Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

06/09/2021

PARLA PROVENZA

“In commissione Affari sociali abbiamo approvato un emendamento a mia prima firma che circoscrive l’utilizzo del Green Pass: ora la norma precisa che un diverso utilizzo del Green Pass può essere disposto solo con legge dello Stato e prevede il divieto per chiunque di disporne un impiego differente da quello al momento previsto. In questo modo armonizziamo la normativa con quanto disposto dal Regolamento UE 2021/953”. Così in una nota Nicola Provenza, deputato del MoVimento Cinque Stelle. “Quando si introducono provvedimenti di questo tipo – continua il deputato – bisogna avere un’attenzione particolare perché si va ad incidere su diritti fondamentali della persona e per questo l’obbligo di legge appare quanto mai opportuno. Così fermiamo l’uso fantasioso del Green Pass che in questi giorni sta alimentando le cronache di giornale e un possibile uso differenziato tra regioni. Una circostanza che dovrebbe far riflettere anche sulle distorsioni che ha causato il nuovo Titolo V della Costituzione”.

GREEN PASS

“Green Pass: validità prorogata da 9 a 12 mesi, ok ai test salivari e alle visite garantite ai pazienti nelle strutture sanitarie. Questi sono solo alcuni degli emendamento al Decreto Green Pass approvati in Commissione Affari Sociali – Sanità grazie al MoVimento 5 Stelle. A differenza di chi vuol fare solo becera propaganda, noi puntiamo al concreto: non è un caso che già con il Decreto Sostegni bis è stato istituito su nostra proprosta un fondo di 10 milioni di euro per garantire la gratuità dei tamponi ai cittadini che non possono effettuare la vaccinazione. Non ce ne ricordiamo solo ora! A breve, dunque, voteremo il provvedimento in Aula: con la certificazione verde torniamo pian piano alla normalità in sicurezza e tutelando la salute di tutti, anche di chi non ha avuto ancora accesso al siero”: così la Deputata del MoVimento 5 Stelle, Virginia Villani dopo il lavoro intenso nelle sedute della XII Commissione nelle ultime 48 ore.

TERZA DOSE

Il dottor Bruno Tozzi, incita il Ministero della Salute e del Governo a prendere una decisione spedita. A breve l’Italia si ritroverà in uno spazio angusto e vittima dei soliti ritardi. È necessario che le scuole riaprano, se non altro la copertura vaccinale ha raggiunto quasi uno stadio di equilibrio, ma precario se non si procede veementemente verso la terza dose. Alla luce di quanto registrato negli ultimi mesi, quale prospettiva sul Covid-19? “In Italia allo stato attuale abbiamo avuto oltre un milione e mezzo di casi, le cifre raggiungono 120 mila decessi. Nel mondo vengono totalizzati 216milioni di casi manifesti oltre 4milioni e mezzo di vittime. Di fronte ad una tragedia che comporta la decimazione della specie bisogna mantenere un passo spedito senza rincorrere ragionamenti discutibili. I dati parlano chiaro e mettono a tacere la dispersione di opinioni superflue sostenute da quelli che possono definirsi “neo-esperti”. ”Come propone di affrontare il dibattito sulla terza dose aperto dal presidente dell’Ordine dei Medici, Giovanni D’Angelo? “Per afferrare il nocciolo della questione, ritengo che si debba procedere alla somministrazione della terza dose quanto prima. Se Israele ha iniziato già a luglio per gli over 60 e ieri per gli over 12, il Regno Unito inizierà a settembre per gli over 50, la Francia e la Germania a metà settembre con la terza dose, non comprendo quali motivi si annidato dietro la lentezza decisionale da parte del Ministero della Salute e del Governo. È vero che occorre massimizzare la copertura vaccinale, ma allo stato attuale non sta accadendo e bisognerebbe raggiungere circa 600 mila dosi all’anno per raggiungere dei risultati ottimali. Un’altra finestra interrogativa è stata aperta dalla OMS, che ritarderebbe il programma della terza dose per questioni di carattere etico, secondo cui anzitutto bisogna che il primo ciclo vaccinale sia completo anche nei paesi del terzo mondo. Ma nel mentre si attendere che tutta l’Africa sia vaccinata e quindi che 1miliardo e più di persone abbiano ricevuto prima e seconda dose, ci ritroveremmo ancora una volta ad essere gli ultimi della fila.” Quali differenze si presentano dall’autunno scorso? Si può ritornare una volta per tutte ad una normalità contenuta? “Il numero di casi di quest’anno è superiore a quello dello scorso anno. Ci avviciniamo all’autunno e siamo ancora ci sono dubbi sul da farsi. Più il tempo scorre e nuove varianti iniziano a manifestarsi anche se si cerca di mantenere i cittadini all’oscuro di questo, molte forme del Covid-19 hanno una carica virale maggiore. Anche i noVax ferventi iniziano a comprendere che il vaccino è essenziale se gli viene spiegato con garbo.È chiaro che, rispetto all’anno scorso si può ritornare a una normalità funzionale. Le scuole, gli uffici possono essere aperti ma è importante che siano rifornite di materiale a sufficienza, tamponi rapidi inclusi”.

