Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Verso le Comunali, le ultime notizie da Salerno

06/09/2021

LA SORPRESA

Colpo di scena, ieri mattina, a pochi minuti dalla scadenza per la presentazioni. I candidati sindaci salgono infatti a nove. Ad aggiungersi, all’ultimo minuto Annamaria Minotti che scende in campo per affrontare e portare avanti la sua battaglia per l’autismo. “Abilitiamo l’autismo h24” è infatti il nome della lista civica che vede, al suo interno, familiari di pazienti autistici. Intanto, ieri mattina sono state consegnate anche le tre liste collegate a Michele Sarno, candidato sindaco che ha ottenuto il sostegno di tutto il centrodestra. In campo, ci sono Rinascita che vede capolista Gianni Novella, presentatore tv e titolare di una protesta; e ancora, Io sono Salernitano che vede capolista il giovane avvocato Giulio Cirillo; Diversi ma Uguali con capolista Antonio Picardi. Per quanto riguarda i partiti, invece, Fratelli d’Italia punta tutto sui consiglieri uscenti Mimmo Ventura e Pietro Stasi mentre Forza Italia-Udc-Nuovo Psi ripartono dal capogruppo degli azzurri Roberto Celano. Ha puntato tutto sulla civica la Lega con la sua “Prima Salerno” che vede al suo interno il consigliere comunale e provinciale Dante Santoro. Confermate, le nove liste a sostegno del sindaco uscente Vincenzo Napoli, tra uscenti e new entry. Il Movimento 5Stelle ha presentato il proprio simbolo a sostegno di Elisabetta Barone, come sottolineato dal leader pentastellato Giuseppe Conte durante la sua visita in città due settimane fa. Catello Lambiase e Claudia Pecoraro sono i due nomi in cima alla lista del Movimento. “Ci presentiamo alle elezioni comunali forti delle nostre idee, della nostra coerenza, del nostro entusiasmo, della nostra competenza, del nostro essere liberi da condizionamenti esterni, dal nostro essere in netta discontinuità da tutte le amministrazioni che hanno impoverito Salerno negli ultimi 30 anni”, hanno dichiarato i parlamentari del MoVimento 5 Stelle, Angelo Tofalo, Nicola Provenza e Andrea Cioffi, all’atto della presentazione della lista che sarà in coalizione a sostengo della candidata sindaca Elisabetta Barone. “Il MoVimento 5 Stelle – 2050 riparte dai territori con Giuseppe Conte Presidente. Sarà una campagna elettorale molto emozionante e partecipata. Siamo pronti a dare il massimo nell’esclusivo interesse dei cittadini. Porteremo a Salerno competenza, capacità, passione, trasparenza, disponibilità, solidarietà e attenzione verso gli ultimi. È il momento di cambiare”. Tra i candidati nelle liste della dirigente scolastica Barone (civica di area centrosinistra) ci sono, tra gli altri, Leonardo Gallo, Donato Pessolano, Corrado Naddeo e Giuseppe Ventura, consiglieri comunali uscenti che nei mesi scorsi hanno lasciato la maggioranza. Simona Libera Scocozza presenta due liste, Attivisti per Salerno e Terra Libera. Tra i candidati delle tre liste di Antonio Cammarota, presidente della commissione Trasparenza del Comune di Salerno, c’è l’avvocato Matteo Marchetti, vicesegretario nazionale del Codacons. La lista a sostegno di Maurizio Basso si chiama “Movimentiamoci Insieme – Basso Sindaco” e conta venticinque candidati, di cui nove donne. Il consigliere comunale uscente Gianpaolo Lambiase si candida a sindaco con la lista “Salerno di tutti” e tra i candidati al consiglio comunale spicca il nome di Lorenzo Forte, presidente del comitato Salute e Vita che da anni si batte per la chiusura delle fonderie Pisano e di Nadia Bassano, presidente dell’associazione Help a tutela dei consumatori. (Cronache)

