Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Pallanuoto, la determinazione di Lucrezia Massa: "Seguo le orme di papà e mamma, orgogliosa della mia allenatrice. Al Napoli Nuoto per far bene"

07/12/2021

Conto alla rovescia per la partenza del campionato di A2 femminile. Sono attesi a giorni i calendari del torneo tornato, salvo casi di forza maggiore legati all'eventuale aumento di contagi da qui a Natale, alla formula classica con due gironi da 10 squadre. Da ieri, dopo l'esilio forzato al "Play-Off", è tornato al lavoro alla "Scandone" il Napoli Nuoto di Barbara Damiani. Tra le new entry stagionali c'è la fresca maturanda e neo studentessa universitaria Lucrezia Massa, altra figlia d'arte (il papà Enzo è l'attuale allenatore del CC Napoli): "La Pallanuoto è come se fosse lo sport di famiglia, sia mamma che papà erano ex giocatori e infatti è proprio in piscina che si sono conosciuti, essendo diventato papà l’allenatore di mamma. - racconta Lucrezia ai nostri microfoni - Fin dall’età di due anni andavo alla "Scandone" a vedere le partite di papà, ero la sua tifosa numero 1, per poi seguirlo, una volta cresciuta, anche nelle numerose trasferte. Cercavo di essere sempre presente e di non perdermene nemmeno una. Anche se non ho iniziato da piccola questo sport, cinque anni fa ho finalmente preso la decisione di abbandonare il nuoto agonistico e di cimentarmi nella Pallanuoto, non potevo prendere decisione migliore. Ovviamente papà essendo un ex giocatore e tuttora allenatore è stato contentissimo della mia scelta; per me è sempre un punto di riferimento sia a livello pallanuotistico che in generale. Cerca sempre di lasciarmi molto spazio, dandomi solo qualche consiglio, senza essere troppo invadente".

Dopo la maturità estiva, la partenopea classe 2003 (foto Francesco Minerva) ha seguito la sua storica allenatrice nella nuova avventura, entrambe reduci dalla beffa nella finale play-off di luglio con l'Acquachiara, ko in 3 gare con il Como: "Siamo state sicuramente un po’ penalizzate dal fattore campo, in quanto due partite su tre sono state disputate in campo avversario. - rammenta il difensore - Ripensandoci ora a mente fredda, credo che questi play-off siano stati persi fin dalla prima partita, in quanto durante gli ultimi minuti del quarto tempo ci siamo fatte raggiungere per finire in parità, arrivando ai rigori, che come si sa sono una roulette. Il rammarico più grande sta nella terza e ultima partita in quanto la voglia di arrivare in A1 c’era ed era anche grande, venendo da una partita in casa terminata ovviamente con una vittoria che ci lasciava ben sperare per la futura gara tre. Il ricordo sportivo a chi sono più legata è sicuramente proprio la mia prima finale play-off in prima squadra, l’emozione, l’ansia e l’agitazione non mi hanno mai abbandonato per tutte e tre le partite, è stato un periodo che ricordo con estremo piacere e ovviamente rammarico, spero di riprovarle il prima possibile. Tutte le mie ex compagne di squadra hanno un posto speciale nel mio cuore, erano di più che semplici compagne e ognuna di loro, chi più chi meno, mi ha insegnato qualcosa. Il mio passaggio al Nuoto Napoli si potrebbe definire quasi “naturale” dopo aver saputo che Barbara Damiani sarebbe diventata la nuova allenatrice, in quanto mi ha cresciuto pallanuotisticamente ed è proprio con lei che ho iniziato a giocare".

I primi mesi di allenamento sono stati intensi ma altrettanto proficui, conditi anche da qualche test amichevole: "Spero di poter dare tutto il mio contributo a questa nuova squadra con la quale mi sono integrata fin da subito, conoscendo già quasi tutte le mie nuove compagne. L’obiettivo principale è quello di fare un buon campionato e crescere a livello individuale, e perché no sperare di poter raggiungere nuovamente i play-off. Essere allenata da Barbara è motivo di orgoglio, in quanto è stata in primis una grande giocatrice oltre che allenatrice e una grande donna. È con lei che cinque anni fa ho iniziato per la prima volta a muovere i primi passi in questo meraviglioso sport".

