Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Pallanuoto, i rigori portano il Brescia a gara 3. Recco a fatica sul Savona, Ortigia di slancio. Festa Roma, Metanopoli condannata all'A2

14/05/2022

La Semifnale che non ti aspetti, dall'esito tanto incerto da renderla unica. Il bello dello sport, della Pallanuoto. Tempo di gare 2 dei play-off che portano dritti allo Scudetto. Al Polo Natatorio "Bruno Bianchi" di Treste c'è il sold out. Novecento spettatori in tribuna per spingere i ragazzi terribili guidati da Daniele Bettini verso il colpo grosso con i Campioni d'Italia in carica dell'AN Brescia del collega ed amico Sandro Bovo. Si partiva dall'11-10 del 6 maggio a Brescia. Questa volta i lombardi non si distraggono e sembrano volerla chiudere in 12'30" con un break di 7-0 (doppiette di Luongo e Presciutti, Vapenski, Lazic e Dolce) che però non spenge l'entusiasmo dei tifosi di casa. Brescia non ripete gli errori commessi in gara1 e la Pallanuoto Trieste non ripete le ultime due brillanti prestazioni offerte in campionato prima e in post season poi contro i lombardi. Almeno in avvio, perché nella terza frazione di gara, dove gli ospiti si affacciano avanti 8-2 con Costantin Bicari ad allungare dopo l'uno-due firmato da Bego e Mezzarobba, i muli tornano a farsi intraprendenti e la riprendono nonostante l'uscita anticipata per limite di falli di Inaba (arriverà la definitiva anche per Mladossich e Bini peri i locali; Di Somma e Dolce per gli ospiti), alla peggior prestazione stagionale. Contro break di 4-0 a cui si aggiunge il rigore parato da Oliva a Presciutti. Succede anche che Trieste riesca a difendere una triplice inferiorità. Trascorrono 40 secondi dell'ultimo tempo e Ivan Buljubasic mette paura al Brescia (7-8) dando seguito al precedente guizzo ed alle reti di Bini e Petronio, quando mancano 3'46" da giocare Podgornik pareggia e cinquanta secondi dopo Mezzarobba con l'uomo in più segna il goal del sorpasso. I ragazzi di Bovo sono obbligati a vincere per allungare la serie a gara 3. Dopo 13'39" di blackout Presciutti riaccende la luce: il capitano porta Brescia in superficie (9-9). Si va ai rigori. Vince chi sbaglia meno. Tesanovic ne para due a Mezzarobba, il fautore della rimontona, e ringrazia Petronio che tira alto; Oliva ne para uno a Luongo e l'altro a Renzuto Iodice ma nulla può sull'ultimo decisivo di Presciutti già a bersaglio al primo giro: 13-14 (segnano anche Razzi, Buljiubasic e Vrlic per gli alabardati; Vapenski e Alesiani per i lombardi) e prossimo appuntamento fissato mercoledì 18 maggio alle 18.30 al Centro Natatorio Mompiano e in diretta su Rai Sport +HD. Tutto ancora può succedere.

Nell'altro incrocio alla "Zanelli" va in onda un'altra partita spettacolare e avvincente. La RN Savona di Alberto Angelini non ci sta a fare da sparring partner e interpreta una partita coraggiosa e volitiva. Finise 7-9 per i Campioni d'Europa della Pro Recco ma quanta fatica per i ragazzi di Sukno. Si parte dal successo in gara 1 per 14-6 di Recco ma questa è un'altra partita. Primo tempo ad alta velocità che Savona chiude meritatamente in vantaggio con le firme di Fondelli, Iocchi Gratta, Rocchi e Campopiano, gli ultimi tre tutti in superiorità, inframezzati da Figlioli dopo il vantaggio di Aicardi. Nel secondo, invece, aumentano gli errori di imprecisione ma Savona resta avanti con botta e risposta tra Di Fulvio e Bruni. Dopo due muniti del terzo periodo c'è il primo break della squadra di casa: Patchaliev fa saltare in piedi tutta la panchina con il gol del 6-4. Tra i pali, poi, c'è super Massaro. Sa quel momento Figlioli & Co. capiscono che c'è bisogno di fare qualcosa in più per provare a riprenderla. Pareggiano Echenique e Aicardi capitalizzando l'uomo in più. 6-6 dopo 24 minuti. Nel quarto tempo Younger allunga la serie positiva dei biancocelesti, ma sono la parata di De Lungo su Bruni e il goal di Ivovic ancora in superiorità numerica a spingere Recco in finale. Ancora 2'17" da giocare e ancora Savona a proiettarsi in avanti; Iocchi Gratta la riaccende a -1'40" (7-8) ma poi l'australiano la richiude all'alba dell'ultimo minuto di gioco. Tutti avanti, anche Massaro sale in attacco. Scintillle e goal fantasma di Iocchi Gratta all'ultimo secondo. Annullato. Finisce con Recco che nuota in finale e Savona che prende gli applausi.

In gara 2 delle Semifinali play-off per il quinto posto il TeLiMar supera 13-8 la RN Salerno, mandando a segno nove giocatori di movimento con tripletta di Occhione: la squadra di Baldineti in finale (QUI la cronaca integrale). Dopo un avvio equilibrato, 2-2 dopo 7:26 di gioco, per i siciliani decisivo il break 5-0 tra primo e secondo tempo: Occhione, Giliberti, Irving, Lo Cascio e Lo Dico portano in vantaggio i compagni a metà gara. Dopo il cambio campo gli ospiti gestiscono bene il match, a nulla vale la vittoria del quarto periodo per i salernitani con il tris di Luongo, che giocheranno la finale per il settimo posto.