LO SLOGAN DEL SINDACO

Finalmente è fatta, con la presentazione delle liste si chiude una settimana di passione, tra adempimenti burocratici e completamento delle liste. Il sindaco Napoli si ritiene soddisfatto delle 9 liste a sostegno. E’ ormai cominciata con la presentazione delle liste e dei candidati sindaco la campagna elettorale. Quali sono le sue sensazioni? “La campagna elettorale è un momento fondamentale per la vita democratica della Nostra Comunità. Voglio ringraziare tutte le donne e gli uomini che hanno scelto di candidarsi al mio fianco condividendo un impegnativo programma di lavoro al servizio della nostra amata Salerno. Abbiamo presentato liste di grande qualità: un giusto mix di esperienza e novità, espressioni di ogni quartiere ed attività. Persone credibili, competenti e piene di entusiasmo. Sono convinto che i Salernitani ci riconfermeranno in pieno la loro fiducia per quel che abbiamo fatto superando una difficile contingenza storica e per la concreta chiarezza dei nostri programmi. Allo stesso tempo voglio rivolgere un affettuoso pensiero ai concittadini che hanno deciso di candidarsi in altri schieramenti concorrenti. Ringrazio anche loro per essersi messi in discussione ed auspico che la campagna elettorale sia improntata al civile confronto su idee e programmi e non condotta su meschine denigrazioni”. Come ha deciso di impostare la sua campagna elettorale? “Lavorando ogni giorno al servizio della Nostra Comunità, come per tutti i cinque anni precedenti. In queste settimane siamo tutti concentrati su alcune sfide particolarmente importanti a cominciare dalla riapertura in sicurezza ed in presenza delle scuole. Sto visitando tutti gli Istituti e trovo grande entusiasmo, determinazione e collaborazione. Dobbiamo poi completare la campagna vaccinale. La città di Salerno ha risposto in modo esemplare all’appello vaccinale con media altissime di adesione in tutte le fasce d’età e categoria. Un ultimo sforzo per vincere la pandemia e riprenderci la vita. Stiamo poi lavorando in modo particolare su pulizia, igiene e decoro urbano. La riorganizzazione di Salerno Pulita ed alcuni investimenti importanti ci permettono di migliorare il servizio: sanificazioni, nuovi cestini, derattizzazione, pulizia arenili, droni per il controllo della differenziata. Confidiamo nella collaborazione di cittadini ed operatori economici per mantenere pulita la nostra Salerno che nei mesi scorsi è stata una meta turistica molto visitata. Con alcune associazioni di volontariato attiveremo delle squadre di controllo del territorio per difenderne la pulizia. Partono i cantieri per la ristrutturazione del Corso Vittorio Emanuele ed il Parco del Mercatello. Si va verso il completamento di Piazza della Libertà con la nuova passeggiata a mare, il nuovo molo Manfredi al cospetto della Stazione Marittima. E’ una bella agenda di lavoro che io e gli altri candidati al consiglio comunale arricchiremo con una serie d’incontri nei quartieri, con le categorie economiche, le associazioni, il mondo della cultura e delle professioni, i giovani”. Salerno ancora più avanti Perché ha scelto questo slogan elettorale? “Salerno ancora più avanti perché, dopo la terribile pandemia che ha bloccato e rallentato, la vita e l’economia del mondo siamo finalmente nelle condizioni di ripartire alla grandissima. La sinergia con la Regione Campania guidata dal Presidente Vincenzo De Luca è una risorsa preziosa perché ci permette di realizzare progetti ambiziosi: PalaSalerno per lo sport ed i grandi eventi, Nuovo Ospedale per migliorare la qualità del servizio e le condizioni di lavoro e degenza, depurazione delle acque e ripascimento del quale già abbiamo apprezzato i primi benefici, Salerno hub dell’AV