Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

04/09/2021

CASO TEATRO VERDI

Tiene ancora banco la vicenda Teatro Verdi. Tiene ancora banco e non si placano le polemiche nate immediatamente dopo la prima dello spettacolo “Pagliacci/Cavalleria Rusticana” sulle audizioni delle masse orchestrali e corali del teatro Verdi di Salerno e, in particolare, sugli ingaggi di ballerini, figuranti, mimi e coreografi. Ad intervenire questa volta è Francesco Virtuoso, candidato al Consiglio Comunale con il M5S, che nel 2018 ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica proprio sul Teatro Verdi e sul sistema con cui questo viene gestito… “Nel 2018 preso dalla curiosità rispetto alla gestione da parte dell’amministrazione comunale del Teatro Verdi – spiega Virtuoso – iniziai a studiare tutte le determini dirigenziali con le quali venivano pagate le maestranze, i cori, gli strumentisti, per ogni opera lirica. Ho studiato un qualcosa come 300 determine dirigenziali che negli anni il Comune di Salerno ha emesso a pagamento per mettere in piedi questi spettacoli e che mi hanno dato un quadro della situazione più completa. Attraverso questo studio sono riuscito a ricostruire un po’ tutta la situazione che in maniera dettagliata ha scritto nell’esposto che ho presentato alla Procura della Repubblica di Salerno. Ho evidenziato una serie di anomalie, che a mio avviso continuavano ad essere perpretate dall’amministrazione comunale. Studiando queste determine mi accorsi che il Comune di Salerno, da diversi anni a questa parte non è altro che il bancomat di Daniel Oren. Ogni anno, nel mese di marzo il Comune cosa fa una delibera di giunta attraverso la quale assegna la direzione artistica a Daniel Oren per la stagione lirica, la quale mediamente si compone di 5 opere e per ognuna delle quali si fanno 3 repliche, quindi parliamo di 15 aperture di sipario. Daniel Oren a fronte di un compenso di circa 200mila euro gestisce la stagione lirica. Ma lo fa a suo uso e consumo, perché di ogni opera messa in scena, decide con una lettera agli uffici competenti le ditte e le maestranze che lui ritiene opportuno chiamare, e che negli anni sono sempre le stesse. Ovvero la truccatrice è sempre la stessa, così come chi fornisce le scarpe, i vestiti, etc. Quindi gestisce a proprio piacimento attraverso una semplice lettera di affidamento che fa al comune nella quale comunica quali aziende devono essere chiamate per l’allestimento. Questo, è un modo, a mio avviso, non trasparente per un’amministrazione pubblica di gestire dei soldi dei cittadini. Innanzitutto perché andrebbe fatto una programmazione o anche perché andrebbero coinvolte le maestranze salernitane e andrebbe fatto una produzione salernitana. Perchè ad oggi, nonostante negli anni sono stati spesi milioni di euro di tutto quello fatto da Oren non è rimasto nulla”. Virtuoso spiega racconta poi che dopo il suo esposto ricevette una risposta da parte del Comune… “Mi dissero che la loro gestione era corretta e che ero contro la cultura, con il maestro Oren e contro il maestro?Marzullo. Ma non è così io sono per la cultura, quella di qualità, ma soprattutto sono per la trasparenza quella che non c’è al teatro Verdi. Inoltre nel corso delle miei ricerche in merito alla gestione della stagione lirica del Verdi, ho anche scoperto che dal 2016 la gestione dei soldi stanziati in parte dal Comune, in parte dalla Regione e in piccola parte dalla Comunità Europea è stata affidata a delle associazioni. Prima del 2016 i contratti venivano fatti scritturando direttamente gli artisti ed anche questo era un sistema non lecito. Quando sono arrivate le prime denunce al Comune e ad altri, allora hanno creato queste associazioni che gestiscono la scelta dei musicisti, piuttosto che dei coristi o ballerini etc. Attraverso delle visure sono riuscito a risalire alle persone che gestiscono queste associazioni, ma non posso vedere nessun tipo di documentazione perchè essendo associazioni e non enti pubblici i documenti non sono obbligati a mostrarli a chiunque ne faccia richiesta. Sta di fatto che è proprio attraverso queste associazioni che fanno girare i soldi dei cori, degli strumentisti, dei figuranti dei ballerini e di quant’altro e stiamo parlando di svariate centinaia di migliaia di euro che queste associazioni gestiscono e che nessuno sa come gestiscono”. Tante domande alle quali ancora oggi Virtuoso non ha ricevuto risposte certe… “Non so se la Procura abbia aperto un fascicolo in merito, so per certo che ora la gestione del Verdi dovrebbe davvero cambiare. E’ necessario, come nelle altre città, creare una Fondazione, che gestisca il Teatro comunale in maniera trasparente e soprattutto che si inizino a fare audizioni serie per gli orchestrali, i coristi e il corpo di ballo. Dal canto mio, continuerò a vigilare e a lottare affinchè questo sistema messo in atto al?Verdi finisca e che ci sia davvero la massima trasparenza su ogni cosa che si fa con i soldi pubblici”. (Cronache)

