Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Diodato a Giffoni: "La pandemia ci ha insegnato a riscoprire la bellezza nelle piccole cose"

26/07/2021

Sorrisi, emozioni e pure qualche lacrima. Nella Sala Blu, Diodato rivive con i giffoner della sezione IMPACT! l’anno della pandemia con tutto il suo carico di emotività. Dal simbolo di speranza che è diventata “Fai rumore” al silenzio intriso di storia e di presenze dell’esibizione solitaria all’Arena di Verona, dalla stesura di “Che vita meravigliosa” all’incontro con Roberto Baggio: il cantautore, nell’incontro organizzato in collaborazione con Radio 105, non nasconde il suo sentire più profondo.

“Sono metà pugliese e metà della Campania, perché mio padre è di ‘Saliern’”, esordisce Diodato pronunciando Salerno nel dialetto locale. Ma la gag lascia subito spazio alla riflessione. Al centro, la sua “Fai rumore”, simbolo di un anno che lo ha visto protagonista: “Pensavo di aver raggiunto l’apice emotivo con la vittoria al Festival di Sanremo. Mai avrei immaginato quello che stava per arrivare per tutti noi. Poi – dice - vedere diventare quella canzone altro, perché tu le canzoni le scrivi e loro se ne vanno per la loro strada, hanno una vita tutta loro, mi ha fatto provare da una parte dolore e dall’altra felicità. È diventata un grido di liberazione”. E ancora: “Vedere tanta gente scegliere quella canzone per manifestare la propria presenza e umanità in quel tempo così strano mi ha fatto sentire parte di una storia comune”.

Eppure, la sua istantanea del 2020 è un’altra: “Cantare all’Arena di Verona” per l’Eurovision. “Mi sono sentito parte di flusso comune – racconta Diodato - Ero solo ma non mi sentivo solo. Ho sentito di avere il privilegio, con la mia voce, di rappresentare quell’urlo che tutti noi abbiamo provato a far sentire in quei giorni lì. Quelli sono luoghi in cui per migliaia di anni si sono accumulate le emozioni di milioni di persone. E questa cosa la senti. Ecco – spiega - è come se avessi fatto un viaggio nella storia temporale umana. Io mi sentivo con milioni di persone intorno”. E aggiunge: “All’Arena di Verona ci torno il 19 settembre. Stavolta non da solo. Sarà una festa – esclama - Vorrei che fosse una festa dell’anima, una festa luminosa, un ritrovarsi. Vorrei che tutti provassimo emozioni forti per scambiarcele”. Perché, osserva, “non credo che la musica debba essere solo svago. Credo che la musica debba aiutare ad attraversare il buio. Spero che alla fine i miei concerti facciano uscire più consapevoli e più leggeri. Perché la musica è magica”.

Il viaggio nelle emozioni tocca il tema della bellezza. E Diodato inizia con una premessa: “Uso tanto la parola vita perché credo sia il centro della mia ricerca. Le mie canzoni altro non sono che il tentativo di racchiudere in tre minuti qualcosa di troppo grande da descrivere. La bellezza è il vissuto – spiega - Ed è forse il motivo per cui riesco a vederla anche nelle cose drammatiche che ho vissuto. Cerco sempre di trovarci un insegnamento. Questo periodo, che ha posto per tutti noi un muro sulla parola futuro che si tocca con mano, quante cose ci ha fatto capire?”. Ed esclama: “Quanta bellezza stiamo riscoprendo in quelle cose che davamo per scontate! C’è bellezza nelle piccole cose, bisogna stare attenti a riconoscerla. Questa esperienza ci aiuta a capire quali sono le cose fondamentali della vita e capire dove sta la bellezza”.

Diodato non si esime dal rispondere alle curiosità dei giffoner sui suoi film preferiti. La scelta è difficile, ma la spuntano “Matrimonio all’italiana, che ho vissuto tanto con la mia famiglia. Melancholia, un film fantastico e molto incisivo. E poi I soliti sospetti, perché mi lasciò alla fine con la bocca aperta”. L’artista non si tira indietro neppure nell’indicare i suoi tre cantautori di riferimento: “Lucio Battisti, Fabrizio De André e Domenico Modugno. Però ci sono canzoni di tanti altri che amo profondamente”. I miti di Diodato, infatti, non si fermano alla musica. “Che emozione conoscere Roberto Baggio! Quando mi hanno chiesto di scrivere la canzone per il film Il divin codino temevo di non riuscirci. Era una grande responsabilità. Lui fa parte del DNA degli italiani e ancora oggi riceve migliaia di lettere al mese da tutto il mondo. Ci ho lavorato per mesi, poi ho capito che dovevo raccontare le emozioni che mi aveva fatto provare”. E racconta dell’incontro con il campione e della scena girata giocando a biliardino: “Ha vinto lui di poco. Tipo 10 a 1”, ironizza. E racconta: “Baggio è una persona di cui si percepisce l’inquietudine e anche tutto il lavoro che ha fatto in questi anni. È una persona molto profonda ma anche con delle radici molto forti. Si percepisce l’energia che ha”. E ancora: “Mi ha fatto sentire subito a casa. Mi ha detto che si è emozionato tanto per la canzone e ha pianto come un bambino. Là – confessa - è come se mi avessero dato il Pallone d’oro”.

