Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Minacce dai ragazzi del boss, il primario finisce nel mirino

19/06/2022

Fra le corsie del “Ruggi”, per tutta la giornata, non si è parlato d’altro. Perché è inquietante ciò che emerge dalla denuncia presentata ai carabinieri dal primario del reparto di Gravidanze a Rischio del nosocomio di via San Leonardo, Mario Polichetti. Mercoledì, infatti, lo specialista (sindacalista della Uil Fpl e vice coordinatore regionale dell’Udc) è rimasto per molte ore all’interno della caserma dell’Arma di Mercatello. Ha presentato una denuncia in cui ha segnalato di aver subito delle minacce. Con retroscena che, adesso, preoccupano non solo il medico rocchese ma l’intera Azienda Universitaria guidata dal manager Vincenzo D’Amato: le “pressioni” su Polichetti, infatti, sarebbero arrivate da due persone che si sono dichiarate vicine a un personaggio di spicco della malavita del capoluogo, chiamate a risolvere dei problemi riscontrati con un altro operatore dell’ospedale di via San Leonardo. Ora toccherà ai carabinieri far luce su una vicenda dai contorni misteriosi. E preoccupanti. Polichetti si è recato direttamente dai carabinieri dopo aver saputo delle minacce da un suo caro amico. Il conoscente del medico, infatti, è stato contattato dal titolare di un’attività commerciale di Roccapiemonte, centro della Valle dell’Orco dove risiede il ginecologo, riferendo di un incontro “molto particolare”: due persone, infatti, hanno chiesto informazioni su Polichetti, raccontando di essere degli “emissari” di un storico personaggio di spicco della malavita di Salerno. E, nel corso del colloquio, avrebbero segnalato anche alcuni problemi sorti al “Ruggi” con un altro operatore in servizio in via San Leonardo, dicendosi pronti a fare da “mediatori” per risolvere la questione in modo amichevole. E, in caso contrario, si sarebbero “visti costretti” ad agire in altro modo. Un racconto choc che ha atterrito sia l’amico di Polichetti che ha immediatamente segnalato l’accaduto al primario del “Ruggi” che, spaventato, si è immediatamente recato alla stazione dei Carabinieri di Mercatello per sporgere denuncia contro ignoti. Toccherà ai militari dell’Arma, adesso, chiarire i risvolti di questa vicenda che sta inquietando tutta l’Azienda Universitaria e cercare gli autori di queste minacce. In una nota, Polichetti ha chiarito la vicenda che l’ha visto inconsapevole protagonista. Esprimendo anche tanta preoccupazione per ciò che si è verificato nelle scorse ore. «Ho provveduto a sporgere denuncia ai carabinieri per minacce legate alla mia attività professionale di medico all’ospedale di Salerno », la premessa del primario del reparto di Gravidanze a Rischio del “Ruggi” che ha reso nota la vicenda. «Ho fiducia negli inquirenti. A loro ho spiegato come sono andati i fatti, avvenuti a Roccapiemonte, città dove sono nato e vivo con la mia famiglia. Si tratta di questioni legate alla mia attività di medico presso l’ospedale “Ruggi”. Sono rimasto basito da quanto accaduto». Polichetti, inoltre, lancia anche un monito affinché la sua segnalazione alle forze dell’ordine suoni come un campanello d’allarme - forte per tutti gli operatori sanitari: «La mia denuncia, oltre a una tutela di natura personale, vuole essere un monito per tutti quelli che lavorano per l’azienda “Ruggi”. La voglia di rivalsa, di fare carriera e di prevalere sugli altri sta portando a dinamiche che poco hanno a che fare col giuramento di Ippocrate. Dietro i colletti bianchi, purtroppo, non si sempre si nascondono delle brave persone. La magistratura farà il suo corso». Ora si attendono ulteriori riscontri alle indagini su una vicenda che ieri ha tenuto banco fra le corsie dell’ospedale “Ruggi” e non solo.

FONTE: La Città

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, la De Akker resiste all'assalto Canottieri e vola in A1. Bogliasco e Vis Nova a gara 3

E' la De Akker Bologna la prima squadra promossa in A1. Gli emiliani superano il CC Napoli 10-9 in gara 3. I padroni di casa conducono il gioco, trascinati dalle triplette...

Pallanuoto, Settebello dai due volti: la Spagna controrimonta e si prende i Quarti

Non basta un Settebello combattivo e a tratti spettacolare per battere la Spagna, vice campionessa olimpica, e approdare direttamente ai Quarti di finale dei 19esimi Mondiali....

Salerno, riapre la sacrestia di Sant'Agostino

Un luogo della storia della città apre le sue porte a visitatori e fedeli. Sarà inaugurata martedì prossimo (ore 19.30) la storica sacrestia della chiesa di...

Salerno, lotta ai "cafoni" dei rifiuti: sparisce l'indifferenziata

Nelle ultime due settimane gli operatori di Salerno Pulita hanno raccolto 100 tonnellate di indifferenziato in meno e circa 60 tonnellate di organico in più dai sacchetti...

Pallanuoto, esordio vincente per l'Italia ai Giochi del Mediterraneo

Esordio vincente ai Giochi del Mediterraneo, in programma ad Orano (24-30 giugno), in Algeria, per la Nazionale Under 18 guidata dal tecnico responsabile Alberto Angelini,...

Calcio a 5, Sporting Sala Consilina e Vietri Raito si laureano campioni provinciali Under 17 e 15

Si sono conclusi i campionati provinciali di Calcio a 5. Nell'Under 17 successo dello Sporting Sala Consilina che superando nello scontro diretto L'Ancora Atrani Minori in quel...

Università, numeri preoccupanti per Salerno

Emorragia di iscrizioni a Salerno. Il Covid non fa bene alle Università ma qualcuna ne risente più delle altre. E Unisa, stando ai freddi numeri, è tra...

Pallanuoto, il Setterosa travolge la Colombia e congela il primato

Il primo obiettivo è stato centrato. Il Setterosa (foto DBM) vince il girone preliminare e approdare direttamente ai Quarti di finale, in programma martedì 28...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?