SCUOLA E VACCINI

Scuola, immunità di gregge e terza dose, sono questi gli argomenti che ieri mattina ha affrontato il referente per l’emergenza covid dell’Asl di?Salerno Arcangelo?Saggese, nel corso di un incontro per tracciare un punto sulla diffusione del virus nella nostra provincia. Il comune in provincia di Salerno che ha il più alto numero di vaccinati e Bellosguardo con 82,1% di immunizzati seguito da Felitto col 81,12% e poi ancora Moio della Civitella, Sant’Angelo a Fasanella, Rutino, Castel San Lorenzo, Roscigno, Gioi, Sacco, Cetara, Corleto Monforte, Sant’Arsenio, Laurino, Siano, Baronissi e Salerno con il 74,5% dei vaccinati. Segue poi ancora a Giffoni Sei Casali, Corbara, San Pietro al Tanagro, Roccapiemonte, Futani, Giffoni Valle Piana, Magliano Vetere, Castiglione dei Genoves e Bracigliano. In quest’ultimo comune si sono vaccinati il 72,24% dei residenti. I comuni con meno immunizzati si trovano tutti nel Golfo di Policastro come ad esempio il Comune di Torraca dove a ricevere la prima dose sono stati solo il 48,69% degli aventi diritto, o come Santa Marina doveè solo il 51,36% della popolazione vaccinabile ha ricevuto la prima dose o Vibonati dove a ricevere la prima dose e il 55,79% dei residenti vaccinabili. Nella media in provincia di Salerno si è raggiunto il 70% dei vaccinati con il capoluogo che quasi al 75% dei vaccinati con la prima dose a 68% per la seconda. Mentre in tutta la provincia il 55% della popolazione tra i 12 e i 19 anni ha ricevuto la prima dose, ecco perchè ora si deve accelerare sugli ragazzi in vista della riapertura delle scuole. “Per venire incontro a questa esigenza da lunedì – afferma il dottor Arcangelo Saggese – avremo tre camper che si metteranno davanti ad alcune scuole e in contemporanea apriremo alcuni centri vaccinali proprio all’interno delle scuole quelle che già sono state centri vaccinali come il Santa Caterina da Siena Amendola e probabilmente anche altre dove avremo la disponibilità per coordinare questa attività. Inoltre siamo facendo già da questa settimana open day aperti per tutti, in tutta la provincia. Tutti i centri vaccinali alternandosi tra mattina, pomeriggio, un giorno sì, un giorno no, offrono la possibilità di vaccinarsi anche senza prenotazione”. Fondamentale quindi far crescere il numero di ragazzi fra i 12 e 19 anni, perchè se l’intera classe risulta vaccinata insieme a tutto il personale docente e non docente potrebbero cambiare anche le modalità con cui assicurare le lezioni in presenza. “Se ci saranno queste condizioni – prosegue Saggese – anche le condizioni di fruizione degli ambienti scolastici adeguati per dimensione, per misure sui numeri di presenze in classe, etc. potrebbero essere tali da permettere la presenza in aula degli studenti senza la mascherina”. Saggese conclude il suo report settimanale invitando ancora una volta a non abbassare la guardia, perchè il virus è sempre in agguato, proprio come è successo ad Eboli con il focolaio con 29 casi finora accertati “Questo dimostra che non si deve abbassare la guardia.?E che soprattutto nelle situazioni conviviali come feste, matrimoni ed altro bisogna prestare la massima attenzione, perchè è proprio in queste situazioni che il virus si diffonde con più facilità. Dobbiamo fare uno sforzo finale per completare la vaccinazione per raggiungere e superare l’immunità di gregge nella nostra provincia. Siamo vicini al 75% dobbiamo fare uno sforzo per arrivare al 80% anche di più e poi dobbiamo mettere in cantiere l’idea che questa vaccinazione diventa ripetuta come le anti influenzali .probabilmente si partirà con le terze dosi, vedremo da ottobre come si mette”. (Cronache)

