Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Salernitana, onorata la memoria dei quattro tifosi morti nel rogo del 24 maggio 1999

25/05/2023

Ieri mattina il ds Morgan De Sanctis e il team manager Salvatore Avallone si sono recati presso il Cimitero di Salerno per onorare la memoria di Ciro, Peppe, Enzo e Simone, tragicamente scomparsi il 24 Maggio 1999 (foto Us Salernitana). Per non dimenticare. Ricorre l’anniversario della tragedia del treno Piacenza-Salerno. Sono trascorsi 24 anni da quel lontano 1999, anno in cui la Salernitana retrocesse in Serie B dopo un campionato altalenante che culminò, appunto, con la inopinata retrocessione dopo la sconfitta a Piacenza, in una gara nella quale la squadra granata aveva dato tutto ma, purtroppo, non raggiunse la tanto agognata salvezza. Tanti i tifosi erano al seguito di quella squadra ma il ritorno, purtroppo, si trasformò in tragedia. Un vagone del treno proprio di ritorno da Piacenza si incendiò sotto la galleria Santa Lucia prima di arrivare nella nostra stazione. Fu quella una tremenda sciagura che colpì quattro tifosi, quattro giovanissimi, quattro salernitani, Ciro Alfieri, Peppe Diodato, Enzo Lioi, Simone Vitale, che morirono nel rogo della carrozza. Sembra davvero ieri, nella nostra mente, quando nitidamente torno le immagini di quella tragedia. Qualcosa di orribile che quindici anni dopo ci riporta indietro nel tempo, facendoci rabbrividire di fronte ad un episodio così drammatico e soprattutto con degli interrogativi che tutt’ora rimangono: ma come si può morire per una partita di calcio?

Certo a distanza di anni, con il lutto ancora vivo soprattutto nelle famiglie dei ragazzi morti e che certamente si porteranno dietro nel corso della loro vita una siffatta tragedia, non è possibile darsi delle spiegazioni. Anche logiche. Perchè il calcio è uno sport e tale dovrebbe rimanere. Invece quella che fu una tragedia immensa e che fece tanto scalpore fu detto che si dovevano più ripetere. Purtroppo anche oggi, a distanza di anni si ripropongono ancora. Forse non come quella del 1999 ma certamente quando si va ad assistere a gare di calcio e poi molte culminano con scontri tra le opposte tifoserie o peggio ancora quando si spara sui tifosi avversari come è avvenuto nella gara di finale di Coppa Italia a Roma, allora si è raggiunto un punto di non ritorno. Perchè quello che è in Italia lo sport per eccellenza, rischia di essere messo al bando. La tragedia di Simone, Enzo, Ciro, Peppe dovrebbe far riflettere tutti. Per ritornare alla tragedia dei tifosi granata, ricordo ancora oggi la grande passione che nutriva Simone per la sua Salernitana. Quando veniva in tribuna stampa in compagnia del papà, il caro collega Giovanni, stravedeva per i colori granata e per i suoi beniamini che scendevano in campo. Forse Simone non avrebbe mai immaginato che proprio nell’anno della serie A, dopo una retrocessione, che ancora oggi grida vendetta per come arrivò, che la sua vita si sarebbe fermata, come quella degli altri tre giovani tifosi granata, a pochi metri da casa, in un tragico lunedì di maggio, ritornando dalla lunga trasferta di Piacenza.

FONTE: Cronache

Redazione Sport - Salernitana - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, il Pescara riapre le "Naiadi" portando i Muri Antichi alla bella. Lions beffati ai rigori. In finale Bari, Metanopoli, Piacenza e Aragno

A ritmo serrato i play-off di Serie B. Mercoledì 22 maggio si sono giocate le gare 2 di Semifinale e ben cinque verdetti sono stati emessi. Insieme al Circolo Nautico...

Pallanuoto, il Cosenza allunga progressivamente e festeggia la salvezza. Locatelli giù a testa alta

Lo scorso anno di questi tempi preparavano le finali play-off che le avrebbero portate in tandem in massima serie. Questa sera una delle due quell'A1 tanto sudata e sognata la...

A 20 anni dall'addio al calcio Roberto Baggio torna in campo a Salerno per l'Operazione Nostalgia

Sembrava un sogno, ora è realtà: Roberto Baggio farà parte della grande festa in programma il prossimo 8 giugno allo stadio "Arechi" di Salerno e poi il 7...

Pallanuoto, l'infinita saga Orizzonte continua nel ricordo di la Delfa. Miceli: "Lo Scudetto più difficile". Palmieri: "Continueremo a fare la storia"

Campione d'Italia per la ventiquattresima volta, quinta consecutiva. Continua la saga tricolore de L'Ekipe Orizzonte (foto DBM) che batte il Plebiscito Padova 14-12 in gara...

Pallanuoto, L'Ekipe Orizzonte vince le resistenze del Plebiscito e porta a casa il 24esimo Scudetto

Un trionfo nel ricordo di Giuseppe La Delfa onorato da una speciale maglia celebrativa. L'Ekipe Orizzonte è campione d'Italia per la 24esima volta superando in gara 3 un...

Pallavolo, presentata la Festa regionale Volley S3: storico evento a Piazza della Libertà tra sport ed inclusione

Mercoledì mattina presso la Sala del Gonfalone del Comune di Salerno si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della Festa regionale Volley S3 in programma...

Boxe, Aziz Abbes Mouhiidine si prepara alle Olimpiadi trionfando alla Iba Champions Night

Ritorno in pompa magna per Aziz Abbes Mouhiidine, il pugile originario di Mercato S. Severino, protagonista alle prossime Olimpiadi di Parigi 2024, che sabato sera ha trionfato...

Karate, il baby talento sanseverinese Antonio Moffa campione regionale dei pesi leggeri

Sugli scudi il dodicenne Antonio Moffa della palestra Olympic Planet di Mercato San Severino, che è riuscito ad imporsi nella categoria dei pesi leggeri al campionato...
Contatti - Privacy Policy

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?