Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Tre studenti salernitani riciclano PC da donare a chi ha necessità

21/04/2021

Si chiamano Alessandro?Polverino, anni 19, Antonio Vigorita, anni 19 e Carlo Vincenzo?Stanzione anni 18. Nati e cresciuti a Salerno, si sono conosciuti qualche anno fa tra le mura del Liceo Francesco De Sanctis di Salerno. “Abbiamo partecipato tutti insieme ad una gara di robotica con l’Università, così ci siamo conosciuti”. Racconta Alessandro Polverino. Alessandro e Antonio erano compagni di classe di una delle sezioni di classico, del De Sanctis, Carlo, di un anno più piccolo, attualmente frequenta l’ultimo anno dell’indirizzo scientifico. Oggi Alessandro è iscritto all’Università e frequenta il primo anno del corso di laurea di Ingegneria Informatica, Antonio invece frequenta il primo anno del corso di laurea di Economia e commercio. La loro amicizia oggi va avanti al di là della scuola e delle uscite nei fine settimana.?I tre amici infatti, condividono molte passioni e tra queste anche quella per l’informativa. Una passione questa che li ha spinti a mettere su un progetto in favore e a sostegno di tutti quei bambini e ragazzi che non possono permettersi un dispositivo tecnologico per seguire le lezioni a distanza… “L’idea ci è venuta in base all’esperienza che dallo scorso marzo stiamo vivendo – racconta Alessandro Polverino – Abbiamo incontrato tanti studenti che non riuscivano e non riescono a seguire le lezioni perchè non hanno un computer.?Così abbiamo pensato di fare qualcosa per riuscire a rendere internet alla portata di tutti”. Una sfida quella di Alessandro,?Antonio e Carlo?Vincenzo, che va al di là della Dad. Infatti, lo scopo della loro iniziativa benefica è quella di riuscire a far avere ad ogni studente un dispositivo elettronico, non solo per seguire le lezioni in Dad, che si spera presto diventino solo un ricordo, ma che possa aiutarli anche nelle ricerche, nella realizzazioni di power point o altri lavori che vengono assegnati durante le lezioni sia a scuola che all’università. “Abbiamo aperto un sito www.giveabit.it. – spiega ancora Alessandro Polverino – Attraverso questo portale chi vuole può donare computer tablet o cellulari che non funzionano, che sono lenti o vecchi. Noi li sistemiamo, li riportiamo a nuova vita e poi li donerem ad associazioni, parrocchie, enti o anche singole persone che ce ne faranno richiesta. Entrambe le richieste di donazioni o di ricevere può essere effettuata attraverso il nostro portale.?Ci vogliono meno di cinque minuti per entrambe le richieste”. Il portale ideato dai tre ragazzi è già attivo, ora si aspetta solo di ricevere le prime donazioni per poi poter fare i primi regali a chi ne ha bisogno. “Uno dei motivi che ci ha convinto ancor di più che quello che vogliamo fare è una cosa importante è stato il racconto che mia madre mi ha fatto alcune settimane fa. Lei è un insegnante di sostegno e mi ha parlato di un suo studente che non può seguire le lezioni perchè in famiglia non hanno e non possono acquistare un computer”. Nei prossimi giorni i tre giovani studenti salernitani inizieranno a promozionare la loro iniziativa anche attraverso i canali social, sperando di poter riuscire ad arrivare al maggior numero di persone e di poter al tempo stesso aiutare il maggior numero di studenti.

FONTE: Cronache

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno, grande novità al Maremo Beach Club: arriva il campo di Beach Waterpolo

Non per un singolo evento ma per tutta l'estate. Si allarga ulteriormente l'offerta di intrattenimento ludico e sportivo del Maremo Beach Club di via Allende a Salerno. A...

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

LA CONDANNA
«Non è il caso che gli ultimi anni della tua vita li passi sulla sedia a rotelle. Togliti di mezzo, pensaci bene. Lascia perdere». Accade in...

Salerno, il TAR conferma altri 5 posti per personale educativo al Convitto Nazionale

Con la sentenza allegata il TAR Salerno, nel confermare quanto già statuito nella precedente pronuncia di merito (per la quale si chiedeva ottemperanza), ha confermato il...

L’artista Andrea Villa omaggia Seid Visin: "Un manifesto per non dimenticarlo"

Non esiste geografia o limite temporale per il dolore, né la fine tragica di un giovane uomo può fermarne la storia: questo il senso del breve percorso di Seid...

Eboli, gregge travolto dal treno: uccisi 15 animali. I cittadini: "Binari pericolosi anche per i bambini"

Uccise dal treno in transito circa quindici capre. Il gregge, secondo le informazioni fornite dai vigili urbani, pascolava incustodito lungo la linea ferroviaria che collega...

Vaccini, De Luca ribadisce: "In Campania niente Astrazeneca e J&J sotto i 60 anni"

“Ci auguriamo che le vicende degli ultimi giorni convincano tutti della necessità di porre fine al caos comunicativo e informativo sui vaccini. E’...

Niente firma, idroambulanza ferma: "La Regione non autorizza i soccorsi"

Il primo “gommone rianimativo” d’Italia resta attraccato alla banchina del molo Masuccio. Come qualsiasi altra imbarcazione. Senza potersi muovere per...

Salerno, ennesimo raid al centro: furto da 20, danni da 6.000€

Ancora furti e danni in un locale al centro di Salerno. Questa volta è toccato a “Mizzica“, che vende specialità siciliane in via Portanova (foto...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?