PARLA CAMMAROTA

“Recuperiamo o abbattiamo quello stabile abbandonato in vicolo Delle Galesse” è stato questo l’appello lanciato nei giorni scorsi da alcuni residenti della stradina del centro storico, dopo l’ennesimo crollo di un solaio all’interno dello stabile abbandonato dagli anni 90 circa. Un appello che con il passare dei giorni viene raccolto da sempre più persone, pronte a scendere in campo per risolvere una volta e per tutte la situazione. Nella mattinata di ieri una rappresentante dei residenti si è recata a Palazzo di?Città per protocollare una lettera indirizzata all’assessore Caramanno nella quale si chiede un’immediato intervento di bonifica e pulizia dell’area. Ma sempre nella mattinata di ieri sul posto si è recato anche il candidato sindaco, già consigliere comunale e presidente della commissione trasparenza del Comune di Salerno,?Antonio Cammarota, su invito di ben due suoi candidati al consiglio comunale l’avvocato Pasqualina Recussi e Raffaele De Santis, il titolare del ristorante – pizzeria “Da nonno Raffaele” che si trova a pochi metri di distanza dallo stabile incriminato. Preso atto delle pessime condizioni in cui versa lo stabile, l’avvocato Cammarota ha annunciato che nel prossimo consiglio comunale porterà all’attenzione dell’amministrazione la vicenda. Intanto il candidato al consiglio comunale Raffaele De Santis, si sta attivando insieme ad altri colleghi commercianti alla raccolta firme iniziata due giorni fa dai residenti del quartiere. “Non si può accettare che nel cuore del centro storico della nostra città ci sia un palazzo ridotto in queste condizioni. Ma soprattutto non si può accettare che l’amministrazione comunale ancora in carica permetta che dei cittadini vivano circondati dai rifiuti e dai topi che oramai sono rimasti gli unici a vivere in questo stabile”. Dal canto suo l’avvocato Recussi, anche lei candidata al consiglio comunale e anche lei residente in vicolo Delle Galesse, si sta attivando per coinvolgere nell’azione di protesta e soprattutto di richiesta di restauro o abbattimento dello stabile, tutti gli amministratori di condominio dei palazzi del quartiere e delle strade confinanti… “Anche in passato ho cercato di sollecitare chi di dovere a verificare la situazione di questo palazzo. Ma adesso possiamo dire che siamo arrivati proprio al massimo. Non si può più tollerare una situazione del genere, viviamo in costante pericolo. Il palazzo non è stabile, non è sicuro e se non si interviene subito prima o poi qualcuno si farà male davvero. Ecco perchè, insieme con i residenti, ho deciso di coinvolgere tutti gli amministratori dei condomini delle due strade interessate ovvero vicolo Delle Galesse e vicolo Porta Rateprandi, oltre a quelli delle strade limitrofe, al fine da far chiedere a loro, a nome e per conto di tutti gli inquilini gli interventi urgenti da fare nello stabile in questione”. (Cronache)

