che scendono in piazza”, ha detto infine il primo cittadino. (Cronache)

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno, accese le Luci d'Artista. De Luca rimprovera ragazzina senza mascherina

Accese le Luci natalizie a Salerno. Alle ore 16.30 il via all'edizione 2021 della kermesse che ormai è divenuta tradizione per la città capoluogo. Un'inaugurazione...

De Luca torna nel mirino dei no-vax: "Bruciategli casa"

Vincenzo De Luca finisce di nuovo nel mirino dei “no vax”: anche ieri, infatti, su alcuni gruppi su web e social dove si “organizza la rivoluzione”,...

Antonio Caso, il futuro dell’influencer si tinge di cinema?

Antonio Caso punta in alto. Il giovanissimo influencer italiano ha diversi progetti, aspirazioni, ambizioni ma le idee sono chiare: alzare l’asticella fissando...

Domani inaugura Alchimia - Pizza & Fritti Concept in zona Arechi

C’è un nuovo viaggio sensoriale in città. Un nuovo gusto da comprendere e assaporare. Un nuovo viaggio tra terra, acqua, aria e fuoco. Mettetevi comodi e...

VI appuntamento con Salerno Classica SONATA DANTIS sabato 4 dicembre 2021

Salerno, sabato 4 dicembre, chiesa di San Giorgio, ore 20,30. Il concerto ha un tagliando d’ingresso che varia dai 7 agli otto euro, con biglietti ridotti per gli studenti...

Torna dal 17 al 30 dicembre 2021 CAFÈ CHANTANT CRAZY EDITION di e con Lara Sansone al teatro Sannazaro

Dal 17 al 30 dicembre 2021 al Teatro Sannazaro torna il mitico Cafè chantant di e con Lara Sansone, Corrado Ardone, Massimo Peluso, Mario Aterrano, Mario...

Pallanuoto, rinviate altre due partite de L'Ekipe Orizzonte: salgono a 4 le gare da recuperare in A1 femminile

Salgono a 4 le partite rinviate nel campionato di A1 femminile. Dopo la sfida tra Pallanuoto Trieste e Bogliasco (per casi di positività nel gruppo squadra alabardato) e...

Pallanuoto, VetroCar Css Verona alle Monte Bianco con Trieste. Sparano: "Evitare pericolosi cali di concentrazione"

È vigilia di settimo turno di campionato, in cui la VetroCar Css Verona ospita alle Monte Bianco la Pallanuoto Trieste. Le gialloblù di Paolo Zizza hanno un unico...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?