Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Pontecagnano, sale la tensione politica

07/01/2021

Dure le parole del consigliere di minoranza Francesco Pastore (FI) che, attraverso il suo profilo Facebook, commenta le dimissioni dell’ assessore all’uguaglianza Paola Manzo. “Si è dimesso l’assessore all’uguaglianza (politiche sociali) Paola Manzo. La Giunta Municipale non può più deliberare. Il Consiglio Comunale è ormai immobile. Il Sindaco gioca a sfogliare l’album dei ricordi familiari. Il tutto nel bel mezzo della peggiore crisi sanitaria della nostra storia recente. Esterno tutte le mie preoccupazioni e confermo l’assoluta necessità di ricostruire Pontecagnano Faiano.”

Non ci va leggero neanche Angelo Mazza che parla delle difficili condizioni in cui la stessa Manzo ha dovuto lavorare a causa di alcuni consoglieri del suo stesso partito che invece di “sostenerti fungono da assessore ombra”, il tutto nel silenzio del Sindaco.

Facebook diventa infuocato a Pontecagnano Faiano. Il motivo è da collegare alle dichiarazioni di Antonio Malangone, segretario politico di Energie e di alcuni capogruppo di maggioranza che contestano un atteggiamento poco collaborativo da parte del sindaco Giuseppe Lanzara. Interviste, documenti firmarti e poi smentiti, precisazioni queste le azioni poste in essere dai suddetti per cercare di mettere a tacere il polverone che si è alzato intorno alla questione. Ma nulla è servito a fermare l’opposizione, che subito ha sfruttato l’occasione per gridare alla crisi di governo e ribadire che in questo momento storico la collaborazione è fondamentale per risanare la grave crisi sociale ed economica che il Paese sta vivendo.
Testimone dei vari sfoghi ovviamente Facebook. 

Il primo a dare pieno appoggio alle parole di Malangone, il consigliere di opposizione Francesco Pastore (FI), che per mezzo social ha ribadito l’importante di collaborare per il Paese:
“Ha ragione quando dice che Pontecagnano Faiano ha bisogno di una nuova fase politica; il Covid-19 ha azzerato tutto e per ricostruire il tessuto sociale e produttivo della nostra Città c’è bisogno del contributo di tutti, a prescindere dagli schieramenti politici. Non si può più navigare a vista fingendo di non vedere “l’ultimatum” che hanno lanciato i capigruppo di maggioranza, le assenze che hanno caratterizzato l’ultimo Consiglio comunale e le affermazioni nei confronti del Partito Democratico cittadino prodotte in questa intervista”.

Sulla stessa linea le dichiarazioni anche di Angelo Mazza: “Le parole di Antonio Malangone ai microfoni di 360webtv devono far riflettere.Perché sono considerazioni che provengono dal segretario politico di Energie, secondo partito della maggioranza.È l’ennesima conferma che l’atteggiamento del Sindaco sui temi nevralgici per lo sviluppo della nostra Città è di totale chiusura ad ogni tipo di confronto.È la testimonianza che il documento politico dei capigruppo, che invitano Lanzara alla collegialità, e le assenze nell’ultimo Consiglio comunale rappresentano un malessere verso un comportamento arrogante che noi denunciamo da sempre.Un comportamento che non possiamo più accettare, soprattutto in un momento storico che richiede la massima collaborazione istituzionale.Ed è il segnale di una ben nota divisione del primo partito della maggioranza, quel Pd che pretende di governare la Città da solo, pur non trovando sintonia nemmeno al suo interno.Serve una nuova fase politica. Per garantire una reale prospettiva di sviluppo al nostro territorio e per rispondere alla gigantesca crisi sanitaria e socio-economica dell’emergenza Covid-19.Al Sindaco, ancora una volta, chiediamo di prenderne atto.Perché Pontecagnano Faiano merita di essere governata.Pontecagnano Faiano merita di più”.