IL BANDO

E’ stato pubblicato sul sito della Fondazione Carisal, mercoledì 1 settembre 2021, il bando tematico 2021 “Sport e inclusione” per il sostegno di progetti di inclusione sociale a favore dei giovani attraverso lo sport con particolare riferimento ai bisogni educativi speciali. Il termine per le candidature dei progetti scade il 15 settembre 2021. Il bando si rivolge agli Istituti scolastici secondari di primo e secondo grado e/o a soggetti senza scopo di lucro operanti in Provincia di Salerno nei Settori Educazione, Istruzione e Formazione e Attività Sportiva. Le risorse che potranno essere assegnate ammontano complessivamente a Euro 10.000,00. Per ogni progetto, la Fondazione potrà stanziare un contributo fino all’importo massimo di Euro 2.000,00. Tre sono gli obiettivi alla base dell’intervento promosso dalla Fondazione Carisal: favorire l’integrazione e l’inclusione dei giovani, in particolar modo con bisogni educativi speciali, attraverso lo sport; promuovere uno stile di vita sano e stimolare comportamenti che migliorino il benessere psicofisico dei giovani; rendere più moderne, accessibili ed efficienti le strutture sportive specie per persone con disabilità e difficoltà motoria. “L’educazione fisica e lo sport sono strumenti d’inclusione sociale e scolastica per giovani ed in particolar modo per coloro che rientrano nella categoria Bes (disabili, Dsa e svantaggiati). La Fondazione Carisal riserva una particolare attenzione all’attività sportiva sia per l’insostituibile funzione sociale ed educativa che riveste in favore dei giovani, sia per gli importanti effetti sulla loro salute mentale e fisica. Anche le recenti ricerche sul Covid 19 hanno evidenziato l’importanza dell’attività sportiva per contrastare la malattia, grazie ai potenti e benefici effetti dell’esercizio fisico sul sistema immunitario ed in generale sullo stato di benessere psicofisico delle persone di tutte le fasce d’età” dichiara il Presidente della Fondazione Carisal, Domenico Credendino. Il testo del Bando e i relativi allegati sono disponibili sul sito della Fondazione Carisal www.fondazionecarisal.it.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, la determinazione di Lucrezia Massa: "Seguo le orme di papà e mamma, orgogliosa della mia allenatrice. Al Napoli Nuoto per far bene"

Conto alla rovescia per la partenza del campionato di A2 femminile. Sono attesi a giorni i calendari del torneo tornato, salvo casi di forza maggiore legati all'eventuale...

Pallanuoto, l'inedito Settebello entusiasma a Zagabria: battuta la Croazia sul gong

Un Settebello giovane e caparbio, grazie a un goal all'ultimo respiro di Bruni, supera 12-11 la Croazia, a Zagabria (foto FIN), nel secondo confronto amichevole, dopo quello...

Progetto E-Labor, Furore (M5S): “Fondi europei unica opportunità per far rivivere aree interne del Sud”.

Progetto E-Labor, Furore (M5S): “Fondi europei unica opportunità per far rivivere aree interne del Sud”
“L’Europa sta mettendo a disposizione...

Pallanuoto, pubblicati i calendari dei quattro gironi di Serie B: si parte all'insegna dei derby

Sono stati diramati nel pomeriggio odierno i calendari dei quattro gironi di Serie B, edizione 2021/22. Si torna alla formula classica, salvo non preventivati casi di forza...

Pallanuoto Salerno, doppio trionfo al Calcaterra Challange e al Memorial Lapenna

Continuano i successi in ambito giovanile nazionale per la Pallanuoto Salerno. L'Under 14 guidata da coach Tonino Luongo si è aggiudicata anche il prestigioso torneo...

Pallanuoto, A1 femminile: la Top 7 della settima giornata

Con il sorpasso in vetta della Sis Roma ai danni del Plebiscito Padova al termine di una gara condotta in maniera esemplare dal Sette di Marco Capanna, va in archivio la settima...

Pallanuoto, nuovo cambio di programma: il Settebello parte per Zagabria con un'inedita formazione

Contrariamente a quanto comunicato sabato dopo il caso di Covid che ha imposto il rinvio del big match tra Brescia e Recco, il Settebello sta raggiungendo Zagabria per onorare...

Pallanuoto d'Artista, grande successo per il torneo alla "Vitale": vince la Waterpolo Palermo, sorpresa Trieste

Grande successo per la prima edizione di "Pallanuoto d'Artista". Un vero e proprio tour de force quello che si è tenuto alla piscina comunale "Simone Vitale" di Salerno....
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?