Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Christian De Sica mattatore al Premio Charlot

29/07/2021

Sull’arena del mare si affaccia il “Palazzo della Fiat”. Proprio lì era solito incontrare un po’ di amici Vittorio De Sica, che aveva parenti qui in città e a Giffoni, tra cui quel bel tipo di Don Ottavio, l’estroso maestro “ripetitore” del Teatro Verdi e pianista accompagnatore di Enrico Caruso, un po’ vanesio, che mandava a stirare le camicie a Londra, “perché solo a Londra sanno stirare le camicie”. Sono i racconti di Christian De Sica, ed è il “dire” di chi da piccolo è stato abituato ad ascoltare, a star seduto nel salotto con adulti “grandi”, ad esibirsi per loro, indossando da subito il frac. Claudio Tortora, ha affidato la serata finale del suo premio Charlot a Christian De Sica e Pino Strabioli, i quali hanno ripercorso la vita della famiglia, anzi delle famiglie del grande regista, tra immagini, suoni, parole, emozioni, trasformando l’arena in un salotto. C’è il piacere, da parte di Christian di stare in palcoscenico, non a caso, l’entrata l’ha fatta dalla platea, per rivivere il bagno di folla che è tanto mancato a tutti. Quindi il suo “raccontar-cantando”, principiato con una fast ‘S Wonderful, sempre con la luce pronta a illuminare il pubblico, perché rivelare il privato davanti a un muro nero è impossibile. Pino Strabioli, ricorda le cose che sono accadute a Christian in non pochi anni, divertenti, tristi, tenere e romantiche, come nella vita di tutti. A sostegno di Christian il grande pianista Riccardo Biseo, con il suo stellare sestetto che, a Salerno, schierava Mario Caporilli alla tromba, il nostro trombone Enzo De Rosa, Ferruccio Corsi al sax alto e al flauto, Cristiano Micalizzi alla batteria, Nunzi al basso, degni eredi di Lelio Luttazzi e, in particolare, di quella scuola di arrangiatori, che passa da Morricone a Trovajoli, da Fineschi a Piovani, da Piccioni a Bacalov, che hanno fatto grande e un po’ “nera” la nostra canzone. Nume tutelare della serata, papà Vittorio, naturalmente, perso a soli 23 anni. “Per uno che vuole fare l’attore – dice Christian – e ha il padre che si chiama Vittorio De Sica è una bella fregatura perderlo così presto; gli avrei potuto chiedere tante cose e chissà quante paure mi avrebbe potuto togliere, quanti consigli mi avrebbe potuto dare”. Gli aneddoti che fanno parte di quel periodo, senza nascondere che Vittorio era un grande giocatore e quando arrivava l’estate diceva ai figli “Allora, scegliete: dove volete andare? Campione, Montecarlo, Sanremo, Saint Vincent?” e noi sceglievamo Sanremo o Montecarlo dove almeno c’era il mare. Gli aneddoti vanno ad incastrarsi con un canzoniere che si apre con Lelio Luttazzi – ‘Canto (anche se sono stonato)’ – e passa per Sinatra, con ‘Fly me to the moon’ , ‘New York, New York’ per ricordare Liza Minnelli rinvenuta completamente sbronza di Biancolella d’Ischia sotto il pianoforte di casa De Sica; non prima di aver ricordato l’esordio del Christian cantante allo Sporting Club di Montecarlo davanti al Principe Ranieri e consorte, a Rudolph Nureyev, al cantante brasiliano Sérgio Mendes e al grande Gene Kelly. Montecarlo, dove il pubblico «non è lì per sentirti cantare, ma per controllare come sei vestito». Poi, il grande spaccato della gente di spettacolo: Alberto Sordi – cantato in ‘Breve amore’ (da ‘Fumo di Londra’) e ‘Ma ’ndo Hawaii’ (da ‘Polvere di stelle’) – e ancora Charlie Chaplin, «quel signore scemo che gioca col cappello» Boldi «pessimo batterista, meglio il fratello Fabio», Carlo Verdone ‘comprato’ a versioni di greco (De Sica sposerà la sorella Silvia) e il primo ‘Vacanze di Natale’, capace di risollevare le sorti di un figlio disoccupato al quale quel padre-regista da quattro Oscar, ritratto ai tavoli del jet set con i grandi della terra e donne come Maria Callas, Grace Kelly e Bette Davis, non avrebbe lasciato una lira. «Ma io non ho amato solo il regista», dice Christian, «ma l’uomo, con tutte le sue incongruenze»; anche il giocatore, il capofamiglia di due famiglie e genitore di almeno altri tre figli palesatisi più tardi, l’uomo «di un’altra epoca», e non sempre nel senso più virtuoso del termine. Christian, poi canta la Napoli tanto cara a Vittorio in ‘Munasterio ’e Santa Chiara’, la città chiassosa che zittisce incredibilmente sul ciak di ‘Matrimonio all’italiana’: «Signori, qui è Vittorio De Sica che parla. Dovrei girare una scena con la signora Sophia Loren e il signor Marcello Mastroianni e avrei bisogno di due minuti di silenzio». E dopo i due minuti di silenzio, il regista dice: «Grazie», e i vicoli rispondono «Prego». Vola il tempo, fino agli ultimi ricordi: la telefonata della madre che gli chiede di correre a Parigi e il regista con un filo di voce che dal letto d’ospedale indica al figlio il vestito blu portatosi da casa, «che poi, quando esco di qua, andiamo a Montecarlo o a Campione»; che chiede un whisky con ghiaccio, gli raccomanda la madre e il fratello e, come ultime parole, affinché la morte sia lieve ai propri cari più che a sé, si produce nell’ultimo, sofferto apprezzamento per il fondoschiena di un’infermiera. Finale con ‘Parlami d’amore Mariù’, per bissare ancora in allegria, stavolta col Luttazzi di ‘Chiedimi tutto’, tra gli applausi della platea.

