Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Due appuntamenti per In-stabilestate il 16 e il 17 settembre: Il nobile guardaporte e Marammè

15/09/2023

Due appuntamenti nel week-end per In-stabilestate la rassegna di teatro in scena al Teatro Instabile Napoli. Si comincia sabato 16 settembre ore 18.00, in prima nazionale, debutta Il nobile guardaporte di Roberto del Gaudio con la regia di Maria Verde. In scena ci sarà Antonio De Rosa che interpreta il guardaporte Spinelli, un uomo "fuori tempo massimo": un esponente della antica nobiltà napoletana, caduto in disgrazia, costretto a vendere appartamento per appartamento l’ultimo palazzo di famiglia, laddove però resiste ritagliandosi il ruolo di portiere, appunto di "guardaporte". Posizione, quella della guardiola, che, seppure indice di una sconfitta personale e di una debacle storica irreversibile, gli consente di guardare le porte dei condomini come se fossero trasparenti, e di analizzare dunque una umanità persa nel quotidiano piccolo borghese vizio di essere al mondo per nulla. Né Religione, né Arte, nessun anelito metafisico sembrano pervadere le esistenze di questo nucleo bizzarro di persone, che Spinelli racconta con colta ironia, con raccapriccio, con umanità. Il condominio come metafora del mondo, delle comunità di oggi, della vita sociale stessa, con le sue situazioni drammatiche, comiche, assurde, ridicole, poetiche. L’amore, la cultura, il sapere, poi, quali ultimi disperati trampolini di lancio verso la perduta Bellezza, verso la dimensione di nobiltà smarrita, ritrovata nel suo sognante rapporto con Fiammetta, clavicembalista che riempie il suo cuore, il palazzo e la scena della musica dei grandi Maestri del passato: un tappeto fatato del tempo destinato a decadere verso le derive della modernità mercificata. Che ne sarà del Guardaporte, che ne sarà di Fiammetta, del loro amore inconfessato? Che ne sarà del rumore di sottofondo dei condomini, il rumore monotono e scialbo degli uomini della nostra epoca? La risposta, almeno in teatro, è ancora nel solito motto: "Chi è di scena!".

Domenica 17 settembre ore 18.30, Sasà Trapanese, diretto da Gigi Savoia, sarà in scena con l’atto unico Marammè di Rosario Salvati. Caverne, cunicoli silenziosi sotto i palazzi secolari del centro. Dall’alto un cono di luce fende il buio e colpisce il suolo sul fondo del pozzo, il grembo muto della memoria. In scena un uomo, una figura evocata forse dal suo stesso passato di cui ricorda ogni suono, ogni voce, ogni istante. È qui che Marammé, interpretato da Sasà Trapanese, parla ai suoi fantasmi, rivive il suo dramma: l’uccisione del fratello Giacomino - piegatosi alla malavita dei vicoli - a cui assiste non visto e di cui non rivelerà mai gli assassini. Il senso di colpa di Marammé si consuma in un racconto che viene come un’eco dal fondo del pozzo in cui precipitò quando era bambino e dove ritorna con la memoria per ritrovare l’amore di sua madre e la protezione del suo grembo. Marammé, un eroe dei nostri giorni, testimonia così che la gioia più grande si trova nella libertà, nella forza di scartare le scelte più facili, di non fare della dignità l’oggetto di un meschino baratto, di sorridere anche alla follia che gli viene scaraventata addosso per coprire verità che non vanno gridate.

Stefano Pignataro - Rassegna - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Giffoni Film Festival, Massimiliano Rossi: "Imparate a ragionare al di là dell'apparenza"

Trascinante, illuminante, formativo. L’incontro tra Massimiliano Rossi e i giffoner non è stato certo privo d’intensità. Per l’attore e...

Giffoni Film Festival, anteprima da applausi per "La Bicicletta di Bartali": la vera storia del campione in un film d'animazione

I piccoli giurati della sezione Elements +10 tra applausi e silenzi in sala hanno accolto con grande entusiasmo il film d’animazione "La Bicicletta di Bartali"...

Giffoni Film Festival, il viaggio della speranza di "Io Capitano" cattura il pubblico: "Sognare non ha colore"

Nella Sala Verde presente all’interno della Multimedia Valley è stato proiettato uno dei film maggiormente acclamati dal pubblico e dalla stampa durante la scorsa...

Giffoni Film Festival, presentato "Quel che resta": il docufilm punta a far chiarezza definitiva sul delitto Vassallo

"Noi di Impact saremo ambasciatori in Italia della storia di Angelo Vassallo. Contribuiremo alla ricerca della verità per il Sindaco Pescatore": con queste parole i...

Giffoni Film Festival, Margherita Vicario: "Il mio impegno da attrice e regista per dar voce alle donne invisibili"

Domande ma anche risposte che spaziano e prendono la forma della poliedricità di Margherita Vicario che durante il terzo giorno del Giffoni Film Festival ha incontrato i...

Disagi sull'autostrada A3: intervenga l'associazione dei consumatori

di Massimiliano Catapano
Dal 1° maggio 2024, gli automobilisti che percorrono l'autostrada A3 Napoli-Salerno stanno affrontando una grossa novità nei metodi di...

Salernitana, campagna abbonamenti 2024/25: delusione e protesta del CCSC

di Massimiliano Catapano
In un clima già teso e carico di aspettative, la pubblicazione dei prezzi degli abbonamenti per la stagione 2024/25 da parte della...

Salernitana, Dalmonte ha detto si: un rinforzo versatile per Martusciello

Il ritiro della Salernitana a Rivisondoli è pronto ad accogliere un nuovo volto: Nicola Dalmonte. L’attaccante esterno, che sta per essere ufficialmente trasferito...
Contatti - Privacy Policy

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?