ferroviaria tra Roma e Reggio Calabria, servizio metropolitano ferroviario sull’asse Università-Salerno-Aeroporto, ampliamento dell’Aeroporto Salerno Costa d’Amalfi, completamento del dragaggio dei fondali e Porta Ovest per aumentare la competitività del porto commerciale e turistico. In quale realtà urbana delle dimensioni di Salerno esiste un simile concreto programma di sviluppo che genererà economia e lavoro specialmente per i nostri giovani? Chi è contrario alle Grandi Opere è contrario al futuro di Salerno. Chi intende contrastare questi programmi con dissensi ideologici e cavilli ostruzionistici rende tutti noi più poveri e senza speranza. Salerno vince. Noi siamo Fieri di Salerno!”. Come intende migliorare l’organizzazione ed il funzionamento della macchina comunale? “La situazione migliorerà decisamente a partire dai prossimi mesi. Siamo in sofferenza, come tutti i comuni italiani. Quota cento ed il blocco delle assunzioni hanno determinato un crollo del personale con sofferenze in alcuni settori, come ad esempio gli uffici anagrafici territoriali che siamo stati costretti a chiudere. Dopo anni di buio, però, vediamo la luce in fondo al tunnel. Quasi duecento vincitori del Concorsone della Regione Campania prenderanno servizio in questo mese di Settembre. Nel periodo di tirocinio ne abbiamo apprezzato la preparazione e la voglia di fare. Saranno immediatamente operativi per supportare i servizi ai cittadini. Il Decreto Ristori poi ci restituisce alcune importanti risorse economiche che daranno respiro al bilancio. Potremo investire ulteriormente sulla digitalizzazione, mantenere il programma di politiche sociali che ha retto anche durante il periodo pandemico dove nessuno è rimasto solo. Salerno sarà sempre una comunità accogliente; lo è stata durante lo sbarco dei migranti, lo sarà – nel quadro degli impegni internazionali dell’Italia – anche con i profughi afgani”. Dopo l’Avvocato Malinconico, il film di Rocco Papaleo. Salerno è diventata un set per fiction e cinema. Insieme alle luci dei set si accenderanno quelle “d’Artista”? “Queste importanti produzioni hanno scelto Salerno come set trovando condizioni operative, supporto logistico e location perfette per raccontare storie destinate al grande pubblico. La loro uscita nelle sale e la messa in onda saranno un importante promo per Salerno, accompagnandone l’ulteriore ripresa turistica. Salerno è bella, piace. La stiamo abbellendo anche con la realizzazione di murales, una sorta di galleria d’arte contemporanea en plein air. Stiamo lavorando per riprendere il filo dei grandi appuntamenti culturali e degli eventi. La stagione lirica del Teatro Verdi al Ghirelli è stata un grande successo, all’Arena del Mare abbiamo aggiunto quella del Mercatello con un esperimento di delocalizzazione che ha ben funzionato. Bene tutta la programmazione estiva con la tradizionale rassegna dei Barbuti, il Salerno Letteratura Festival, le mostre di Palazzo Fruscione e Tempio di Pomona. Stiamo ragionando su di una formula che in piena sicurezza permetta di riaccendere le “Luci d’Artista” ovviamente con modalità di fruizione diverse rispetto al passato e presenze compatibili con l’andamento pandemico. Continueremo ad investire su arte, cultura, eventi. Apriremo un Museo d’Arte Contemporanea che raccolga anche il patrimonio artistico della Fondazione Filiberto Menna oltre che ad esposizioni temporanee e permanenti. Siamo convinti che arte e cultura arricchiscano la Nostra Comunità, valorizzino i talenti locali generando lavoro, aumentino l’attrazione della città. E naturalmente confidiamo anche nella Salernitana ed in tutte le altre formazioni sportive cittadine affinché ci regalino tante soddisfazioni. Macte animo”. (Cronache)