L’ultima ad esporsi è Isabella Mangino: “Le parole del segretario di Energye, Antonio Malangone, confermano quello che l’opposizione ripete da tempo: in questa città non c’è né confronto né condivisione. Sono contenta che anche lui sia concorde con noi ed abbia compreso la natura profonda di questa maggioranza e del sindaco che la guida. Malangone ha finalmente portato allo scoperto quello che i suoi compagni di coalizione, dopo la pubblicazione da parte della minoranza della lettera integrale inviata dai capigruppo, hanno provato goffamente a nascondere nei giorni scorsi. I problemi all’interno della coalizione di governo ci sono eccome, anche se il segretario del Pd Brusa pensa il contrario e prova a nascondere la polvere sotto il tappeto recitando filastrocche che fanno di lui un animatore da villaggio turistico più che il segretario politico del primo partito della coalizione. Il malessere c’è e si è palesato anche nel corso dell’ultimo Consiglio con l’assenza del consigliere Citro, chiaramente legata alle ultime vicende politiche ed alla totale assenza di collegialità dentro e fuori dalla maggioranza che noi denunciamo sin dal primo giorno. Per questo abbiamo deciso di non prendere parte all’ultima seduta del consiglio: per stigmatizzare il comportamento arrogante del primo cittadino e per rimarcare con forza la nostra autonomia di consiglieri comunali. Dopo due anni e mezzo possiamo dire che è venuto fuori il vero volto del primo cittadino, che non ascolta nessuno al di fuori del suo cerchio magico. Le parole del segretario Malangone, in questo senso, devono imporre una riflessione ed hanno un semplice significato: la ricreazione è finita. È ora che ne prendano atto anche questi dilettanti allo sbaraglio che governano questa città e facciano le loro valutazioni”.

LA LETTERA AL COMUNE

Approvazione del piano urbanistico comunale, definizione dell’eco-distretto dei Picentini, definizione delle opere di ripascimento per la difesa e la valorizzazione del litorale marino, definizione delle infrastrutture necessarie all’operatività ecosostenibile e rispettosa del territorio dell’aeroporto Costa d’Amalfi: sono questi i quattro temi che il circolo Legambiente Occhi Verdi di Pontecagnano ha sottoposto all’attenzione del comune per sollecitare una discussione e un confronto partecipati. Come illustrato anche sulla pagina Facebook del circolo attraverso un video della presidente dell’associazione Carla Del Mese. Questo il testo della nota inviata al comune: “Egregio Sindaco, Egregi Assessori, Gentili Consiglieri con l’inizio del nuovo anno, nel quale auspichiamo la veloce scomparsa della pandemia virale e il ritorno a una rinnovata socialità fra le persone, riteniamo sia necessario e urgente la ripresa del confronto, con l’intera comunità di Pontecagnano Faiano, su alcuni grandi temi che definiranno il futuro del nostro territorio e il benessere dei nostri concittadini. Sono temi già presenti negli obiettivi programmatici di codesta Amministrazione Comunale ma, finora, affrontati e gestiti abbastanza sotto tono e con basso coinvolgimento di tutte le componenti della nostra comunità. Essi riguardano: l’approvazione del piano urbanistico comunale (P.U.C.) per definire la migliore evoluzione urbanistica, sociale, culturale ed economica del nostro Comune per i prossimi 30 anni. Un piano urbanistico che dovrà riqualificare e rigenerare la città esistente, dando centralità allo spazio pubblico e alla cultura anche attraverso la valorizzazione dei numerosi beni storici e culturali presenti sul territorio (Museo, Parco Ecoarcheologico, Centro AA.II., Tabacchificio Centola, Antichi casali e Masserie, ecc..). Un piano urbanistico capace di realizzare una città più aggregante, solidale e accogliente, climaticamente sicura, energeticamente efficiente, più in rete con le città e i centri abitati confinanti, in grado di dare risposte efficaci alla domanda di edilizia residenziale sociale, di servizi ai cittadini e alle imprese, di ottima qualità ambientale ed elevata efficienza degli spazi urbani; la definizione dell’Eco-Distretto dei Picentini, con particolare riguardo alla realizzazione dell’impianto di compostaggio nel nostro territorio che dovrà garantire alla comunità minori costi, salubrità e tutela ambientale attraverso una corretta gestione. La definizione delle opere di ripascimento per la difesa e la valorizzazione del nostro litorale marino. Litorale che potrebbe subire danni disastrosi e irreparabili se venissero realizzate le assurdità progettuali previste dall’Amministrazione Provinciale; la definizione delle infrastrutture necessarie all’operatività ecosostenibile e rispettosa del territorio dell’aeroporto Costa d’Amalfi. Sono 4 temi molto complessi che devono essere affrontati, interpretati e gestiti con estrema attenzione e cautela per garantire “il migliore lascito” alle generazioni future di Pontecagnano Faiano. È necessario, quindi, affrontarli da subito attraverso un’ampia discussione che veda coinvolti l’Istituzione Pubblica (il Comune) e le numerose componenti della nostra comunità: i liberi cittadini, le associazioni di categoria (industria, commercio, artigianato), le organizzazioni professionali, le rappresentanze sindacali, i partiti politici, le associazioni socio-culturali e quelle ambientali, la scuola, le parrocchie, ecc…… Un confronto utile a produrre scelte largamente condivise e capaci di generare un corretto sviluppo urbanistico del nostro territorio, la realizzazione di una economia circolare compiuta e sostenibile nei Picentini, la tutela e la valorizzazione della nostra risorsa mare e la migliore integrazione dello scalo aeroportuale con il territorio comunale. Nell’attesa di una vostra tempestiva e concreta iniziativa, mirata ad attivare la necessaria discussione su questi importanti temi, manifestiamo già da ora la nostra disponibilità a contribuirvi fattivamente per individuare ciò che può garantire il migliore futuro all’intera comunità di Pontecagnano Faiano”.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Ad Amalfi il mito di Quasimodo rivive in un corto