LA STORIA

All’interno della scatola dell’allegro chirurgo ci trovavi anche il foglio delle istruzioni, che ti spiegava come togliere l’ossicino e non far suonare l’allarme ed accendere il naso rosso del malato, anche se il gioco era intuitivo e facile da utilizzare. Ma sicuramente la parte dedicata alla giostra degli incarichi non c’era, come invece accade per la sanità salernitana. Ed in questi giorni si è consumato l’ennesimo capitolo legato alla sventurata scelta di sdoppiare la cardiochirurgia dell’ospedale S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. Un forte, ennesimo, affronto per il primario Severino Iesu che si è visto dare praticamente dell’incompetente. E spiegheremo il perché. La storia ha origine nel 2010 quando l’allora governatore Stefano Caldoro e l’assessore alla sanità Calabrò decisero di creare la cardiochirurgia d’urgenza a Salerno. Il concorso fu vinto dal dottor Iesu, tra i pupilli di Di Benedetto perché il più bravo in circolazione. Tra i suoi più stretti collaboratori c’era anche il dottor Antonio Panza, ritento anche lui tra i più bravi dell’equipe presente a Salerno. Tanto bravo da essere considerato primo per i titoli ed i meriti conseguiti ma ultimo durante l’esame orale per il secondo concorso, quello per L’Unità Operativa Complessa di cardiologia poi vinto da Enrico Coscioni, di cui è noto il cammino professionale e politico. Il dottor Panza, fortemente stimato da Iesu, ha però un curriculum professionale di forte caratura, tanto che viene chiamato negli Stati Uniti per sviluppare le tecniche salernitane presso l’Università di Cincinnati e per creare così nella città dell’Ohio il servizio di Chirurgia Coronarica Mininvasiva. Sfruttando la possibilità di avere due anni di aspettativa, Panzasi fa valere anche a Cincinnati ed a sfornare anche specializzandi che usano tutt’oggi le tecniche usate a Salerno. Il professore, originario di Polla, riesce a strappare anche un altro anno di aspettativa concessa dall’Asl Salerno per restare a Cincinnati. Il lettore dirà: ma qual è lo schiaffo a Iesu? Ci arriviamo. Il professor Panza, nel frattempo viene raggiunto negli States dalla moglie che, essendo un valente medico oculista (con perfezionamento all’estero presso la Columbia University e la Cornell University a New York, e presso l’Università di Colonia, in Germania) si fa subito apprezzare ed ingaggiare presso la stessa università di Cincinnati con contratto fino al 2023. Per restare accanto alla moglie Panza ha fatto richiesta per il ricongiungimento familiare, come previsto per legge, con l’estensione dell’aspettativa. Il tutto con una lettera del dottor Severino Iesu che in una lettera ai vertici della sanità salernitana affermava: “Il Sottoscritto precisa che, in qualità di Dirigente della Unità operativa complessa medesima, riconoscendone ed assumendosi la responsabilità organizzativa e funzionale, avverte la necessità di comunicare che l’estensione dell’aspettativa richiesta dal dottor Panza, non comporta, al presente, alcuna conseguenza negativa nella gestione dell’attività assistenziale della medesima Unità operativa complessa. Inoltre, si augura di poter avvalersi della collaborazione professionale del dr. Panza, Full Professor of Surgery (Professore Ordinario di Chirugia) presso l’Università di Cincinnati, al termine dell’aspettativa richiesta, ravvedendone un chiaro beneficio e vantaggio”. Una sorta di sponsorizzazione ad esportare ancora il metodo Salerno. L’Azienza, sorprendentemente, ha risposto smentendo del tutto quanto affermato dal dottor Iesu, asserendo che “esiste una nota carenza di Cardiochirughi che rende difficile garantire i livelli assistenziali della rete dell’emergenza-urgenza e dei turni di lavoro. Inoltre afferma che avendo ora 62 anni al mio ritorno la mia esperienza maturata da Full Professor negli USA sarebbe inutile, in quanto mancherebbero pochi anni al raggiungimento dell’età pensionabile”. In sintesi: o torni perché servi o ti licenziamo. Una motivazione alquanto pretestuosa se si considera che gli interventi realizzati a Salerno non hanno mai superato la soglia d’emergenza ed i numeri inducono a pensare che difficilmente sarà così, considerato l’alto numero di chirurghi già impiegati presso il Ruggi attualmente. Nel concreto una vera umiliazione, una chiara ed evidente delegittimazione per Severino Iesu che si è visto sconfessare e dare dell’incompetente perché ritenuto incapace di valutare le esigenze di personale medico da impiegare nel suo reparto. Uno schiaffo che potrebbe indurre Iesu a decisioni inevitabili, anche se queste faranno il gioco di chi pensa di muovere pedine all’interno dello scacchiere delle poltrone. La logica del merito, dell’eccellenza non abita più qui. Ormai da tempo. Intanto il dottor Panza non è rientrato dagli Usa, ha scelto di dare priorità agli affetti familiari ma ha inoltrato ricorso alla decisione adottata dall’Asl Salerno. Per il momento il giudice ha negato l’urgenza del caso ma la vicenda andrà avanti per rinnegare il licenziamento che avverrà e che viene ritenuto ingiusto e pretestuoso. (Cronache)

