Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Monsignor Bellandi sul ritorno a scuola: "Insegnanti-educatori risveglino negli allievi il gusto della vita"

22/09/2020

La lettera di Monsignor Bellandi
Siamo all’inizio di un nuovo anno scolastico e sono tanti i punti oscuri, i motivi di preoccupazione, gli interrogativi che accompagnano questa ripresa e che riempiono le pagine dei giornali e degli altri organi di informazione, sui quali sono spesso chiamati ad offrire il proprio contributo di riflessione politici, intellettuali, dirigenti scolastici. Tutti giustamente preoccupati del futuro delle attività scolastiche, ma nelle cui analisi sembra essere trascurato quell’accorato “grido di allarme” sulla situazione giovanile, che più volte Papa Francesco ha espresso. «Per proteggere la vita bisogna amarla, e oggi la grave minaccia, nei Paesi più sviluppati, è la perdita del senso di vivere. Le prime vittime del vuoto di senso di vivere sono i giovani»: questo diceva, ad esempio, il Santo Padre nell’Udienza generale del 27 novembre 2019, ancora prima che scoppiasse la pandemia causata dal Covid-19. La perdita del senso del vivere. Oggi questo ammonimento del Papa risulta ancora più fondato. Lo smarrimento dovuto al diffondersi del virus, le immagini e i numeri che ci hanno accompagnato particolarmente durante il periodo del lockdown, l’interruzione delle attività scolastiche in presenza, le incertezze che investono la ripresa delle lezioni hanno acuito in tantissimi giovani un sospetto, forse in alcuni già latente, sulla consistenza e positività del vivere. La percezione di un vuoto che minaccia tutto quello che fanno, determinando una sottile disperazione, magari coperta dal moltiplicarsi di chat, foto da postare, brani musicali da ascoltare, lunghe navigazioni nella rete o – talvolta – esperienze “al limite” da provare: tutto per nascondere questo vuoto di senso che bussa inesorabilmente alla porta. Oltre e più che la paura del Covid-19, “il piccolo nulla quotidiano che tante volte rischia di dominare nelle giornate”, come confessava sinceramente un giovane universitario alcuni mesi fa.
Ritornando finalmente a scuola, tutti gli adulti coinvolti – dai genitori agli insegnanti, dai dirigenti scolastici al personale, fino ai massimi vertici istituzionali – devono avere ben presente che “la partita dell’educazione” si gioca a questo livello e non semplicemente nell’individuazione delle pur giuste misure precauzionali da avere. Certo: distanziamento, mascherine, spazi adeguati, banchi monoposto e quant’altro sono importanti, ma non si pensi che con questi accorgimenti – ripeto, giustamente necessari – il funzionamento della “macchina scolastica” sia garantito e si possa riprendere come prima. Assolutamente no, c’è un altro virus, ancor più pericoloso, da affrontare e sconfiggere: quello del nulla, o del nichilismo, per dirla in termini più compiuti, anche se esso oggi è meno ideologico: ha il volto di una vita “normale”, ma con un tarlo dentro, perché niente sembra valere la pena, niente attira, niente prende veramente.
C’è quindi un’emergenza, che è oltre e più profonda di quella scatenata dal Coronavirus ed è quella educativa. La Chiesa lo sta ripetendo da anni, ma adesso è così evidente che molti ne stanno prendendo coscienza. Così il vicedirettore del Corriere della Sera, Antonio Polito, scriveva qualche giorno fa: «Si sa che educazione è termine più ricco di istruzione. La sua radice etimologica allude alla necessità di guidare il giovane, di tirar fuori, estrarre ciò che di buono c’è in lui. È un processo complesso, che richiede innanzitutto degli educatori, cioè delle persone disposte a rischiare, per farsi amare e rispettare. Non si svolge tutto nella scuola, che ha molti altri compiti accanto a questo, ma si svolge specialmente nella scuola. Spesso a opera di singoli valorosi, quei maestri capaci di toccare il punto infiammato che c’è nel cuore e nella mente di ogni personalità in formazione, e fortunati quelli che una volta nella vita ne hanno incontrato uno».
Nessuno ha in tasca la formula risolutiva di questa emergenza. Già accorgersene è un primo passo. L’altro, non meno importante, è offrire ai giovani non soltanto una scuola più efficiente ed organizzata – obiettivo verso il quale sicuramente tendere – ma insegnanti-educatori che risveglino in loro il gusto della vita, attraverso la proposta di ideali e valori grandi per i quali il loro cuore è originalmente fatto. Volendo loro bene.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Eccellenza, clamoroso colpo della Scafatese: preso Fabio Orlando

Colpaccio della Scafatese Calcio 1922 che, grazie a una sapiente operazione di mercato condotta dal Direttore Ramon Taglianetti, comunica di aver chiuso l'accordo per il...

Giovanili, l'elenco delle richieste d'iscrizione ai campionati Under 18, Under 16 e Under 14

Il CR Campania ha provveduto a comunicare l'elenco delle società che nei tempi hanno provveduto a completare le domande di iscrizione ai campionati giovanili regionali...

Pallanuoto, varata la nuova formula ed il calendario: gironcino di ferro per la RN Salerno

Il campionato di Pallanuoto maschile di serie A1 inizierà il 7 novembre. Confermata la formula condivisa da federazione e società nel corso delle riunioni che si...

Copriifuoco alle 23, rientro in casa entro le 23.30: il testo integrale della nuova ordinanza firmata VDL

D’intesa con il Ministro della Salute, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l’Ordinanza n. 83 che contiene ulteriori misure di...

Coronavirus, salgono a 90 i casi nel salernitano: aumento progressivo nel capoluogo

Sono 90 i nuovi casi di positivita’ al COVID-19 registrati ieri in provincia di Salerno. I nuovi casi sono emersi da 954 tamponi processati nei laboratori...

Prima Categoria, la stagione della Pol. Baronissi inizia con due pareggi in campionato e Coppa

Inizia con due 1-1 consecutivi la stagione ufficiale della Pol.Baronissi. Nella prima giornata di campionato (girone F), i ragazzi di mister Avellino impattano con l'F3 Nuceria...

Screening gratuito per il controllo della vista ad opera del Lions Club "Hippocratica Civitas"

Giornata dedicata alla prevenzione con i Lions “Salerno Hippocratica Civitas”, di cui è presidente la prof. Rosalba Agresti. Il service si svolto presso la...

Coppa Promozione, il punto: al turno successivo anche Temeraria e Giffonese

Si è disputata con la consueta frammentazione, aggravata dal Covid, la terza giornata (o in alcuni casi gare di ritorno) del primo turno preliminare della Coppa Campania...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?