Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Pallanuoto, Rosa Micillo e la sua valigia carica di sogni: "Esordio in A2 indimenticabile, Napoli Nuoto occasione di crescita. Valkai il mio esempio"

27/04/2021

Dopo aver osservato il canonico turno di riposo nell'ultima giornata disputata, il Napoli Nuoto riprende gli allenamenti in vista della delicata trasferta in casa della vice-capolista Brizz. Un percorso, quello del neonato sodalizio partenopeo, che per il momento non bada al risultato in quanto tale ma ad un percorso di crescita mirata di un gruppo giovanissimo con i giusti tasselli di esperienza per forgiare ulteriormente quelle che saranno le future protagoniste della Pallanuoto in Campania e non solo. Tra queste, la classe 2002 Rosa Micillo che nonostante l'età ha già accumulato un importante pedigree. L'esordio da tredicenne in A2 con la calottina del Flegreo nella sfida vinta dal team di Lignano trascinato dalle sorelle Anastasio contro la Roma Waterpolo, allora allenata dall'attuale tecnico della Vis Nova Pierpaolo Carapella, la dice tutta. "Sin da piccola ho sempre amato nuotare. Ho sempre amato il mare e ho iniziato a nuotare con il mio papà. All’età di 5 anni ero già in piscina - racconta Rosa ai nostri microfoni - La passione per la Pallanuoto è nata nel 2012 un po' per caso. Fui chiamata dalla mia prima allenatrice (Federica D'Oriano, ndr), la quale mi invitò a provare questo nuovo sport. Me ne innamorai e da quel momento non ne ho più saputo fare a meno. A 19 anni posso dire di non aver mai rinnegato nessuna esperienza, nel bene e nel male ogni cosa che ho vissuto mi ha insegnato qualcosa! Ovviamente ci sono giornate in cui mi rimprovero per tutte quelle volte in cui avrei potuto fare di più sia in allenamento sia in partita, però questo è il mio trampolino di lancio per fare sempre meglio. Il ricordo al quale sono più legata è la prima convocazione in Serie A2. Ero ancora U13 e iniziai i primi doppi allenamenti, iniziavo alle ore 17 con le giovanili e finivo alle ore 22 con la prima squadra, sabati e domeniche comprese. Quella esperienza arrivó senza preavviso e mi diede la consapevolezza che con sacrificio e determinazione si può ottenere tutto".

Con umiltà, voglia di imparare e crescere ancora; Rosa ha dimostrato negli anni di comprendere appieno il valore dello spogliatoio e cercato di carpire ogni segreto utile alle compagne più esperte: "Ogni compagna di squadra nel suo piccolo ti lascia un insegnamento - prosegue - La mia più grande fortuna è stata quella di giocare al fianco di Erzsebet Valkai. All’interno della squadra è stata una mamma e un grande punto di riferimento. Sa sempre la cosa giusta da dire al momento giusto ed è una grande dispensatrice di consigli. In un anno con lei ho imparato molto e non solo dal punto di vista pallanuotistico ma anche dal punto di vista caratteriale e personale. Ha un carisma e senso di squadra invidiabile. Mi ha insegnato il valore dell’allenamento e di quanto sia importante metterci l’anima e crederci. Mi ha fatto capire che con impegno e dedizione si può ottenere tutto ciò che si desidera. Mi ha insegnato che non esiste nessun tipo di ostacolo che può fermare una passione come la nostra".

Riuscendo, così, a conciliare con dedizione ed abnegazione gli impegni quotidiani sportivi con quelli da studentessa: "La parola chiave è organizzazione! Con il tempo ho imparato ad organizzarmi e a conciliare il tutto. La vita di noi sportivi è fatta di incastri e attimi rubati. Non esistono momenti vuoti, abbiamo tanti impegni e non abbiamo lo stesso tempo degli altri ragazzi. Sono iscritta all’Università e appena finisco i corsi corro in piscina per gli allenamenti! Non mi faccio mancare niente, cerco di studiare al meglio e non mancano assolutamente i momenti di svago. Essere circondati dalle persone giuste fa sicuramente la differenza, la famiglia e gli amici che ti supportano sono senza dubbio una spinta in più. Con un po' di sacrificio e organizzazione si riesce a conciliare tutto. La Pallanuoto è disciplina e sacrificio e, solo chi ha una grande passione per questo sport, può sopportarle".

