Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

L'appello di Nadia Trotta alle istituzioni: "Mio figlio Christian affetto da SMA ha bisogno di cure personalizzate"

10/03/2021

Riportiamo integralmente la mail ricevuta dalla nostra redazione dalla signora Nadia Trotta, mamma coraggio del piccolo Christian di 9 anni, affetto da SMA. Christian è un bambino di 9 anni, abita a Serre ed è affetto da atrofia muscolare spinale di tipo1. Da circa tre mesi, a causa anche dell’arrivo della pandemia, a Christian non viene assicurato lo stesso numero di cure domiciliari da parte dell’Asl di Salerno, nello specifico dal Distretto Sanitario Eboli/Buccino. Le cure domiciliari sono state affidate dall’Asl ad una ditta esterna.

"Sono Nadia Trotta, mamma di CHRISTIAN QUAGLIANO di 9 anni, affetto da SMA e per questo motivo assistito in ADI. Assistito in ADI In teoria, perchè in pratica da diversi mesi nostro figlio non ha garantite le ore di assistenza infermieristica che gli spettano e ciò sta creando a tutti gravi disagi. Christian ha diritto a 65 ore di assistenza infermieristica settimanale che fino a qualche tempo fà ci veniva garantita da una ditta privata" (L'ASL per il piano domiciliare di nostro figlio paga  oltre 13.000 € mensili!!!!!) attraverso tre infermiere che noi famiglia abbiamo negli anni formato e addestrato alla gestione della delicata situazione di nostro figlio. Il personale inviato da questa ditta arriva a casa nostra senza alcuna competenza e, come già detto, noi dobbiamo fargli formazione. Ci tengo a precisare questa cosa perchè è molto importante in quanto per formare una figura di cui noi e Christian possiamo fidarci impieghiamo fino a 1 ANNO INTERO. Poi generalmente le infermiere vanno via dalla società privata perchè vincitrici di concorsi nel pubblico ed ovviamente accettano incarichi di gran lunga migliori e sicuri. E noi dobbiamo ricominciare daccapo ogni volta con le nuove infermiere. E' una storia assurda che va avanti da anni e ci sta togliendo le forze. Da qualche anno avevamo raggiunto una buona stabilità perchè avevamo ragazze addestrate con fatica, tempo e dedizione, che erano con noi da almeno 3 anni.

Ebbene da ottobre ad oggi abbiamo perso tutte e tre le ragazze perchè sono state reclutate in diversi ospedali lasciando noi completamente scoperti. Da circa un mese una delle ragazze è rientata perchè ha coperto un posto vacante in ASL ed è stata dirottata a casa nostra.
Inutile dirvi che la ragazza in questione non riesce a coprire tutti i turni e noi abbiamo circa 30 ore settimanali e più scoperte.
Ma non siamo i soli perchè diverse altre famiglie nella nostra zona vivono le stesse problematiche.
Le continue denunce e i continui reclami all'ASL a nulla sono serviti perchè non c'è personale  Intanto i nostri figli non hanno le cure e l'assistenza garantita!
Nostro figlio è una bambino che vive una vita piena nel vero senso della parola: scuola, uscite, mare, passeggiate, parchi inclusivi...e per fare ognuna di queste cose ha bisogno di aiuto perchè data la sua patologia , non deambula, è collegato ad un ventilatore polmonare h 24, necessita di aspirazione salivare ed ha bisogno di essere aiutato con manovre e macchinari per espellere il catarro.
Negli anni con questo tipo di assistenza ad ampio raggio abbiamo sempre avuto infiniti problemi perchè per legge l'assistenza che ci viene fornita è domiciliare, per cui io con il bambino e l'infermiera non posso uscire di casa, praticamente siamo agli arresti domiciliari. All'infermiera non compete la pulizia e l'igiene del bambino, non compete la DAD (che attualmente data la pandemia siamo costretti a fare), non compete un'uscita, andare al mare. Però purtroppo ciò che la legge non capisce è che la SMA di mio figlio non resta a casa! La SMA viene con noi scuola, al mare, al parco , la SMA fa parte di mio figlio ed è per questo che ha bisogno di assistenza ovunque lui sia! E se abbiamo diritto a ben 11 ore di assistenza quotidiana un motivo ci sarà! E' finita (PER FORTUNA!!!) l'era dei bambini allettati, chiusi in casa , che vengono nascosti e non hanno contatti col mondo esterno! Oggi è l'era dell'inclusione! E se un bambino come mio figlio, con una patologia grave e invalidante, vuole una vita come tutti i suoi coetanei , lo Stato deve garantirgliela! Senza nascondersi dietro queste burocrazie e divieti, altrimenti venite voi a casa e spiegateglielo ! Perchè lui vuole delle risposte, esattamente come noi!
Siamo senza assistenza, siamo soli, abbandonati da uno Stato che dovrebbe tutelarci...è ora di assumervi le vostre responsabilità e fare il vostro dovere, siete lì per questo!
Bisogna regolamentare le Cure domiciliari con una legge all'altezza della vita che vorreste voi per i vostri figli! Vogliamo garanzie, certezze, continuità assistenziale. Christian ancora mi chiede le sue infermiere e piange perchè gli mancano! Ma ci pensate al danno che questa situazione provoca ai bambini?

