Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Tragedia di San Mango, sui social il dolore del figlio: "Mamma, ti amo"

18/11/2022

"Sei, sarai e sei sempre stata il mio tutto. Mamma, ti amo". È la frase comparsa ieri mattina sulla bacheca Facebook del figlio maggiore di Paola Larocca e Rodolfo Anastasio; un post scritto a 24 ore esatte dalla tragedia che si è consumata nel Parco Fiorito di San Mango Piemonte: l’omicidio della donna di 55 anni e il suicidio del marito 56enne che hanno lasciato senza fiato tutta la comunità dei Picentini e l’intera città di Salerno. Un messaggio breve, conciso, per esprimere tutto l’amore di un giovane di 32 anni che sta affrontando uno dei momenti più difficili della sua vita, quelli in cui necessariamente dovrà metabolizzare quanto accaduto e provare ad andare avanti senza contare sui riferimenti di tutta la sua esistenza. Poche parole e una fotografia, di alcuni anni fa, in cui Paola è abbracciata e baciata dal 32enne. Un figlio che mostra tutto il suo amore alla propria madre. Che, adesso, non potrà accarezzare mai più. Il dayafter della tragedia avvenuta poco dopo l’alba di mercoledì in una villetta ai piedi del monte Tubenna è il giorno della consapevolezza. Della presa di coscienza di tutti di quanto accaduto e anche del fatto che, con buona probabilità così come emerso già dai primi riscontri, Rodolfo Anastasio aveva studiato fin nei minimi particolari quell’omicidio-suicidio.

Il post del 32enne figlio della coppia protagonista di questa tragedia indicibile è diventato subito virale. Centinaia di “like” ma pure di messaggi per provare a dare forza al giovane che, al momento del raptus del padre era in mansarda e stava ancora dormendo. "Non ti conosco ma sono stata tante volte al tuo ristorante. Sono mamma e mi si stringe il cuore a pensare a ciò che state provando tu e tuo fratello. Un abbraccio fortissimo che non è e non può essere quello della tua mamma ma, credimi, gli somiglia tantissimo. Ora lei intercederà perché possiate trovare conforto in tanto dolore", il commento fra i più accorati di una cliente del locale del centro di Salerno. Nel post del primogenito della famiglia Anastasio non c’è alcun cenno al padre, al 56enne ristoratore che ha messo fine alla sua esistenza e a quella della donna della sua vita. Poche parole per esprimere quello che è pure il dolore del fratello di 29 anni, il giovane che si è precipitato nel giardino di casa per disarmare il padre dopo che aveva colpito con un coltello la madre almeno per quattro volte, restando anche ferito a una mano. Anche ieri i due sono stati ascoltati dai Carabinieri della Compagnia di Salerno guidati dal maggiore Antonio Corvino che, su delega della Procura (il pm titolare delle indagini è Carlo Rinaldi), stanno effettuando gli accertamenti sulla vicenda. Per l’intera giornata, poi, anche la bacheca del ristorante “Pinocchio”, il locale di lungomare Trieste di proprietà della famiglia Anastasio, è sommersa di messaggi tra ricordi e una domanda costante: "Perché?".

Con il passare delle ore e dopo la raccolta di diversi elementi utili per le indagini, l’ipotesi che Rodolfo Anastasio abbia studiato tutto prende sempre più corpo. L’uomo, infatti, intorno alle 6 ha raggiunto San Mango Piemonte in auto da Salerno e si è introdotto nell’abitazione che aveva lasciato tre mesi fa scavalcando il cancello d’ingresso. Da lì, poi, ha raggiunto il giardino dove c’erano i suoi due cani in attesa dell’arrivo della moglie che, intorno alle 6.30, è comparsa nell'area esterna della villetta. Rodolfo si è subito scagliato contro Paola, colpendola almeno quattro volte, due al petto e altrettante a un fianco. Non sono riusciti a fermarlo neanche i suoi animali: nel giardino, infatti, i cani hanno attaccato Anastasio non appena si è scagliato contro la padrona ma anche quest’azione - insieme a quella del figlio minore intervenuto in pochi attimi - è riuscita ad evitare la tragedia. Anastasio si era presentato in casa già armato: un altro elemento che fa ipotizzare la premeditazione insieme alla presenza nella sua auto di una corda poi utilizzata per togliersi la vita sul cavalcavia di San Mango che sovrastata l'autostrada A2. Che il 56enne ristoratore abbia studiato tutta l’azione emerge anche da quanto accaduto la sera prima in una cena con gli amici in cui aveva ribadito la sua volontà di provare a sanare il rapporto con la moglie. Tutti hanno tentato di farlo desistere, di cambiare vita. Ma c’è una frase, rivelata da Telecolore, che potrebbe rappresentare un altro segnale delle sue intenzioni: "O tutto per me, o niente per nessuno", avrebbe detto a tavola ad alcune persone che, soltanto dopo la tragedia di mercoledì mattina, hanno dato peso a quelle parole che parevano quasi senza senso.

FONTE: La Città

Salerno - Cronaca - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, la passione infinita di Gerardo Biancardi: il salernitano torna in vasca 8 anni dopo la Rari e l'esperienza in Inghilterra

Inizierà sabato alle 17.45 contro la neopromossa Osimo Pirates la stagione 2022/23 nel campionato nazionale di Serie B per la Sea Sub Modena. In vasca ci sarà un...

Calcio a 5, anticipo del venerdì a San Rufo per la Salerno Guiscards

Anticipo di campionato per il team Calcio a 5 della Polisportiva Salerno Guiscards. La formazione cara al presidente Pino D’Andrea, infatti, domani sera, venerdì,...

Abusivismo edilizio e lavoro nero, raffica di sanzioni in Costiera amalfitana

I Carabinieri della Compagnia di Amalfi, lunedì scorso e insieme ai colleghi del Nucleo dell'Ispettorato del Lavoro di Salerno, hanno svolto numerosi controlli presso...

Salernum Baronissi, quattro atleti salutano la squadra di mister Leone

In concomitanza con l'inizio del calciomercato riservato ai club della LND, il Salernum Baronissi ha comunicato la risoluzione del tesseramento con quattro atleti. I primi a...

Sequestrati 230 chili di botti illegali a Sant'Egidio del Monte Albino

Nei giorni scorsi, la Guardia di Finanza  di Salerno ha sottoposto a sequestro oltre 230 chili di fuochi d'artificio non a norma, destinati alla vendita illegale, a...

Pallanuoto, Circolo Nautico pronto all'esordio tra speranze e timori. Giarletta: "Vicenda piscina assurda". Grieco ed Esposito: "Restiamo ottimisti"

Sabato 3 dicembre inizia il campionato nazionale di Serie B che vedrà il Circolo Nautico Salerno impegnato nel difficile girone 4 con ben 6 squadre siciliane, la favorita...

Pallanuoto, Napoli Lions pronta al debutto in B. Galasso: "Girone competitivo, imporre il nostro gioco con qualsiasi avversario"

Alla vigilia del primo impegno stagionale con i Muri Antichi, il tecnico della Waterpolo Napoli Lions Fabio Galasso presenta così il girone in cui è stata inserita...

Yohiro, il cortometraggio del salernitano Luigi Di Domenico al Festival Internazionale del Cinema di Salerno

"Yohiro" il cortometraggio prodotto e diretto da Luigi Di Domenico è stato presentato il 30 novembre alla 76a edizione del Festival Internazionale del Cinema di Salerno,...
Contatti - Privacy Policy

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?