Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Discorso di fine anno, Mattarella: "Necessario rinforzare sistema sanitario, pagare le tasse per far funzionare l'Italia. Bene donna premier"

01/01/2023

Sergio Mattarella si rivolge agli italiani nel suo consueto discorso di fine anno, l'ottavo della sua carriera, con un messaggio di speranza e forza. Il Presidente della Repubblica sottolinea come il Paese abbia "reagito alla crisi con grande crescita" e anche come il 2022 sia stato "un anno impegnativo e complesso". La nomina della prima donna presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, l'ha definita un "segno di maturità del Paese", osservando come nel giro di pochi anni "tutti i partiti abbiano vissuto un'esperienza di governo". Il Capo dello Stato sottolinea poi la necessità di "rinforzare il Sistema sanitario nazionale" e di pagare le tasse per "far funzionare l'Italia". Mattarella ha parlato agli italiani dalla Sala della musica, che si trova nell'ala neoclassica della Palazzina del Quirinale. Il Capo dello Stato ha recitato il suo discorso in piedi, come nei due anni precedenti, a reti unificate. Alle sue spalle una finestra su Roma, l'albero di Natale e le bandiere dell'Italia, dell'Ue e della Presidenza della Repubblica.

L'ottavo discorso di fine anno di Mattarella - Quello del 2022 è il suo ottavo messaggio di fine anno nei panni di Presidente della Repubblica. Quello pronunciato lo scorso anno avrebbe dovuto essere il suo ultimo. All'epoca aveva infatti detto: "Ho sempre vissuto questo tradizionale appuntamento di fine anno con molto coinvolgimento e anche con un po' di emozione. Oggi questi sentimenti sono accresciuti dal fatto che, tra pochi giorni, come dispone la Costituzione, si concluderà il mio ruolo di Presidente". Le cose poi sono andate diversamente e Mattarella ha risposto ancora una volta alle esigenze della nazione.

Soddisfazione per la prima donna premier - "Il chiaro risultato elettorale ha consentito la veloce nascita del nuovo governo, guidato, per la prima volta, da una donna", ha affermato Mattarella. "È questa una novità di grande significato sociale e culturale, che era da tempo matura nel nostro Paese, oggi divenuta realtà. Questa consapevolezza, nel rispetto della dialettica tra maggioranza e opposizione, induce a una comune visione del nostro sistema democratico, al rispetto di regole che non possono essere disattese, del ruolo di ciascuno nella vita politica della Repubblica. Questo corrisponde allo spirito della Costituzione".

"Tutti i partiti hanno fatto esperienza di governo" - Per quanto riguarda le varie formazioni che si sono avvicendate al governo durante i suoi anni al Quirinale, il Capo dello Stato ha sottolineato come "nell'arco di pochi anni si sono alternate al governo pressoché tutte le forze politiche presenti in Parlamento, in diverse coalizioni parlamentari. Quanto avvenuto le ha poste, tutte, in tempi diversi, di fronte alla necessità di misurarsi con le difficoltà del governare. Riconoscere la complessità, esercitare la responsabilità delle scelte, confrontarsi con i limiti imposti da una realtà sempre più caratterizzata da fenomeni globali: dalla pandemia alla guerra, dalla crisi energetica a quella alimentare, dai cambiamenti climatici ai fenomeni migratori".

 "Il 2022 è stato un anno impegnativo" - Mattarella ha aperto il suo discorso ribadendo come il 2022 sia stato un anno "impegnativo e complesso" come i sette che hanno caratterizzato il suo primo mandato. "Un anno addietro, rivolgendomi a voi in questa occasione, definivo i sette anni precedenti come impegnativi e complessi. Lo è stato anche l'anno trascorso, così denso di eventi politici e istituzionali di rilievo. L'elezione del Presidente della Repubblica, con la scelta del Parlamento e dei delegati delle Regioni che, in modo per me inatteso, mi impegna per un secondo mandato".

"Pagare le tasse serve a far funzionare l'Italia" - Secondo Mattarella, la Repubblica "sta nel senso civico di chi paga le imposte perche' questo serve a far funzionare l'Italia e quindi al bene comune".

"Il 2023 porti il silenzio delle armi" - Mattarella ha poi auspicato un 2023 di cambiamento profondo, parlando anche della guerra in Ucraina. "Siamo in attesa di accogliere il nuovo anno, ma anche in queste ore il pensiero non riesce a distogliersi dalla guerra che sta insanguinando il nostro Continente. Il 2022 è stato l'anno della folle guerra scatenata dalla Russia. La risposta dell'Italia, dell'Europa e dell'Occidente è stata un pieno sostegno al Paese aggredito e al popolo ucraino, il quale con coraggio sta difendendo la propria libertà e i propri diritti. Se questo è stato l'anno della guerra, dobbiamo concentrare gli sforzi affinché il 2023 sia l'anno della fine delle ostilità, del silenzio delle armi, del fermarsi di questa disumana scia di sangue, di morti, di sofferenze. La pace è parte fondativa dell'identità europea e, fin dall'inizio del conflitto, l'Europa cerca spiragli per raggiungerla nella giustizia e nella libertà. Alla pace esorta costantemente Papa Francesco, cui rivolgo, con grande affetto, un saluto riconoscente, esprimendogli il sentito cordoglio dell'Italia per la morte del Papa emerito Benedetto XVI".