FONTE: Cronache

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, Trieste cala l'asso: calottina numero 12 affidata al talento di Roberta Santapaola

Il Sole della Sicilia illumina Trieste. E' Roberta Santapaola l'ultimo innesto della Pallanuoto Trieste di Ilaria Colautti, pronta a recitare il ruolo di outsider nel prossimo...

Pallavolo, il 16 ottobre parte la nuova stagione di Serie C: Salerno Guiscards inserita nel girone A

La nuova stagione è alle porte per il team volley della Polisportiva Salerno Guiscards. Mentre la squadra agli ordini di coach Paolo Cacace prosegue la preparazione alla...

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; torno a Giffoni dove sono stato bene"

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; Torno a Giffoni dove sono stato bene"
Il calcio dilettantistico è ripartito e la...

Nel segno della solidarietà, una borsa di studio intitolata a Melissa La Rocca

di Giuseppe Vitolo
Quanto è bello il cuore della solidarietà. Quella grande macchina che spinge la volontà oltre l’ostacolo, con l’unico fine...

Pallanuoto, l'anno sabbatico di Elena Borg: "Tempo necessario per capire cosa voglio davvero dalla vita. A Verona trovata seconda famiglia"

Nell'ampio bailamme di cambi di calottina e ritiri estivi in vista del prossimo campionato di A1 femminile c'è anche chi ha deciso di prendersi una pausa. Si tratta di...

Olympic Salerno, sottoscritto accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team per la stagione 2021/22

L'Olympic Salerno è lieta di annunciare l'accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team che sarà Bronze Partner del sodalizio biancorosso nella stagione...

Pallanuoto, la Vela Ancona si affida alla linea verde: 4 giovani promosse in prima squadra, dai Castelli Romani arriva Monterubbianesi

La Vela Ancona nuota forte verso il primo turno di Coppa Italia, suddiviso in due gironi e in programma il prossimo weekend a Firenze e Ostia. Anconetane a Ostia con Bogliasco,...

Pallanuoto, una gemella tira l'altra: anche Martina Savioli appende la calottina al chiodo. "A Padova le migliori compagne che potessi desiderare"

Per la prima volta in vent’anni di attività, non ci sarà nemmeno una Savioli in squadra al Plebiscito Padova: dopo l’addio alla Pallanuoto giocata di...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?