IL GOVERNATORE

“Tradizionalmente non sono annoverato tra i ‘porta seccia’ (porta iella, ndr). Le partite elettorali a Napoli e Salerno le vedo bene. Ovviamente dipende dagli elettori”. Cosi’ il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, questa mattina al “Mediterranea Hotel” di Salerno, a margine di una conferenza di presentazione dei lavori in corso per l’ampliamento dell’Aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi, ha commentato la chiusura delle liste e le prossime competizioni elettorali. (Cronache)

PARLA L'ASSESSORE

L’amministrazione comunale di Salerno è già al lavoro per la nuova edizione di Luci d’Artista, dopo lo stop forzato dovuto dalla pandemia. Lo ha annunciato l’assessore al Commercio Dario Loffredo, anticipando che la nuova edizione dovrebbe tenersi, magari in forma ridotta ma tutto dipenderà soprattutto dall’andamento della pandemia. Assessore, il 4 settembre sono state ufficializzate le liste, ora la campagna elettorale è ufficialmente partita e lei cerca la riconferma per portare avanti i progetti avviati… “E’ il terzo mandato, la mia campagna elettorale non è iniziata oggi ma cinque anni fa; io vivo ogni giorno ascoltando le persone, parlando con tutti e cercando di essere a disposizione di tutti i miei concittadini, quelli che decidono di onorarmi con la loro preferenza e quelli che non mi voteranno. Questo è il mese caldo, si intensificherà nei prossimi giorni ma questo mese servirà per incontrare le persone, andare nei quartieri ma il vero lavoro è quello fatto prima; bisogna lavorare sempre come se ci fosse la campagna elettorale, andando nei quartieri per incontrare i cittadini. Mi sono ricandidato perché Salerno deve ripartire, non solo con un lavoro certosino nei quartieri perché questa pandemia ha creato danni importanti alle attività commerciali, il settore che rappresento da assessore al Commercio ma siamo pronti a ripartire. Fa ben sperare che questa estate sia stato registrato il pienone nei B&B, nei ristoranti e nei locali di food and beverage. Stiamo programmando una serie di iniziative: ad ottobre abbiamo programmato una serie di iniziative, come la visita al Ttg di Rimini, la fiera del turismo tra le più importanti d’Europa. Inoltre, stiamo lavorando alla nuova edizione di Luci d’Artista”. E’ una campagna elettorale anomala, sì agli incontri in presenza ma nel rispetto delle norme. Ad un mese dal voto che clima si respira? “Bisogna rispettare le norme anti covid, la bellissima notizia dell’immunità di gregge raggiunta a Salerno ci fa ben sperare ma in questo momento non possiamo abbassare la guardia perché i prossimi due mesi saranno fondamentali. Possiamo incontrare le persone ma all’aperto, con la mascherina e nel rispetto del distanziamento sociale. Le persone sanno che noi ci abbiamo messo la faccia, il nostro lavoro parte da lontano e – anche con le difficoltà legate alla pandemia e alla carenza di personale – quando diamo una parola la manteniamo. Sicuramente, bisogna fare di più; mi candido perché voglio che Salerno torni ad occupare un ruolo importante nella movida, come accadeva anni fa. Con l’inaugurazione di piazza della Libertà ormai alle porte e con gli oltre 700 posti auto sono certo che rinascerà la movida: sono convinto che ci riapproprieremo di quel ruolo che ci spetta, con Salerno comune capofila per la movida in Campania. Siamo in via di definizione anche per quanto riguarda il bando dei locali in piazza della Libertà che aprirà il 21 settembre; entro due anni ripascimento fino a Santa Teresa; nel 2024 lavori di ampliamento della pista dell’aeroporto di Salerno; la fine del dragaggio per le navi da crociera. Salerno si avvia ad essere punto di riferimento per il turismo e questi lavori sono oggi percepibili. La città è pronta a ripartire di slancio, i cittadini salernitani – persone intelligenti che sanno giudicare – andranno su chi ha dato sempre serietà amministrativa, portando avanti i progetti. Sono partito con grande entusiasmo per completare i lavori ed essere amministratore della mia città e dei miei concittadini”. Luci d’Artista quest’anno si farà? “Noi stiamo lavorando proprio su questo: la programmazione della nuova edizione di Luci d’Artista. Stiamo lavorando, tenendo presente la pandemia. Lo scorso anno tanti ci hanno chiesto della manifestazione, noi stiamo programmando il tutto e la manifestazione si farà a seconda dello stato della pandemia ma siamo fiduciosi, questo sarà un Natale luminoso con le nostre Luci che hanno reso Salerno famosa in tutto il mondo”. (Cronache)