Per conoscere gli avversari, si dovrà aspettare gara 3 tra CC Ortigia e Iren Genova Quinto in programma mercoledì 18 maggio alla piscina "Paolo Caldarella" di Siracusa. Dopo la sconfitta casalinga in gara 1 lo scorso 6 maggio, alla piscina "Albaro" di Genova la squadra di Piccardo supera 13-7 quella di Del Galdo. Dopo il 4-4 del primo tempo, gli altri parziali si concludono tutti 3-1 per i siciliani. Padroni di casa che non riescono a essere incisivi e non rientrano mai veramente in partita. Vittoria importante per i biancoverdi, trascinati dalla tripletta di Rossi, che hanno la possibilità di giocare il match decisivo in casa. Completano l'opera le doppiette di Ciccio Condemi (a cui verrà anche annullato un rigore per irregolarità nel superamento dei 5 metri), Cassia e Ferrero (poi fuori per tre falli insieme ad Andrea Condemi ed ai padroni di casa Guidi e Gambacciani) oltre agli acuti singoli di Gallo, Mirarchi, Vidovic e Napolitano. Ai biancorossi servono a ben poco il tris di Nora e gli altri sigilli di Ravina, Figari (che il suo rigore se lo farà parare da Tempesti), Di Somma e Panerai.

Dai 5 metri si decide anche la salvezza. La Capitale avrà ancora una rappresentante in massima serie con la Roma Nuoto che fa l'impresa e lascia la WP Milano Metanopoli retrocedere insieme alla Lazio. Si chiudono in parità, 8-8, i tempi regolamentari di gara 2 della finale play-out. La Metanopoli con Tononi (tripletta) a cento secondi dalla fine riacciuffa la squadra di Tafuro, che l'aveva ribaltata dopo essere stata sotto anche 6-0, e porta la sfida disputata eccezionalmente ad Ostia ai rigori grazie al poker di Francesco Faraglia, alla doppietta di De Robertis ed agli acuti individuali di Tartaro e Ciotti. Dopo i tiri dai cinque metri la squadra giallorossa vince 12-11 e guadagna la permanenza nella massima serie. Come già accaduto a Trieste con Mezzarobba, è Kasum, grande protagonista dell'avvio di partita meneghino con due rigori ed autore di un poker complessivo (di Scollo l'altra marcatura ospite), a fallire il penalty decisivo. Con Perez e Lanzoni fuori per tre falli e Busilacchi per gioco violento e impossiblitati a tirare, determinanti erano anche gli errori di Novara ipnotizzato da De Michelis e le realizzazioni giallorosse di Francesco Faraglia, Ciotti, Pietro Faraglia e De Robertis che addolcivano la parata di Cubranic su Calic e rendevano vane le trasformazioni avversarie di Mattiello, Andryukov e Tononi. Per i milanesi era obbligatorio vincere per sperare nella seconda chance in gara 3. Milano scende in A2 dopo aver perso la prima al Bocconi Sport Center (6-7) con un'altra grande rimonta romana condotta in porto da De Robertis (3), Francesco Faraglia, Tartaro, Ballarini e Spione dopo l'avvio sprint lombardo cui non bastavano la doppietta di Mattiello e le altre segnature di Andryukov, Kasum, Novara e Lanzoni.

Redazione Sport - Sport - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, la De Akker resiste all'assalto Canottieri e vola in A1. Bogliasco e Vis Nova a gara 3

E' la De Akker Bologna la prima squadra promossa in A1. Gli emiliani superano il CC Napoli 10-9 in gara 3. I padroni di casa conducono il gioco, trascinati dalle triplette...

Pallanuoto, Settebello dai due volti: la Spagna controrimonta e si prende i Quarti

Non basta un Settebello combattivo e a tratti spettacolare per battere la Spagna, vice campionessa olimpica, e approdare direttamente ai Quarti di finale dei 19esimi Mondiali....

Salerno, riapre la sacrestia di Sant'Agostino

Un luogo della storia della città apre le sue porte a visitatori e fedeli. Sarà inaugurata martedì prossimo (ore 19.30) la storica sacrestia della chiesa di...

Salerno, lotta ai "cafoni" dei rifiuti: sparisce l'indifferenziata

Nelle ultime due settimane gli operatori di Salerno Pulita hanno raccolto 100 tonnellate di indifferenziato in meno e circa 60 tonnellate di organico in più dai sacchetti...

Pallanuoto, esordio vincente per l'Italia ai Giochi del Mediterraneo

Esordio vincente ai Giochi del Mediterraneo, in programma ad Orano (24-30 giugno), in Algeria, per la Nazionale Under 18 guidata dal tecnico responsabile Alberto Angelini,...

Calcio a 5, Sporting Sala Consilina e Vietri Raito si laureano campioni provinciali Under 17 e 15

Si sono conclusi i campionati provinciali di Calcio a 5. Nell'Under 17 successo dello Sporting Sala Consilina che superando nello scontro diretto L'Ancora Atrani Minori in quel...

Università, numeri preoccupanti per Salerno

Emorragia di iscrizioni a Salerno. Il Covid non fa bene alle Università ma qualcuna ne risente più delle altre. E Unisa, stando ai freddi numeri, è tra...

Pallanuoto, il Setterosa travolge la Colombia e congela il primato

Il primo obiettivo è stato centrato. Il Setterosa (foto DBM) vince il girone preliminare e approdare direttamente ai Quarti di finale, in programma martedì 28...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?