Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Ad Amalfi il mito di Quasimodo rivive in un corto

12/06/2021

 Ad Amalfi rivive il mito di Salvatore Quasimodo. A cinquantatré anni dalla scomparsa del Premio Nobel, attraverso un cortometraggio saranno raccontati gli ultimi giorni dello scrittore che la mattina del 14 giugno del 1968 avvertì proprio ad Amalfi un malore che lo portò alla morte dopo poche ore. Martedì 15 giugno primo ciak nel cuore della cittadina che avrà come protagonista Alessandro, il figlio di Salvatore Quasimodo, che all’età di 81 anni rivivrà quei giorni nel corto dal titolo “Eden ritrovato”, per la regia di Biancamaria Savo, ideatrice del progetto cinematografico “All’Ombra dei Luoghi”, nato nel 2016 proprio con l’obiettivo di raccontare i luoghi più rappresentativi della cultura italiana.

I versi dell’opera “Elogio ad Amalfi” del letterato siciliano guideranno le immagini in una dimensione onirica. Nel 1966 il poeta, invitato dall’allora presidente dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, Giuseppe Liuccio, definì la ex repubblica marinara «il giardino che cerchiamo sempre e inutilmente dopo i luoghi perfetti dell’infanzia», come recita l’epigrafe da lui dettata e murata nella Porta della Marina. Il corto, è ambientato negli anni Sessanta, all’interno dello storico locale dell’antica pasticceria Pansa preferito da Quasimodo durante i suoi soggiorni. Tutto sarà curato nei minimi dettagli, a partire dagli abiti, riproduzioni fedeli di modelli dell’epoca. Salvatore Quasimodo era stato invitato ad Amalfi a presiedere la giuria del premio di poesia e alloggiava nella stanza numero 26 dell’albergo Cappuccini. Quel 14 giugno 1968, poco prima di mezzogiorno, fu colpito da un malore improvviso. Quella mattina, verso le dieci, la commissione si riunì nel refettorio dell’albergo, per decidere gli ultimi particolari del premio. Dopo che il verbale dei lavori era già stato firmato da tutti, Quasimodo, fattosi cupo, si alzò dicendo che lo aveva preso un forte mal di testa. Furono, quelli, i primi segni dell’ictus che avrebbe ucciso il premio Nobel di lì a qualche ora. La segretaria e compagna del poeta, Annamaria Angioletti, fece subito chiamare un medico.

Secondo il racconto di Piero Chiara lo scrittore si era reso conto della gravitò della situazione e all’arrivo del medico avrebbe pronunciato queste parole: «È inutile. Morirò prima. Questa è l’emorragia cerebrale». L’autodiagnosi e la consapevolezza di essere alla fine fu ripetuta più volte, con lucidità da Quasimodo, che ricordava i sintomi osservati nel suo amico, il pittore Renato Birolli, morto per un ictus nel 1959, lo stesso anno del Nobel per il poeta siciliano. A quell’ultimo soggiorno amalfitano era giunto già stanco, provato dal viaggio, dal caldo, dalla sua iperattività, in giro per il mondo, nonostante un precedente infarto avuto a Mosca dieci anni prima. Dopo la visita, il medico gli praticò un vano salasso, che procurò solo un sollievo momentaneo. In assenza di qualsiasi presidio ospedaliero in Costiera, il medico si vide costretto a telefonare all’ospedale Ruggi di Salerno per chiedere consiglio e aiuto al neurologo professor Canger. Quando, dopo due ore, il neurologo arrivò, Quasimodo era entrato già in coma. Il Premio Nobel fu trasportato attraverso le interminabili scale che scendono dall’albergo alla strada costiera. Era stata chiesta invano un’autoambulanza: una Fiat 1500 fu tutto quanto si poté trovare. Il tentativo di trasferimento però fu vano e Quasimodo morì a Napoli poche ore dopo.

FONTE: La Città

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, il Giappone diverte ma il Settebello dilaga d'autorità e doppia i nipponici: 200 caps in azzurro per Di Fulvio

Con la terza vittoria in quattro partite l'Italia, già qualificata ai Quarti di finale, resta al comando della classifca del gruppo A. Giappone battutto 16-8. Sul...

Pallanuoto, dall'emergenza vaccini alla piscina: la Battaglia vincente di Alessandra. "Amicizie vere, insegnamenti e sogni grazie a questo sport"

La vita è fatta di incontri che cambiano e migliorano il tuo modo di essere e pensare. Lo sport ne è una delle principali e lampanti testimonianze. Come quella di...

Pallanuoto, al via la marcia di avvicinamento agli Europei Under 17 femminile: 25 azzurrine in collegiale ad Avezzano

Al via la marcia di avvicinamento agli Europei Under 17 femminili, in programma a Sibenik in Croazia (in foto l'impianto ospitante) dal 22 al 29 agosto prossimi. A causa della...

Salerno, incidente su corso Garibaldi: un ferito

Poteva avere conseguenze ben più gravi l’incidente verificatosi ieri sera, poco prima della mezzanotte, lungo corso Garibaldi, altezza poste centrali. Stando a...

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

GREEN PASS
Sul tema del green pass che dal prossimo 6 agosto diventerà obbligatorio per tutti coloro che vorranno accedere a determinati servizi, mercoledì...

Sviluppo e investimento, una delegazione dell’Angola in visita a Salerno

Mattinata all’insegna della cooperazione, ieri mattina a Palazzo Sant’Agostino, dove, promosso dalla Camera di Commercio e dall’Africa Centrale si è...

I versi e la poetica di Franco126 emozionano il Giffoni Music Concept

Tra “lucida follia” dell’amore e “anime inquiete”, con la strada come sfondo: i versi e la poetica di Franco126 emozionano...

Alessandro Zan a Giffoni: "Battaglia dura ma legge sarà approvata, Paese molto più avanti del suo Parlamento"

C’è un Paese che è molto più avanti del suo Parlamento. Quel Paese è l’Italia. La questione è quella della tutela dei diritti...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?