A differenza de Il divin codino, Diodato ammette di non aver visto prima il film di Ferzan Özpetek “La Dea Fortuna” del quale la sua “Che vita meravigliosa” è una delle canzoni simbolo. “Non ho scritto una colonna sonora, ho scritto una canzone”. E narra come tutto è nato: “Il seme iniziale della canzone è nato in albergo, alle tre di notte, di ritorno da un concerto. C’erano dei paninari vicino al palco che facevano panini buonissimi. Abbiamo mangiato un panino con la band e alcuni fan: è stato un momento magico. Sono tornato in albergo ed ero talmente felice che quando mi sono ritrovato in quella solitudine ho pensato che nonostante le montagne russe che vivo con questo lavoro, le porte in faccia, le delusioni, è proprio una vita meravigliosa”. Solo dopo è arrivata la collaborazione con il regista: “Quando mi hanno detto che Özpetek stava girando quel film e il mio editore gli ha proposto di ascoltare una mia canzone, ho pensato a quel seme lì. Così mi ci sono messo a lavorare. Ecco – conclude - come consiglio direi di non vedere il film prima, perché condiziona tantissimo”.

È sulle note di “Che vita meravigliosa” accennate con l’ukulele che Diodato saluta i ragazzi. La intona con Lau, una giffoner che così realizza un sogno. Aggiungendo emozioni su emozioni.

Ufficio Stampa - Extratime - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, Trieste cala l'asso: calottina numero 12 affidata al talento di Roberta Santapaola

Il Sole della Sicilia illumina Trieste. E' Roberta Santapaola l'ultimo innesto della Pallanuoto Trieste di Ilaria Colautti, pronta a recitare il ruolo di outsider nel prossimo...

Pallavolo, il 16 ottobre parte la nuova stagione di Serie C: Salerno Guiscards inserita nel girone A

La nuova stagione è alle porte per il team volley della Polisportiva Salerno Guiscards. Mentre la squadra agli ordini di coach Paolo Cacace prosegue la preparazione alla...

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; torno a Giffoni dove sono stato bene"

Claudio Sandrigo: "Ho lasciato il Montecorvino per divergenze con la società; Torno a Giffoni dove sono stato bene"
Il calcio dilettantistico è ripartito e la...

Nel segno della solidarietà, una borsa di studio intitolata a Melissa La Rocca

di Giuseppe Vitolo
Quanto è bello il cuore della solidarietà. Quella grande macchina che spinge la volontà oltre l’ostacolo, con l’unico fine...

Pallanuoto, l'anno sabbatico di Elena Borg: "Tempo necessario per capire cosa voglio davvero dalla vita. A Verona trovata seconda famiglia"

Nell'ampio bailamme di cambi di calottina e ritiri estivi in vista del prossimo campionato di A1 femminile c'è anche chi ha deciso di prendersi una pausa. Si tratta di...

Olympic Salerno, sottoscritto accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team per la stagione 2021/22

L'Olympic Salerno è lieta di annunciare l'accordo di partnership con Franco Grasso Revenue Team che sarà Bronze Partner del sodalizio biancorosso nella stagione...

Pallanuoto, la Vela Ancona si affida alla linea verde: 4 giovani promosse in prima squadra, dai Castelli Romani arriva Monterubbianesi

La Vela Ancona nuota forte verso il primo turno di Coppa Italia, suddiviso in due gironi e in programma il prossimo weekend a Firenze e Ostia. Anconetane a Ostia con Bogliasco,...

Pallanuoto, una gemella tira l'altra: anche Martina Savioli appende la calottina al chiodo. "A Padova le migliori compagne che potessi desiderare"

Per la prima volta in vent’anni di attività, non ci sarà nemmeno una Savioli in squadra al Plebiscito Padova: dopo l’addio alla Pallanuoto giocata di...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?