Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Scandalo Unisa, «È tutta colpa tua»: il figlio accusa la madre

02/04/2021

C’è una mamma troppo apprensiva verso il figlio, che lo vuole laureato ad ogni costo, anche se nel frattempo il giovane, che è tra quelli che ha beneficiato dei favori dell’ex impiegato di segreteria, Carmine Leo, ha intrapreso la carriera militare. La donna è un’insegnate di scuola primaria, residente nell’Agro nocerino. Che, quando si è saputo delle inchiesta, perché convocata dalla guardia di finanza come persona informata sui fatti, si è presa anche gli improperi del figlio. «...io te l’ho sempre detto ... non lo fare ... non lo faremo! Tu pensi che io vado a scuola come te? Ma tu lo sai cos’è la vita militare...», dice il figlio alla madre che risulta, a sua volta, immatricolata al corso di laurea di educatore per i servizi dell’infanzia. I nervi iniziano a saltare quando a casa della famiglia della maestra arrivano le lettere di contestazione dell’università per gli esami mai sostenuti, ma inseriti nella ricostruzione di carriera dei due studenti- assenti.

Allo studente che non aveva messo più piede all’Ateneo, dopo aver abbandonato gli studi al secondo anno, era stato erogato anche il contributo finanziario per gli studi nell’ambito del progetto “Unisa premia”, pur non avendo mai presentato istanza. Dietro le manipolazioni del sistema dell’università in favore dei due studenti per nulla “modello”- sostiene la Procura di Salerno - c’era l’azione di Carmine Leo. È sempre attraverso gli accessi abusivi dal suo account che vengono artefatte le carriere per consentire a madre e figlio di avvicinarsi al titolo accademico. La tensione nella famiglia dell’Agro nocerino è alta ed è percepibile dalle conversazioni intercettate dalla guardia di finanza sulle utenze degli indagati. Il giovane militare fa capire che il disegno delittuoso lo aveva architettato la madre che si era cacciata nei guai. La donna, in un momenti di totale sconforto, decide di abbandonare tutte le strategia concordate con un legale e di dire tutta la verità, di ritrattare la precedente versione dei fatti. «Stammi a sentire una cosa - dice il padre del militare nell’intercettazione - tua madre ha deciso di chiamare quelli della guardia di finanza e vuole dire tutta la verità...».

Alla fine non lo farà, scegliendo di attendere l’evolversi degli eventi, non sapendo che la spia elettronica degli inquirenti aveva già registrato tutto e le conversazioni tra congiunti sono finite, nere su bianco, nell’ordinanza di misura cautelare di arresti domiciliari per Leo e il complice Carmine Cioffi di Avellino. Tra i genitori premurosi c’è anche chi si attiva per trovare una soluzione - non medica per far superare il “blocco psicologico” al figlio universitario che non riesce più a sostenere e superare gli esami. Ed è il padre indagato che, attraverso una terza persona, entra in contatto con Carmine Leo perché - gli fu detto - che poteva aiutarlo a ricostruire il piano di studio. Anche le loro telefonate, come quelle di altri indagati, finiscono sotto la lente degli investigatori delle Fiamme gialle. Da subito vengono verificati gli esami dello studente e ne risultano alcuni mai sostenuti. Come queste, altre storie. Gli inquirenti ne hanno ricostruite quindici di carriere universitarie farlocche. E sono quelle degli studenti che, durante il periodo delle indagini, si sono interfacciati con il principale indagato: l’ex impiegato della segreteria che faceva «i piaceri». Che ora sono diventati guai. Dispiaceri.

FONTE: La Città

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Salerno, grande novità al Maremo Beach Club: arriva il campo di Beach Waterpolo

Non per un singolo evento ma per tutta l'estate. Si allarga ulteriormente l'offerta di intrattenimento ludico e sportivo del Maremo Beach Club di via Allende a Salerno. A...

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

LA CONDANNA
«Non è il caso che gli ultimi anni della tua vita li passi sulla sedia a rotelle. Togliti di mezzo, pensaci bene. Lascia perdere». Accade in...

Salerno, il TAR conferma altri 5 posti per personale educativo al Convitto Nazionale

Con la sentenza allegata il TAR Salerno, nel confermare quanto già statuito nella precedente pronuncia di merito (per la quale si chiedeva ottemperanza), ha confermato il...

L’artista Andrea Villa omaggia Seid Visin: "Un manifesto per non dimenticarlo"

Non esiste geografia o limite temporale per il dolore, né la fine tragica di un giovane uomo può fermarne la storia: questo il senso del breve percorso di Seid...

Eboli, gregge travolto dal treno: uccisi 15 animali. I cittadini: "Binari pericolosi anche per i bambini"

Uccise dal treno in transito circa quindici capre. Il gregge, secondo le informazioni fornite dai vigili urbani, pascolava incustodito lungo la linea ferroviaria che collega...

Vaccini, De Luca ribadisce: "In Campania niente Astrazeneca e J&J sotto i 60 anni"

“Ci auguriamo che le vicende degli ultimi giorni convincano tutti della necessità di porre fine al caos comunicativo e informativo sui vaccini. E’...

Niente firma, idroambulanza ferma: "La Regione non autorizza i soccorsi"

Il primo “gommone rianimativo” d’Italia resta attraccato alla banchina del molo Masuccio. Come qualsiasi altra imbarcazione. Senza potersi muovere per...

Salerno, ennesimo raid al centro: furto da 20, danni da 6.000€

Ancora furti e danni in un locale al centro di Salerno. Questa volta è toccato a “Mizzica“, che vende specialità siciliane in via Portanova (foto...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?