"La responsabilità della guerra è di chi aggredisce, non di chi difende" - Il Presidente della Repubblica ha insistito particolarmente sul tema della guerra. "Di questi ulteriori gravi danni, la responsabilità ricade interamente su chi ha aggredito e non su chi si difende o su chi lo aiuta a difendersi".

"La spesa per le armi potrebbe andare alla lotta alla fame" - "Si prova profonda tristezza per le tante vite umane perdute e perché, ogni giorno, vengono distrutte case, ospedali, scuole, teatri, trasformando città e paesi in un cumulo di rovine. Vengono bruciate, per armamenti, immani quantità di risorse finanziarie che, se destinaste alla fame nel mondo, alla lotta alle malattie o alla povertà, sarebbero di sollievo per l'umanità".

"Il Sistema sanitario nazionale va rinforzato" - Il messaggio di Mattarella ha toccato anche il tema della sanità e del Covid. "Occorre operare affinché quel presidio insostituibile di unità del Paese rappresentato dal Servizio sanitario nazionale si rafforzi, ponendo sempre più al centro la persona e i suoi bisogni concreti, nel territorio in cui vive. È uno degli insegnamenti da non dimenticare della pandemia. Abbiamo compreso che la scienza, le istituzioni civili, la solidarietà concreta sono risorse preziose di una comunità, e tanto più sono efficaci quanto più sono capaci di integrarsi, di sostenersi a vicenda. Quanto più producono fiducia e responsabilità nelle persone".

"Disoccupati e precari prezzo sono un troppo alto per l'Italia" - Tornando sugli argomenti di ambito economico e sociale, la massima carica dello Stato ha affermato: "So bene quanti italiani affrontano questi mesi con grandi preoccupazioni. L'inflazione, i costi dell'energia, le difficoltà di tante famiglie e imprese, l'aumento della povertà e del bisogno. La carenza di lavoro sottrae diritti e dignità: ancora troppo alto è il prezzo che paghiamo alla disoccupazione e alla precarietà".

"Salvare il pianeta, attuare la transizione energetica" - Il Presidente della Repubblica ha poi dedicato una parte del suo discorso anche ai temi ambientali. "Mettere al sicuro il pianeta, e quindi il futuro dell'umanità, significa affrontare con concretezza la transizione energetica. L'energia è ciò che permette alle nostre società di vivere e progredire. Il complesso lavoro che occorre per passare dalle fonti tradizionali, inquinanti e dannose, alle energie rinnovabili, rappresenta la nuova frontiera dei nostri sistemi economici. Non è un caso se su questi temi, e in particolare per l'affermazione di una nuova cultura ecologista, registriamo la mobilitazione di tanti giovani".

FONTE: TGCom24

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno, sicurezza stradale sacrificata per la burocrazia: "Niente mezzi e uomini"

La sicurezza delle strade e dei cittadini “sacrificata” sull’altare della burocrazia e della carenza dei fondi. È quanto emerge dalle parole del sindaco...

Pallanuoto, il Circolo Nautico si fa riprendere clamorosamente dai Muri Antichi e regala tre punti agli etnei

A Catania ultimo tempo da incubo e da dimenticare per il Circolo Nautico Salerno che subisce un parziale di 6-1 ed esce sconfitto nello scontro diretto con i Muri...

Centro Storico Salerno, blitz di misura con la Sarnese

Secondo successo consecutivo per il Centro Storico Salerno, corsaro allo "Squitieri" (teatro della indimenticabile vittoria della Coppa Campania di Prima Categoria contro il...

Valentino Mazzola, ritorno al successo per i coperchiesi: Mercogliano stende il Montoro

Una bella, bellissima Valentino Mazzola esce trionfante col punteggio di 0-1 sul difficile campo di Montoro e torna al successo. Nelle ultime gara non è mancata la...

Pallanuoto, il Recco passa alla "Vitale" contro una reattiva RN Salerno

La Pro Recco sconfigge la Check Up RN Salerno nel posticipo della sedicesima giornata di Serie A1: alla "Vitale" i biancocelesti si impongono per 7-13 e mantengono tre punti di...

Salerno Guiscards-Pol. Baronissi 1-0. Una pennellata di Bosco restituisce il sorriso ai foxes. Debutto per i cugini Solimene

Una pennellata dal limite di Bosco regala tre punti pesantissimi alla Salerno Guiscards che batte il Baronissi nello scontro salvezza ritrovando la vittoria dopo sette giornate....

Calcio a 5, Alma Salerno rimontata dal Pisticci: dopo otto anni i granata si avviano a salutare la B

Non è bastata l'ennesima rivoluzione in casa Alma Salerno per dare una svolta alla stagione. I granata, reduci dal ko 3-8 col Sammichele (reti di Marino, Dariel e...

Salernum Baronissi, Totaro replica a De Maio: lo scontro salvezza di Buccino termina senza vinti e vincitori

Non vanno oltre l'1-1 Buccino Volcei e Salernum Baronissi nello scontro-salvezza del "Paolino Via". Gara combattuta e giocata su alti ritmi, caratterizzata anche da un gioco...
Contatti - Privacy Policy

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?