L'attenzione passa poi alla stretta attualità: "La pausa forzata dello scorso campionato è stata un duro colpo - aggiunge l'atleta ora diretta da Roberto Vestuto - Siamo passate da una routine super full di impegni a restare chiusi in casa senza poter fare nulla. In ogni modo, io e le mie compagne abbiamo cercato di supportarci e di allenarci a distanza. Ovviamente allenarsi a casa ha fatto abbassare il livello di forma fisica che avevamo, ma in quel momento rappresentava per noi un modo per tornare alla nostra routine. Ma l’elemento principale che ci è mancato è stato l’acqua...acqua e cloro sono per noi ormai fonte di vita! Dal punto di vista psicologico la situazione che stiamo vivendo mi ha fatto molto riflettere su quanta passione io abbia per questo sport. Il nuovo campionato è un'arma a doppio taglio, ma nel periodo che stiamo vivendo ci dobbiamo reputare molto fortunate. Abbiamo più tempo per prepararci tra una partita e l'altra, anche se l’esperienza di gioco si dimezza e il ritmo e la concentrazione della partita rischiano di perdersi".

Tra recente passato, presente e futuro: "Questo progetto targato Napoli Nuoto è venuto in nostro aiuto quando il Flegreo, sodalizio di cui ho fatto parte fino allo scorso anno, si è trovato in difficoltà. La nuova avventura mi ha dato tanta speranza, è stata la luce in fondo al tunnel, ha riacceso in me una fiamma che sembrava essersi spenta. Abbiamo la fortuna di avere sul bordo vasca e nella dirigenza alcune personalità importanti della Pallanuoto nazionale e ciò sprona ad impegnarci ancora di più. La squadra è giovane, abbiamo molto da apprendere e per noi ogni partita è tutta esperienza: ogni minuto di gioco è per noi oro e dobbiamo sfruttarlo per apprendere e aggiungere al nostro bagaglio personale e collettivo ogni momento. Siamo un gruppo molto unito e questa è una della nostre più grandi forze. Ho tanti obiettivi, che riguardano sia la mia crescita personale sia quella come squadra. Ho ancora molto da imparare e mi impegno e mi alleno costantemente affinché questo avvenga". 

Futuro che fa rima con sogni e desideri: "A 19 anni, come giusto che sia, ho tanti sogni e spero che il futuro che si prospetta avanti a me sia limpido e splendente - conclude Rosa - Sogno di laurearmi e di realizzarmi dal punto di vista lavorativo. Spero di riuscire a giocare ancora per molto tempo e ovviamente mi auguro anche di avere la possibilità di farlo a livelli più alti". Il tempo è dalla sua parte, le prospettive in casa Micillo non possono che essere rosee.

 

Davide Maddaluno - Sport - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, il sabato di A2 maschile sorride alle napoletane. Bogliasco e Catania in finale play-off

Sabato 12 giugno si sono disputate le partite di gara 3 delle Semifinali dei play-off e play-out del campionato di Serie A2 maschile di Pallanuoto.Finali sempre al meglio delle...

Marina d’Arechi è tra i primi approdi Covid Free: vaccinati tutti gli operatori

Marina d’Arechi tra i primi approdi turistici Covid Free. Lo ha annunciato Agostino Gallozzi, presidente di Marina d’Arechi SpA evidenziando che tutto il personale...

Odissea vaccinazioni nei Picentini: "Dateci un pullman"

Odissea per gli anziani dei Picentini. Il vaccino diventa un calvario per chi non può spostarsi in auto. E i sindaci reclamano bus. E centri più vicini. Garantire...

Norme anti Covid, su spiagge salernitane tornano i vigilantes ma città verso zona bianca

Spiagge libere ma, anche quest’anno, dovrebbero tornare i vigilantes per verificare il corretto rispetto delle norme anti Covid. Lo ha annunciato l’assessore...

Salerno, il sindaco: "Chiederemo alla Regione un collegamento con Procida"

“Sicuramente faremo presente alla Regione Campania, la necessità di attivare una tratta via mare Salerno -?Procida, in vista delle iniziative che si terranno...

Salerno, al via le selezioni di Sanremo Giovani

E’ già tempo di selezioni per Sanremo Giovani e il 30 giugno a partire dalle ore 19, presso la stazione marittima, tanti aspiranti professionisti si presenteranno...

Salerno, recuperati gli affreschi a Santa Maria de Lama

Una piccola chiesa, estremamente grande per la sua storia, restituisce ai salernitani una parte degli affreschi in essa contenuta. Gli affreschi che sono stati riportati alla...

Pontecagnano, ripascimento del litorale: Legambiente va in tribunale

Dopo l’aggiudica del maxi-appalto a Pontecagnano Faiano, si riaccende la protesta degli ambientalisti contro il grande progetto di difesa e ripascimento della fascia...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?