Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Processo Coop, nuova indagine e denuncia: in aula "spuntano" i regali

03/10/2022

L’udienza che doveva essere decisiva per sciogliere il nodo dell’utilizzabilità delle intercettazioni ha lasciato spazio ad altri colpi di scena. Perché se la decisione sul materiale raccolto tramite telefoni e trojan arriverà solo il prossimo 6 ottobre, ieri nel corso dell’udienza del processo sui rapporti tra coop e politica a Salerno sono emersi nuovi elementi. Tre sorprese: Fiorenzo “Vittorio” Zoccola, il presunto dominus del “sistema”, avrebbe presentato nel 2018 una denuncia per abuso d’ufficio contro la commissione di gara e il relativo Rup di un appalto per i servizi di manutenzione in città. Sarebbe poi stata avviata un’altra indagine da parte della Procura sui promemoria “al Presidente” sequestrati nel corso degli accessi nella sede di una coop: approfondimenti che riguarderebbero in particolare i lavori per la realizzazione della rotatoria di via Rocco Cocchia. E, nel corso dell’udienza, sono emersi anche alcuni regali che sarebbero stati fatti da Zoccola a un nutrito gruppo di persone in occasione delle festività. Le novità sono emerse nel corso del controesame del sostituto commissario Rosario D’Ecclesia della Squadra Mobile che ha condotto buona parte delle indagini che hanno portato al processo per Zoccola e il consigliere regionale (ora sospeso) Nino Savastano, entrambi accusati di corruzione elettorale. Un fuoco di fila di domande da parte dei difensori (Agostino De Caro e Giovanni Annunziata per Savastano, Giuseppe Della Monica e Gaetano Manzi per Zoccola), quasi ritmate tra loro e senza mai sovrapporsi. Zoccola, nel 2018, avrebbe presentato una denuncia per l’esclusione da una gara del Comune di Salerno di una coop consorziata al Css, il Consorzio solidarietà salernitano che “univa” diverse società e all’epoca guidato proprio dall’imprenditore: la denuncia puntava il dito contro l’operato della commissione e del Rup. La circostanza è emersa da una domanda posta dall’avvocato Della Monica all’investigatore che non aveva notizia di questo esposto. Elemento riportato alla luce dalla difesa per dimostrare i rapporti “non idilliaci” tra Zoccola e gli uffici comunali ma pure per evidenziare l’operatività del Css, a nome del quale era stata presentata la denuncia. Proprio l’operatività del consorzio è uno dei punti centrali dell’indagine. A domanda dei pm, il sostituto commissario D’Ecclesia ha risposto che tra i documenti sequestrati non c’era nessuno che provava la sua operatività. Anzi: nei promemoria destinati al presidente Vincenzo De Luca ci si lamenta proprio del “blocco” del consorzio. Se il Css non era operativo, perché alcuni documenti di vario genere timbri di più coop furono trovati nella sua sede di via Parmenide? La difesa di Zoccola, invece, tende a provare che il consorzio fosse operativo e quindi funzionasse da supporto alle varie coop, giustificando così anche i ritrovamenti avvenuti in un ufficio dove trovava sede anche un’altra “sociale”. In più, i difensori hanno battuto il tasto anche sulla scoperta di una pennetta informatica contenente alcuni documenti relativi alla “San Matteo” durante una perquisizione effettuata al presidente della “Lavoro Vero”: questi era anche il commercialista della “sociale”. A domanda dell’avvocato Manzi sulle varie fatture rinvenute, D’Ecclesia ha risposto di non aver eseguito accertamenti bancari per riscontrare un’eventuale movimentazione di denaro. Durante il controesame del teste ci si è soffermati molto sui “promemoria per il Presidente”. Gli avvocati di Zoccola hanno chiesto quanti fossero e soprattutto se spesso erano stati ripetuti gli stessi fatti in più di un foglio, ricevendo una risposta affermativa dal teste. Al che, i difensori hanno chiesto se si trattasse di vicende anche di pubblico interesse e se si fosse verificato il loro contenuto. A questo punto si sono opposti alla domanda i pm: dal confronto in dibattimento tra accusa e difesa si è capito che un’indagine c’è - o c’è stata - in particolare sulla rotonda di via Rocco Cocchia. Un accenno, poi, è stato fatto anche sui fogli dove si parlava di tessere con dei numeri segnati a fianco e, soprattutto, sui regali a dirigenti e funzionari pubblici, in occasione delle festività di Natale e Pasqua: al momento non è emersa in aula l’entità di queste regalie, un punto nodale per stabilire la “portata penale” dei doni. Più breve il controesame di D’Ecclesia da parte degli avvocati di Savastano. Il professore De Caro ha chiesto al sostituto commissario se fossero stati trovati nelle varie perquisizioni alle cooperative o alle abitazione di altri indagati bigliettini o altri elementi che avessero a che fare con l’ex assessore alle Politiche Sociali, ricevendo una risposta negativa. L’avvocato Annunziata si è soffermato sulla delibera di giunta del Comune che apriva l’affidamento dei servizi non solo alle coop di tipo B, ma anche alle altre società, chiedendo se in questa si fosse mai accennato alle proroghe degli appalti: anche in questo caso la risposta è stata negativa.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno, furti in appartamento: arrestato straniero irregolare

Sorpreso a rubare a rubare in un appartamento, arrestato giovane straniero. Gli agenti della sezione Volanti di Salerno hanno fatto scattare l manette ai polsi di W.K.I,...

Salerno All Stars Cup, continua il duello tra 4Burger e Banzai in attesa dello scontro diretto

di Chiara Napoli
Continua il torneo Salerno All Stars Cup ormai giunto alla sedicesima giornata, che si è aperta mercoledì sera con l’Ottica 3D Salerno e...

Polisportiva Baronissi, patron Siniscalco: "Vittoria fondamentale per infondere fiducia all'intero ambiente"

Ritorno alla vittoria per la Polisportiva Baronissi che nella terza giornata di ritorno del girone G di Prima Categoria batte di misura il Montoro e recupera punti preziosi per...

Tragedia a Campagna, 22enne muore travolto dalla legna

Travolto dalla legna caduta dal retro del camion, muore dopo pochi minuti di agonia. L’incidente sul lavoro è avvenuto ieri pomeriggio a Campagna, in...

Salerno, spaccio di hashish: arrestato 20enne

La Polizia di Stato ha arrestato un giovane spacciatore nel centro di Salerno. Nella serata di sabato, nella zona della Lungo Irno, gli Agenti della Polizia di Stato della...

Pallanuoto, A2 femminile: in quattro a punteggio pieno. Big match al Cosenza, primo successo per la Vis Nova. Pari e polemiche tra Volturno e Lazio

Terza giornata per il campionato di A2 femminile e quattro squadre in vetta a punteggio pieno, equamente distribuite tra i due raggruppamenti. Nel girone Nord prosegue senza...

Basket, Virtus Arechi sorpresa in casa dal Cassino

Nessun segnale di ripresa, nessuna svolta in casa Lars Virtus Arechi Salerno. E così dopo la vittoria della Virtus Cassino al Pala Longo (77-90) c’è da fare...

Rugby, derby di rimpianti per l'Arechi: vince il Benevento ma Dragoni in crescita

Sconfitta e rammarico. L’Arechi Rugby perde il derby casalingo con il Benevento Rugby, squadra sicuramente più blasonata ma di certo non irresistibile questo fine...
Contatti - Privacy Policy

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?