Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Salerno, inaugurata la nuova Piazza della Libertà

20/09/2021

“Una giornata storica per noi, per la nostra città, per la Campania e per l’Italia”. Con la voce rotta dalla commozione il governatore della Regione Vincenzo De Luca ha inaugurato questo pomeriggio, intorno alle 17, Piazza della Libertà. Lo slargo sul mare cinto dal Crescent, tanto auspicato e tanto controverso, ma soprattutto tanto atteso, per ben quindici anni. Era nel 2006, infatti, quando fu siglato il progetto preliminare per la riqualificazione del fronte di mare. Un aspetto ricordato dal governatore che ha citato, seppur per sommi capi, la lunghissima trafila burocratica e operativa che ha accompagnato questi lunghi anni di attesa per l’inaugurazione della piazza, tra polemiche, vicende giudiziarie e corsi.

“Sono passati quindici anni quando con Bofill l’abbiamo immaginata – ha affermato De Luca fermandosi più volte a causa del pianto – Sono stati anni pesanti per me, per i miei figli Piero e Roberto. Anni pesanti perché in questo paese per realizzare un’opera pubblica ci vuole una fatica immane, con veri e propri atti di eroismo. Quindici anni per fare di una città media del Sud una città in grado di aprirsi la strada verso l’Europa”. Poi, il ricordo delle “chiancarelle”, definitivamente messe in soffitta e sostituite, a detta del governatore, dall’unica vera piazza cittadina. “Le immagini che ebbe davanti Bohigas erano da vergognarsi – ha proseguito De Luca – Questo pezzo di Salerno non lo si conosceva, era proibito ai nostri concittadini. Il lungomare terminava sul muro del Jolly. Decidemmo con Bohigas prima, e poi con Bofill siccome quella del progetto originario era chiusa verso il mare, di completare il lungomare con una bella e grande piazza. A Salerno non ce n’erano. Anche l’unica piazza che abbiamo oggi, la Rotonda, non lo era: alle tre del pomeriggio c’erano auto in sosta e tossicodipendenti”. Poi, il racconto dei lunghissimi anni di apertura del cantiere.

“Abbiamo iniziato il lavoro delle demolizioni, qui non c’era nulla se non la devastazione totale, con l’istituto nautico, i depositi di legname, stecche di baracche, la mattina trovavamo nel cortile della scuola Barra le siringhe dei tossicodipendenti – ha continuato De Luca – C’erano i magazzini generali che raccoglievano i pellami dell’Iran con i loro liquami e all’epoca nessuno si scandalizzó per il problema ambientale”. Infine, il richiamo al nome, Piazza della Libertà: “È luogo sacro in memoria dell’alluvione del 1954 – ha aggiunto – Si chiama così per rivendicare l’orgoglio dei salernitani che non hanno padroni né sono soggetti a potentati politici”. “Che ricordiate, perché il tempo passa e la memoria si consuma – ha concluso il governatore- che tutto questo c’è perché c’è stato uno che è andato avanti e non ha voluto fermarsi mai, ricordatelo ai vostri figli ed ai vostri nipoti”.

È un De Luca inedito quello che ha inaugurato Piazza della Libertà. Il governatore della Campania si è infatti commosso non appena iniziato il discorso inaugurale del Crescent. Con la voce rotta dal pianto, infatti, il governatore non è riuscito subito ad ingranare la marcia per pronunciare quello che senza troppi azzardi si potrebbe definire il discorso della vita. Un monologo di una tale complessità emotiva, dopo quindici anni di problematiche e stop and go all’opera giudicata da De Luca il completamento della sua azione amministrativa della città, tale da scalfire anche un passo duro come lui. E infatti proprio in chiusura del discorso il presidente della Regione non ha mancato di sottolineare la sua tempra. “Resto sempre una carogna – ha commentato – Ho solo avuto un momento di confusione”. E soprattutto non ha dimenticato, forse proprio per smorzare l’effetto che i vari attimi di commozione hanno avuto sulla platea rimasta quasi incredula, di tornare a vestire i panni del “sindaco sceriffo” delle sue lunghe consiliature a Palazzo Guerra. “Abbiamo posizionato lungo la passeggiata a mare i posacenere per qualche tanghero – si è rivolto il governatore sarcasticamente alla platea di fumatori che certamente affollerá la piazza – Non gettate il mozzicone a terra che altrimenti non si leva più”.

FONTE/FOTO: Ora Notizie

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, il Settebello riparte dall'asse salernitano: con Dolce c'è Del Basso. Spinelli nel progetto tecnico in chiave futura

Il Settebello apre il triennio che porterà alle Olimpiadi di Parigi 2024 con una prestigiosa amichevole contro la Croazia, in programma alla piscina "Felice...

Red Bull Neymar Jr’s Five: il team King Sport vince il torneo nazionale e stacca il pass per la finale mondiale in Qatar

Si è concluso sabato 23 ottobre il torneo nazionale del Red Bull Neymar Jr’s Five, competizione che porta il nome della stella brasiliana. Presso il riqualificato...

Pallanuoto, la Top 7 della prima giornata di A1 femminile

E' iniziato sabato scorso con il ritorno alla formula classica il massimo campionato femminile di Pallanuoto. Le big 4 rispettano il pronostico e si portano subito al comando...

Associazione Nazionale Commercialisti Salerno: devoluti contributi a favore delle mense dei bisognosi salernitane e alla LILT

L’iniziativa solidale dell’Associazione Nazionale Commercialisti Salerno, anche quest’anno, non tarda nella sua azione benefica e non dimentica i meno...

Calcio a 5, esordio vincente per il Salerno Guiscards

Inizia nel migliore dei modi il cammino della Salerno Guiscards nel campionato di Serie D di calcio a 5. All’esordio a Marina di Camerota...

Il Primo premio “Giallo al centro 2021” allo scrittore salernitano Carmine Mari con il suo "Hotel d'Angleterre"

Il romanzo storico “Hotel d’Angleterre” (Marlin editore), ambientato nella Salerno del 1911, ha prevalso nel concorso dedicato alla letteratura gialla e noir....

Un punto per uno nel derby Longobarda-Guiscards

Il derby Longobarda-Guiscards termina in parità. 2-2 e pari sostanzialmente giusto tra due squadre che di sicuro saranno protagoniste in questo campionato. Primo tempo...

Centro Storico Salerno, tris al Nocera Superiore e primato consolidato

Continua inesorabile la marcia del Centro Storico Salerno. Dopo aver passato il turno in Coppa Campania (5-1 all'Herajon con doppiette di Donadio e Genovese più goal...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?