Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Salernitana tritata dalla Juventus, Nicola: "Preso goal nei momenti chiave, a Verona saremo pronti"

08/02/2023

La Salernitana lascia risorgere la Juventus (foto Us Salernitana) nel posticipo del martedì all'"Arechi": la doppietta di Vlahovic inframezzata dal sigillo di Kostic su assist dello stesso serbo decide lo scontro "diretto" (0-3) e lascia immutata la posizione di classifica dei granata: "Nel primo tempo abbiamo fatto discretamente bene, ma abbiamo preso gol nei momenti chiave della partita. - spiega a fine gara mister Davide Nicola come ripreso da SalernitanaNews - Bisogna accettare la cosa, senza crocifiggere calciatori, soprattutto giovani come Nicolussi Caviglia. Quando prendi gol in certi momenti contro squadre come la Juventus non è facile reagire. Nella ripresa abbiamo dovuto cambiare qualcosa per cercare di alzare il baricentro ed essere più aggressivi, abbiamo subito preso il terzo gol ed è diventato più difficile riaprirla. Bisogna riconoscere i meriti dell’avversario, ma nel primo tempo abbiamo tenuto bene il campo. La reazione c’è stata, accettando con tre difensori il controllo di due attaccanti per creare presupposti per uomo su su uomo sulle corsie e controllare Locatelli con un giocatore che potesse avere qualità nella doppia fase e mettendo due mezzali che dovevano avere il compito di partecipare all’azione offensiva insieme agli esterni e tenere le punte più vicine. Non abbiamo sbagliato atteggiamento, abbiamo preso gol con troppa facilità, e per questo diventa molto difficile poter riaprire la partita contro la Juventus e non far sfuggire ulteriormente la partita. Sono parzialmente soddisfatto del primo tempo e dell’approccio iniziale, fino al rigore direi che abbiamo fatto bene, i ragazzi stavano cercando di produrre gioco, sapevamo che la Juve in realtà ha 41 punti e ha valori. Abbiamo preso gol nei momenti chiave della partita e ci siamo detti di non farla scappare ulteriormente, la scelta del secondo tempo è stata dettata dalla ricerca della scintilla, nel primo tempo abbiamo tenuto bene il campo a parte il rigore e quel gol subito un po’ da polli. Peccato. In casa abbiamo incontrato avversari che hanno un’altra forza di impatto. Dobbiamo limare qualcosa ulteriormente, stiamo dimostrando compattezza, ma che non dura ancora 90’, col Napoli e con la Juve l’abbiamo fatto a tratti, dobbiamo essere bravi a concedere meno".

Il tecnico si sofferma poi sui singoli atleti e reparti: "Nicolussi è un giocatore estremamente interessante, ha fatto sempre bene, stasera è stato nella condizione di sbagliare qualcosa. C’è un discorso sempre aperto, ci lamentiamo se i giovani non giocano, quando fanno errorini valutiamo che non possono giocare. Secondo me possono  coesistere lui e Bohinen, abbiamo anche cambiato Bradaric in prospettiva Verona dal momento che potevamo tenere dentro Sambia e allargare Candreva. La partita che andremo a fare lunedì sarà molto importante come lo era stasera, non mettiamo le pedine sulle partite che pensiamo di poter vincere, vogliamo sempre fare bene e riconosciamo sempre  il valore degli avversari. Lassana ha sempre giocato da quando ci sono io, ha capacità di poter essere sempre determinante, ci sono partite in cui è più brillante e partite in cui lo è meno, dipende dagli avversari o dalla singola gara. Stiamo cercando di far crescere di condizione Crnigoj che dimostra di conoscere la posizione, lo stesso Kastanos che è disponibile. Del centrocampo sono soddisfatto, abbiamo sei centrocampisti che si equivalgono e possono essere determinanti sia dall’inizio che subentrando. Dobbiamo continuare solo a lavorare. Dia? La sua posizione di partenza è una, poi nello sviluppo del gioco può fare la seconda punta, a Lecce lo ha fatto bene. Dobbiamo cercare magari di assecondarlo meglio quando si accentra e coprirgli le spalle quando perdiamo palla per scivolare con una mezzala ma anche vero che contro Napoli e Juventus devi avere accortezze maggiori. Dia ha qualità di sacrifico per la squadra, ha incontrato avversari tosti, ha fatto la sua partita, nel secondo tempo lo abbiamo accentrato, volevamo essere più aggressivi". Diventa fondamentale la trasferta di lunedì prossimo a Verona: "Volevamo far meglio, ora pensiamo a lunedì, sarà importantissima e dovremo farci trovare pronti. Abbiamo attaccato più a destra e Dia ha fatto fatica a mettersi in mostra in velocità. Non siamo stati rapidissimi nel giro palla, ma la Juventus abbassava il baricentro per trovare spazi. Ripeto, nel primo tempo non abbiamo fatto male. Prendiamo quello che c’è di buono, ovvero la mentalità con cui volevamo approcciare la partita e lavoriamo su quello che non è andato. A livello mentale non deve scattare niente, questa squadra è sempre stata presente nel lavoro settimanale, il percorso è giusto, ma dobbiamo cercare di essere più continui".