PARLA L'ASSESSORE/2

“I veri soggetti politici sono i giovani”. Lo ha dichiarato l’assessore all’Ambiente e allo Sport, Angelo Caramanno che – ieri – ha inaugurato la sua sede elettorale. Caramanno, tifosissimo della Salernitana, è candidato con i Progressisti per Salerno, lista nella quale confluiscono quasi tutti gli assessori uscenti. Come affronterà l’assemblea giornaliera? “La giornata di oggi rappresenta per me l’ennesima tappa di un percorso spontaneo e sotto certi aspetti anche obbligato. Il progresso è possibile solo se si riconoscono delle difficoltà sottostanti. Il discorso che muove alla tutela dell’ambiente è già in corso ma le prospettive saranno ben poche se l’intera città non sarà coinvolta in modo radicale. Anche lo sport verrà incentivato. Anzitutto vorrei che rappresentasse un’alternativa sana nel tempo libero per i più giovani”. Ma a che scopo puntare sui più giovani? “L’idea sta nel recuperare un rapporto andato perduto tra le generazioni. I giovani possono portarci ad una riflessione senza precedenti. Il momento storico in cui viviamo lascia loro molto spazio ma spesso si ha difficoltà a fare gioco di squadra. Bisogna potenziare e rinvigorire la coscienza dei cittadini. È paradossale come le nuove generazioni abbiamo già le idee chiare in molti ambiti del sociale, per cui se si vuole fare la differenza bisogna razionalizzare ed elaborare i diversi movimenti giovanili fornendo loro delle strutture di aggregazione”. Quale messaggio d’intesa vuole riferire ai suoi elettori? “Non credo occorra persuadere i cittadini che la nostra città sia un diamante grezzo. C’è molto lavoro da fare, il comparto amministrativo è in panne, ma l’innovazione può dare dei profitti. La Lista “Progressisti per Salerno” s’innesta comodamente entro dei canoni nuovi ma fondamentali quanto quelli che li precedono. In questo non c’è nessuna contraddizione, bisogna trovare un “dispositivo politico” moderno che ci protegga dalla modernità stessa, al fine di tutelare anche le nuove generazioni nell’era del digitale, in sospeso tra la crisi dei valori e l’ostinazione di chi vuole preservare la tradizione. Opporsi testardamente al cambiamento non porterà ordine nella comunità. La nostra missione è cercare di rendere più semplice l’accesso ai nuovi dibattiti internazionali e migliorare le competenze dei nostri figli”. (Cronache)

PARLA MARAIO

E’ partita ufficialmente ieri la campagna elettorale del Psi, in vista delle prossime elezioni comunali, in provincia di Salerno. Al Mediterranea Hotel il segretario nazionale del Psi, Enzo Maraio, il candidato sindaco Vincenzo Napoli, il consigliere regionale Andrea Volpe e il segretario provinciale Silvano Del Duca hanno presentato i candidati al consiglio comunale. “Si punta ad avere una rappresentanza consiliare ampia, rappresentativa di tutto quanto si muove nella nostra società salernitana. Credo sia stato fatto un eccellente lavoro, individuando gli interlocutori giusto per un raggruppamento consiliare consapevole, intelligente ed ampio e credo che il lavoro sarà premiato”, ha dichiarato il primo cittadino uscente Vincenzo Napoli, ribadendo il ruolo del Psi, “partito storico della sinistra italiana, guidato da Enzo Maraio, a livello nazionale. Hanno messo su una lista autorevole, rappresentativa e mi auguro che lista abbia il successo che merita così come tutte le altre liste dovranno avere il loro successo perché è stato fatto un lavoro serio, attento e responsabile che si pone il problema del governo della città nei prossimi cinque anni, fondamentali e indispensabili per il rilancio completo della città”. Per il Napoli bis l’obiettivo è di “governare con serenità, tranquillità; noi siamo una forza tranquilla, ci muoviamo con responsabilità e concretezza, daremo prova che il disegno della città che si sta realizzando sotto i nostri occhi possa avere uno slancio formidabile e candidare Salerno ad essere una delle città più importanti d’Italia”. A sottolineare il lavoro svolto nell’intera provincia di Salerno, il segretario Del Duca che ha evidenziato come il Psi sia stato in grado di “costruire nei Comuni, liste forti e affidabili. In particolare a Eboli con la candidatura a sindaco di Giancarlo Presutto e a Battipaglia, dove, dopo tanti anni, ritorna il simbolo del Psi a sostegno di Antonio Visconti. Un lavoro, frutto anche e soprattutto di un radicamento del partito nella nostra provincia”. Per quanto riguarda la città capoluogo, invece, Del Duca ha ribadito il buon lavoro svolto dai consiglieri e dall’assessore uscente. Quella del Psi, ha detto il segretario provinciale, “è una lista frutto di un lavoro straordinario fatto in questi mesi dove il Psi, in provincia di Salerno è cresciuto mentre nella città capoluogo ha avuto la capacità di amalgamare e mettere in campo energie nuove, giovani, professionisti, donne, mondo della scuola, delle professioni, della cultura, della sport, delle Politiche Sociali – ha aggiunto – Una lista eterogenea che punta a raccontare con forza quello che vogliamo fare per Salerno nei prossimi 5 anni per rilanciarla maggiormente, portando avanti – nel periodo post pandemico – proposte concrete per il rilancio del concetto e della parola lavoro che, per noi, sarà il protagonista principale dei prossimi cinque anni e lo dobbiamo a tutte le giovani generazioni, ai professionisti, al terziario, del commercio e del turismo, messi in ginocchio dalla pandemia”. Il Psi, con o senza simbolo di partito, è presente in tutti i comuni chiamati al voto, tanto a livello provinciale quanto nazionale: “Abbiamo liste in autonomia, con le nostre idee, i nostri programmi, i nostri uomini e le nostre donne in tutti i comuni chiamati al voto – ha dichiarato il segretario nazionale Vincenzo Maraio – Un nuovo protagonismo del partito socialista che sicuramente vorrà arrivare lontano e dare il proprio contributo per una nuova fase che miri a rinnovare plurale e unito il centrosinistra per ritornare alla guida del Paese, sconfiggere le destre che sono ai livelli minimi. A Salerno vale lo stesso: abbiamo dato il nostro contributo con la nostra autonomia, negli anni siamo stati anche pungolo di quest’amministrazione, denunciando le cose quando non ci convincevano. Abbiamo spinto l’amministrazione a mantenere i livelli qualitativi di una volta e quello è l’obiettivo”. Il consigliere regionale Andrea Volpe ha esortato i candidati a “raccogliere la sfida e a impegnarsi, per il bene del partito e della coalizione di centrosinistra, a portare avanti i principi e i valori di un partito autonomo e libero capace di guardare al futuro con i valori di una antica tradizione”. (Cronache)