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, Trieste cala l'asso: calottina numero 12 affidata al talento di Roberta Santapaola

Il Sole della Sicilia illumina Trieste. E' Roberta Santapaola l'ultimo innesto della Pallanuoto Trieste di Ilaria Colautti, pronta a recitare il ruolo di outsider nel prossimo...

Pallavolo, il 16 ottobre parte la nuova stagione di Serie C: Salerno Guiscards inserita nel girone A

La nuova stagione è alle porte per il team volley della Polisportiva Salerno Guiscards. Mentre la squadra agli ordini di coach Paolo Cacace prosegue la preparazione alla...

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; torno a Giffoni dove sono stato bene"

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; Torno a Giffoni dove sono stato bene"
Il calcio dilettantistico è ripartito e la...

Nel segno della solidarietà, una borsa di studio intitolata a Melissa La Rocca

di Giuseppe Vitolo
Quanto è bello il cuore della solidarietà. Quella grande macchina che spinge la volontà oltre l’ostacolo, con l’unico fine...

Pallanuoto, l'anno sabbatico di Elena Borg: "Tempo necessario per capire cosa voglio davvero dalla vita. A Verona trovata seconda famiglia"

Nell'ampio bailamme di cambi di calottina e ritiri estivi in vista del prossimo campionato di A1 femminile c'è anche chi ha deciso di prendersi una pausa. Si tratta di...

Olympic Salerno, sottoscritto accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team per la stagione 2021/22

L'Olympic Salerno è lieta di annunciare l'accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team che sarà Bronze Partner del sodalizio biancorosso nella stagione...

Pallanuoto, la Vela Ancona si affida alla linea verde: 4 giovani promosse in prima squadra, dai Castelli Romani arriva Monterubbianesi

La Vela Ancona nuota forte verso il primo turno di Coppa Italia, suddiviso in due gironi e in programma il prossimo weekend a Firenze e Ostia. Anconetane a Ostia con Bogliasco,...

Pallanuoto, una gemella tira l'altra: anche Martina Savioli appende la calottina al chiodo. "A Padova le migliori compagne che potessi desiderare"

Per la prima volta in vent’anni di attività, non ci sarà nemmeno una Savioli in squadra al Plebiscito Padova: dopo l’addio alla Pallanuoto giocata di...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?