LA NOSTRA RICHIESTA PER RISOLVERE LE PROBLEMATICHE RISCONTRATE IN 9 ANNI E' QUESTA:
1. Progetto di assistenza personalizzata che prevede la reintegrazione del personale da noi formato;
2. Il personale dovrà essere assunto da ASL o REGIONE con contratto a tempo indeterminato (questo sarà garanzia per noi famiglie perchè in questo modo il personale non ci lascerà per un incarico migliore, come accaduto tante volte nel corso degli anni);
3. Le ore di assistenza dovranno essere gestite da noi in base unicamente alle esigenze e necessità del bambino, 7 giorni su 7. (Ovviamente sarà tutto scritto e firmato e alla luce del sole);
4. Le infermiere durante le ore di assistenza seguono il bambino ovunque lui voglia o debba andare (scuola, visite mediche , passeggiate, ecc..)
Riuscendo a mettere su un piano assistenziale di questo tipo si riuscirebbe a garantire a noi famiglie un'assistenza davvero efficiente, a costi molto minori!
5. Il progetto deve prevedere oltre al personale infermieristico anche le seguenti figure:
- fisioterapista 7 ore settimanli;
- logopedista 3 ore settimanali;
- assistente alla comunicazione 5 ore di mattina durante la scuola e 2 di pomeriggio per lo svolgimento del compiti;
- terapista occupazionale 3 ore al giorno;
- anestesista - rianimatore 1 accesso al mese;
- cardiologo 2 accessi all'anno;
- nutrizionista 2 accessi all'anno.
Contatti: Mario Iervolino direttore generale ASL salerno
Ferdinando Primiano direzione sanitaria
Giuseppina Arcaro direttore distretto 64 Eboli

CHIEDIAMO UN INCONTRO ANCHE IN VIDEO-CONFERENZA NEL PIU' BREVE TEMPO POSSIBILE CON IL GOVERNATORE DE LUCA E IL RESPONSABILE DELL'AREA SANITA'

Certi di un vostro riscontro porgiamo distinti saluti".

QUAGLIANO PASQUALE e TROTTA NADIA
TEL 333 36 72 091 TEL 338 13 43 257

Lino Grimaldi Avino - Inchieste - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

LA CONDANNA
«Non è il caso che gli ultimi anni della tua vita li passi sulla sedia a rotelle. Togliti di mezzo, pensaci bene. Lascia perdere». Accade in...

Salerno, il TAR conferma altri 5 posti per personale educativo al Convitto Nazionale

Con la sentenza allegata il TAR Salerno, nel confermare quanto già statuito nella precedente pronuncia di merito (per la quale si chiedeva ottemperanza), ha confermato il...

L’artista Andrea Villa omaggia Seid Visin: "Un manifesto per non dimenticarlo"

Non esiste geografia o limite temporale per il dolore, né la fine tragica di un giovane uomo può fermarne la storia: questo il senso del breve percorso di Seid...

Eboli, gregge travolto dal treno: uccisi 15 animali. I cittadini: "Binari pericolosi anche per i bambini"

Uccise dal treno in transito circa quindici capre. Il gregge, secondo le informazioni fornite dai vigili urbani, pascolava incustodito lungo la linea ferroviaria che collega...

Vaccini, De Luca ribadisce: "In Campania niente Astrazeneca e J&J sotto i 60 anni"

“Ci auguriamo che le vicende degli ultimi giorni convincano tutti della necessità di porre fine al caos comunicativo e informativo sui vaccini. E’...

Niente firma, idroambulanza ferma: "La Regione non autorizza i soccorsi"

Il primo “gommone rianimativo” d’Italia resta attraccato alla banchina del molo Masuccio. Come qualsiasi altra imbarcazione. Senza potersi muovere per...

Salerno, ennesimo raid al centro: furto da 20, danni da 6.000€

Ancora furti e danni in un locale al centro di Salerno. Questa volta è toccato a “Mizzica“, che vende specialità siciliane in via Portanova (foto...

Busitalia, aumentano le ore di lavoro per i dipendenti: con lo sciopero scatta la denuncia

Una nuova giornata di sciopero e una denuncia all’ispettorato del Lavoro. Le organizzazioni sindacali ancora una volta scendono in campo per contrastare le decisioni di...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?