IL CANDIDATO

“La sostenibilità ambientale non è uno slogan e non può essere narrazione coniugata al futuro. Va praticata e testimoniata oggi, nel quotidiano agire di ognuno di noi. È un dovere comune dei cittadini e della politica”. Nicola Ciancio ha appena lasciato l’abitacolo di una dellle bike cargo della sua campagna elettorale: design elegante, pedalata assistita e zero inquinamento sono gli ingredienti della linea verde comunicativa con la quale attraverserà i quartieri di Salerno nell’ultimo mese prima dell’apertura delle urne per il rinnovo del Consiglio comunale. Il commercialista salernitano classe 1977, una moglie avvocato e due bimbe di undici e nove anni, da più di venti impegnato nel sociale come educatore giovanile, è in campo al fianco del sindaco Vincenzo Napoli nella lista di Salerno per i giovani. “Ci sono temi -sottolinea Ciancio- decisivi e centrali che non possono essere affidati esclusivamente a più o meno brillanti storytelling.Comunicare è importante ma lo è ancora di più farlo con consapevolezza e responsabilità associando ai messaggi che si intende promuovere coerenti pratiche di comportamento. Testimoniare, con le proprie azioni, i valori in cui si crede è la strada maestra”. Perché proprio le bike cargo? “La mia professione mi ha dato l’opportunità di viaggiare tanto, di conoscere paesi e realtà imprenditoriali di tutto il mondo, in particolare startup innovative nei processi industriali e nei prodotti. L’azienda che mi ha fornito le bike cargo è proprio una di queste realtà imprenditoriali”. Quale, secondo lei, lo stato di salute della città di Salerno rispetto alle tematiche ambientali? “Sicuramente si deve fare di piu. L’impegno alla virtù non riguarda solo la classe politica e di governo amministrativo locale, che naturalmente deve una direzione chiara e netta agendo di conseguenza in termini di programmazione e scelte urbanistiche, iniziative per la tutela, valorizzazione e condivisione sana del patrimonio naturale esistente, in particolare delle aree verdi pubbliche. Questo stesso impegno riguarda anche noi cittadini, tutti, nessuno escluso. Il richiamo alla responsabilità degli altri ha senso ed efficacia solo se prende le mosse dal nostro personale agire. Dare il buon esempio non è una cosa scontata e non deve passare per una banalità. È lì che si gioca non solo la credibilità dei politici e della politica di chiedere il voto ma anche la credibilità di noi cittadini di chiedere conto per ciò che viene o non viene fatto”. Cosa propone per rafforzare, da questo punto di vista, il rapporto di empatia tra la gente e la città? “Biosgna promuovere e sedimentare la cultura dell’ambiente. Sono necessarie iniziative di ascolto, confronto e condivisione. Iniziative partecipate attivamente dalla cittadinanza per rendere viva la tematica dell’ambiente evitando di farla morire in opuscoli e vademecum. Penso a manifestazioni mirate nei singoli quartieri della città con i salernitani protagonisti, insieme a chi li rappresenta al Comune, del processo di elaborazione delle migliori proposte per la costruzione di una Salerno sempre più rispettosa e innamorata dell’ambiente. Dai quartieri, solo dai quartieri possono arrivare le riflessioni per produrre azioni che diano benefici tangibili a chi vive quotidianamente la città. Penso inoltre a campagne nelle scuole elementari, mirate nel linguaggio e negli strumenti di dialogo con i più piccoli. Penso a un servizio civile green presso realtà associative che storicamente operano su questo fronte, quasi sempre in maniera volontaria. Bisogna informare e formare. Con il sorriso ma con serietà”. Lei è alla prima esperienza in una competizione elettorale. Come la sta vivendo? “Il percorso associativo intrapreso da giovanissimo ha contribuito a farmi interiorizzare, più che un principio, un vero e proprio modo di vivere: il raggiungimento di un obiettivo, di un traguardo è sicuramente importante ma lo è ancora di più la strada che decidi di seguire per riuscirci. Condivido questo impegno politico ed elettorale con amici e giovanissimi talenti che per me sono uno stimolo a fare sempre meglio, vera e propria energia vitale. Esiste un noi. E questo noi è il mio più grande orgoglio”. Salerno è la nostra storia. Nella frase che ha scelto per sintetizzare la sua idea di impegno politico c’è piu identità o responsabilità? La storia di Salerno è la nostra storia. E viceversa. Non possiamo pensare di non incidere, positivamente o negativamente, sulla vita della nostra comunità con le nostre azioni. Naturalmente questo principio non riguarda solo l’ambiente. Esiste un richiamo alla responsabilità individuale e collettiva che ci tira tutti in ballo così come esiste un rapporto identitario che però, sia chiaro, non è cristallizzato ma dinamico. Un divenire che personalmente vivo da sempre come un invito a impegnarsi sempre, per se stessi e per gli altri. Insieme possiamo e dobbiamo costruire la Salerno che desideriamo”. (Cronache)