 Ad Amalfi rivive il mito di Salvatore Quasimodo. A cinquantatré anni dalla scomparsa del Premio Nobel, attraverso un cortometraggio saranno raccontati gli ultimi...

Asl Salerno e forestale sequestrano 5 quintali di carne non tracciabile

I militari della stazione Carabinieri forestale di Cava de' Tirreni, in collaborazione con personale dell'Asl di Salerno, hanno posto sotto sequestro sanitario amministrativo...

Minacce ed estorsioni ad un anziano, ai domiciliari due giovani di Salerno e Vietri

Questa mattina Gli Agenti della Polizia di Stato, in servizio alla Squadra Mobile di Salerno hanno eseguito l’Ordinanza applicativa di misura cautelare degli arresti...

Picchia la compagna in centro a Salerno, il sindaco: "L’uomo sarà processato per direttissima. Plauso alla Municipale"

Ha picchiato la compagna in strada, in pieno centro cittadino. Il fatto è accaduto questo pomeriggio all’altezza delle Poste a Salerno. Un uomo di circa 28 anni...

Comitato Tecnico Scientifico, Pfizer/Moderna per seconda dose, AstraZeneca a over 60

Il vaccino di AstraZeneca e’ fortemente raccomandato per gli over 60 mentre chi ha meno di sessant’anni e ha gia’ fatto una dose del siero a vettore virale...

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

VERSO LE COMUNALI
“L’Udc è e rimane saldamente ancorato alla coalizione di centrodestra con cui si presenterà nelle prossime elezioni Comunali. Le...

Salernitana, comunicati chiarificatori di società e Gruppo Rainone

L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver affidato a professionisti del settore l’incarico di gestire la cessione delle quote societarie. Tali trattative sono...

In Campania ultimo giorno di scuola tra cartelloni, applausi, e canzoni: il Covid non ha soffocato le emozioni

Oggi la campanella della nostra regione ha chiamato i propri studenti per l’ultima volta. Un giorno carico di emozioni sia per gli alunni che gli...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?