In casa bianconera appare sollevato Max Allegri: "I ragazzi hanno risposto bene, sono stati davvero buoni i primi 60 minuti. Dopo il 3-0 siamo stati troppo superficiali con troppi passaggi sbagliati. Abbiamo subito troppi tiri in porta, non abbiamo gestito bene i palloni e abbiamo concesso tanto. Nella parte finale anche i ragazzi sanno che bisogna far meglio. E’ come se fosse un contagio, la prima ora è andata bene siamo stati propositivi, poi quando abbiamo iniziato a passare troppo la palla al portiere, non è andata come volevo. Sappiamo che basta prendere un gol e gli avversari prendono coraggio e si fa presto a riaprire le gare. Questo è il calcio moderno. Ci sono dei passaggi nel match che ti fanno capire che bisogna migliorare degli aspetti mentali. Oggi era una gara non da giocare ma da vincere. Siamo entrati in gara dopo i primi 10 minuti, tecnicamente bisogna sbagliare meno. Oggi non era semplice, il vento ha asciugato molto il campo. C’è da lavorare tanto, anche sulla fase difensiva. I singoli? Abbiamo bisogno di tutti, Fagioli è entrato bene, Miretti stava facendo bene. Capisco che ci sono dei giocatori che restano fuori ed entrano nell’ultima mezz’ora ma tutti sono importanti per tenere i ritmi alti, specie se giochiamo ogni tre giorni, inoltre ci sono elementi che vengono da lunga inattività e quindi ci vuole un pochino per ritrovare il ritmo. Vlahovic si muove meglio, è più leggero e brillante. Ho detto che mancava solo il gol, infatti oggi ne sono arrivati due". Il tecnico livornese ha concluso: "In campo i punti sono 41, ce ne hanno tolti 15 e quindi siamo a 26. Per la salvezza ne servono ancora 14. Ora l’obiettivo è arrivare nella parte sinistra della classifica. La Salernitana sta facendo un buon campionato, è lontana dalla zona retrocessione con un allenatore importante. Nicolussi? E’ molto forte, ma soprattutto testardo e con grande carattere perché è arrivato in Serie A nonostante tante difficoltà. Quella granata è una squadra che si difende bene, che sa ripartire, reduce dalla vittoria di Lecce. Siamo partiti lenti ma poi abbiamo accelerato".

Rinato Dusan Vlahovic: "Abbiamo vinto la partita, questo è l’aspetto più importante. Ringrazio la squadra ed il mister, dobbiamo continuare così perché servono punti. Ho chiesto a Di Maria di lasciarmi tirare il rigore, gli attaccanti vivono per il goal. Ringrazio Angel per avermelo concesso. Io sono sempre a servizio della squadra. Il mister sa quanto possiamo dare e non vuole farci rilassare nonostante il 3-0. Dobbiamo restare compatti e concentrati, non possiamo sbagliare nulla o regalare agli avversari. Dobbiamo crescere e lavorare con più attenzione. Questa è la seconda partita dal mio rientro, ho bisogno di altri minuti per trovare il ritmo, sono sicuro che la condizione andrà migliorando con il passare delle giornate. Per noi è importante guardare una sfida alla volta, nella Juventus conta solo vincere e quindi bisogna fare più punti è possibile". La vittoria bianconera rappresenta anche un riscatto della deludente prestazione della gara di Torino: "Bisogna gestire meglio le partite senza prendere goal per avere fiducia e autostima. - spiega a Dazn Mattia De Sciglio - Ci vuole attenzione fino alla fine. La squadra stasera doveva evitare un approccio sbagliato come col Monza e anche con la Salernitana all’andata. Ci saremmo complicati la vita da soli, dobbiamo fare più punti possibili in attesa di altre decisioni". 

Redazione Sport - Salernitana - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Longobarda Salerno verso la vittoria a tavolino, sospeso lo scontro diretto con l'Angels Episcopio

Il match clou della penultima giornata del girone G di Seconda Categoria tra Angels Episcopio e Longobarda Salerno, vede l'arbitro sospendere le ostilità al 47' del primo...

Salerno Guiscards, l'ultima casalinga si chiude con un pareggio: l'Atletico San Valentino guadagna un punto a Casignano

Termina in parità l’ultima gara casalinga della stagione della Salerno Guiscards. Al Nuovo Centro Sportivo di Casignano, contro l’Atletico San Valentino i...

Olympic Salerno-Cava United 1-3. I metelliani chiudono con un successo, ultima casalinga amara per i colchoneros

Nel penultimo turno, ultimo casalingo, del girone G di Prima Categoria, l'Olympic Salerno cede al Cava United (1-3) venendo contestualmente superata dai metelliani al settimo...

Centro Storico Salerno, pari e patta sul campo del S. Egidio: salvezza più vicina

Nel penultimo turno della regular season del girone D del campionato regionale di Promozione, il Centro Storico Salerno strappa un pari d'oro allo "Spirito" contro il S. Egidio...

Salernum Baronissi trafitto nel finale dalla Pro Sangiorgese, i rossoblu tornano in corsa per la salvezza

E' un goal nel finale a decidere il confronto tra Salernum Baronissi e Pro Sangiorgese e valido per il trentaduesimo turno del girone B del campionato di Eccellenza. Gli ospiti...

Giffoni Sei Casali, sconfitta all'inglese sul campo della Scafatese

Il Giffoni Sei Casali esce sconfitto 2-0 dal "Vitiello" di Scafati contro i padroni di casa della Scafatese che, con i tre punti conquistati, inseguono il Castel San Giorgio...

Sarnese, il double è servito: il pari con la Virtus Avellino vale il ritorno in D. Farina ed Evacuo: "Ambiente ideale per fare calcio"

Basta il pari ad occhiali (0-0) in casa della Virtus Avellino per consentire alla Sarnese con due giornate d'anticipo di centrare la tanto agognata promozione in Serie D. La...

Pallanuoto, il derby tricolore parla patavino: il Plebiscito Padova vince le resistenze triestine e trionfa in Euro Cup

Parla patavino il derby del Triveneto che assegna il primo titolo continentale per club al femminile. Il Plebiscito Padova supera 10-8 la Pallanuoto Trieste nell'ultimo atto...
Contatti - Privacy Policy

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?