 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, Trieste cala l'asso: calottina numero 12 affidata al talento di Roberta Santapaola

Il Sole della Sicilia illumina Trieste. E' Roberta Santapaola l'ultimo innesto della Pallanuoto Trieste di Ilaria Colautti, pronta a recitare il ruolo di outsider nel prossimo...

Pallavolo, il 16 ottobre parte la nuova stagione di Serie C: Salerno Guiscards inserita nel girone A

La nuova stagione è alle porte per il team volley della Polisportiva Salerno Guiscards. Mentre la squadra agli ordini di coach Paolo Cacace prosegue la preparazione alla...

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; torno a Giffoni dove sono stato bene"

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; Torno a Giffoni dove sono stato bene"
Il calcio dilettantistico è ripartito e la...

Nel segno della solidarietà, una borsa di studio intitolata a Melissa La Rocca

di Giuseppe Vitolo
Quanto è bello il cuore della solidarietà. Quella grande macchina che spinge la volontà oltre l’ostacolo, con l’unico fine...

Pallanuoto, l'anno sabbatico di Elena Borg: "Tempo necessario per capire cosa voglio davvero dalla vita. A Verona trovata seconda famiglia"

Nell'ampio bailamme di cambi di calottina e ritiri estivi in vista del prossimo campionato di A1 femminile c'è anche chi ha deciso di prendersi una pausa. Si tratta di...

Olympic Salerno, sottoscritto accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team per la stagione 2021/22

L'Olympic Salerno è lieta di annunciare l'accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team che sarà Bronze Partner del sodalizio biancorosso nella stagione...

Pallanuoto, la Vela Ancona si affida alla linea verde: 4 giovani promosse in prima squadra, dai Castelli Romani arriva Monterubbianesi

La Vela Ancona nuota forte verso il primo turno di Coppa Italia, suddiviso in due gironi e in programma il prossimo weekend a Firenze e Ostia. Anconetane a Ostia con Bogliasco,...

Pallanuoto, una gemella tira l'altra: anche Martina Savioli appende la calottina al chiodo. "A Padova le migliori compagne che potessi desiderare"

Per la prima volta in vent’anni di attività, non ci sarà nemmeno una Savioli in squadra al Plebiscito Padova: dopo l’addio alla Pallanuoto giocata di...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?