Allenamenti condizionati, inevitabilmente, anche dall'atavico problema infrastrutturale che ha costretto il sodalizio nerazzurro a spostarsi a Pozzuoli, in attesa della riapertura dell'impianto di Fuorigrotta e successivamente di quello storico del Flegreo a Monteruscello, inducendo ad ulteriori sacrifici le atlete provenienti dal casertano: "Purtroppo qui in Campania c’è un grosso problema per quanto riguarda la manutenzione degli impianti sportivi, in particolare modo delle piscine; di impianti ce ne sono ma molto di essi sono chiusi", puntualizza Lucrezia che poi allarga il discorso in generale sullo status di questo sport: "Se in Italia la Pallanuoto maschile non è molto considerata, quella femminile ancora meno, non si fanno adeguati investimenti su di essa, come ad esempio si fanno negli altri paesi europei, ma non solo e l’esempio più significativo è quello americano", aggiunge riferendosi al modello universitario che ha prodotto di recente campionissime negli States.

L'attenzione si sposta poi alla più stretta attualità e al futuro prossimo: "Finalmente dopo un anno si ritorna al campionato regolare a due gironi; le nuove difficoltà che potremmo incontrare sono la presenza di squadre con cui non ci siamo confrontate l’anno precedente, e anche il riabituarci al giocare finalmente ogni week-end. Spero che non ci siano interruzioni e rinvii di partite per colpa del Covid e che la stagione si concluda in maniera positiva e regolare. Per ciò che riguarda l’obbligo dei vaccini per tutti gli atleti sono assolutamente favorevole, tant’è che ho fatto di recente anche la terza dose; credo che per uscire da questa situazione complicata il primo passo che possiamo fare tutti noi nel nostro piccolo è quello di vaccinarci".

L'attività in acqua della giovanissima atleta napoletana si accompagna, come detto in apertura, anche a quella sui libri: "Quest’anno è il mio primo anno di Università, frequento la facoltà di Giurisprudenza, e l’approccio alla studio è totalmente diverso in quanto richiede maggiore tempo e attenzione rispetto al liceo, ma è proprio grazie allo sport, che insegnando disciplina e puntualità, riesco a gestire bene il tempo da dedicare ogni giorno allo studio e alla Pallanuoto senza trascurare nulla".

Un percorso quanto difficile quanto entusiasmante che non la spaventa: "Per quanto riguarda le mie prospettive future mi aspettano 5 anni impegnativi in termini di studio, dato che l’obiettivo principale è quello di laurearmi nel minor tempo possibile e di realizzarmi sul piano lavorativo. - conclude Lucrezia - Mentre quello pallanuotistico è di migliorare e di poter giocare un giorno in A1". Idee chiare e grande determinazione, la strada tracciata da Lucrezia Massa è sicuramente quella giusta e non potrà che essere foriera di prestigiosi risultati secondo le sue aspettative.

Davide Maddaluno - Sport - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Scherma, Rossella Gregorio terza nella tappa georgiana della Coppa del Mondo di sciabola

La giornata clou delle gare individuali a Tbilisi, nella tappa georgiana di Coppa del Mondo di sciabola maschile e femminile, porta l'Italia sul podio tra le donne grazie al...

Covid, l'odissea di una giovane madre salernitana non automunita

Un'altra storia dove ai danni creati dal Covid si aggiunge la beffa causata dalla burocrazia. E' quella di una donna, residente a Salerno, madre di due bambini, rispettivamente...

Calcio a 5, l'Alma Salerno bagna la prima del nuovo anno con un preziosissimo successo

L’Alma Salerno torna alla vittoria superando con il punteggio di sei a quattro il Leoni Acerra. Protagonista della sfida l’ex Benevento Cerrone: galvanizzato dalla...

Salernum Baronissi, saluta Calabrese: panchina affidata a Peppe De Palma

L’ASD Salernum Baronissi è felice di annunciare di aver raggiunto un accordo con Giuseppe De Palma, che da oggi ricoprirà il ruolo di allenatore della...

Salernitana, esordio in A per Motoc e Perrone: la soddisfazione di chi li ha visti crescere

Una vittoria al di là della preventivabile sconfitta sul campo. Quella dell'esordio in massima serie per due virgulti del settore giovanile granata dalle storie diverse...

Salernitana-Lazio, Sarri: "Non abbiamo passato una settimana semplice anche noi"

Al termine della sfida vinta senza patemi all' "Arechi", tira un sospiro l'ambiente Lazio (foto Adnkronos). "Non siamo stati superficiali, mi è piaciuta la squadra che ha...

Salernitana, Iervolino perde la prima in casa... contro Lotito. Colantuono: "Lazio comunque superiore ma non comprendo determinate regole"

Dopo il blitz di Verona, arriva la prima sconfitta dell'era Danilo Iervolino per la Salernitana. Le sliding doors dell' "Arechi" vedono, come un beffardo scherzo del destino, la...

San Mango Piemonte, arrestato 26enne già ai domiciliari fermato in strada con stupefacenti

Nel corso della serata di ieri, in San Mango Piemonte, i militari della stazione di San Cipriano Picentino, hanno tratto in arresto per evasione e detenzione ai fini di spaccio...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?