Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

I fatti del giorno | Le principali notizie di cronaca e attualità da Salerno e provincia

15/09/2020

EDITORIA

Successo di pubblico per il romanzo scritto a due mani da Andrea De Simone e Tonino Scala. A Cava dei Tirreni sold out da Nonna Nannina. Cena preparata dallo chef stellato Antonio Petrone di Baronissi e da Nausica Ronca di Vietri sul Mare. Piatti a base di cipolla di Montoro arricchiti da prodotti del territorio, dalla tonda di Giffoni alla colatura di Cetara. Nel pieno rispetto delle norme anticovid alla cena hanno potuto partecipare solo quaranta persone. In tanti però hanno seguito l’evento attraverso il canale del musicista Vietrese Felice D’Amico il cui collegamento ha superato le trentamila visualizzazioni. La nostra collaboratrice Daniela Pastore ha letto Ode alla Cipolla, capolavoro del poeta cileno che descrive il bulbo che “quando ti taglia il coltello in cucina sgorga l’unica lacrima senza pena…” Molto seguita la diretta con la radio degli italiani che vivono in Usa nella trasmissione condotta dal giornalista di origini salernitane Anthony Pasquale. La serata è stata promossa da Sapori&Saperi.

LA RASSEGNA

Riprende la rassegna “Te voglio bene assaje” di TeatroNovanta, dopo lo stop imposto dalle misure per prevenire il contagio da Covid-19. E lo fa, per la prima volta, all’aperto e vicino al mare. Sarà, infatti, l’Arena del Mare di Salerno, giovedì 17 settembre alle 21.00, ad ospitare “Ma ando’ vai? (Se la banana non ce l’hai)”, ultimo spettacolo in cartellone. La commedia è dedicata a Franco Angrisano grande attore lucano di origini e salernitano di adozione, ad oltre vent’anni dalla sua scomparsa. «Lo spettacolo è simpatico, leggero, pieno di atmosfere vintage, demodé», spiega Gaetano Stella richiamando i primi anni Novanta, quando Angrisano «ci frequentava un po’ come se fossimo una famiglia aggiunta». «Con Franco – ricorda – trascorrevamo le serate. Lui aveva girato “Polvere di Stelle” con Monica Vitti e Alberto Sordi. Dal fascino dei racconti di quel film, che avrò visto venti volte, sono stato sollecitato a mettere giù il testo. Ed è venuto fuori questo che ripercorre quelle atmosfere». E ricalca esattamente sedici ore, dalle due del mattino alle sei del pomeriggio del 10 giugno 1940, giorno in cui Mussolini si affaccia al balcone di piazza Venezia a Roma e annuncia l’entrata in guerra dell’Italia. «Raccontiamo la storia di una rabberciata compagnia di avanspettacolo che, quasi senza costumi, mettevano in scena spettacoli di rivista», aggiunge l’autore e regista concludendo che «il finale, dopo la colorata e divertente messinscena, con dei bellissimi versi di Trilussa, canta il dolore, la paura e la rabbia di un’Italia che non capisce il perché dei grandi eventi che si stanno preparando o, forse, lo capisce e per questo le viene da piangere». «Riprendiamo e concludiamo la rassegna», sottolineano il direttore artistico e il direttore organizzativo di TeatroNovanta, Serena Stella e Alessandro Caiazza. Il 17 settembre, «sarà anche l’occasione per ripartire subito con le nuove idee e le nuove proposte per la prossima stagione teatrale firmata da TeatroNovanta, per la quale gli abbonati hanno diritto di prelazione, con l’annuncio dei nuovi titoli».

LA MOSTRA

Caviro, con le sue opere artistiche, conquista Praiano e dintorni. “Viaggiando … in Costiera”: si  proroga nuovamente, a richiesta. Apprezzata esposizione, curata dalla giornalista Teresa Lucianelli, responsabile pure della comunicazione, oltre che dei raffinati eventi in abbinamento. Fino a martedì prossimo 15 settembre, a ingresso gratuito, nei panoramicissimi saloni e sulla terrazza vista mare dell’Hotel Pellegrino, del patron Luigi Rispoli, è possibile ammirare i lavori allestiti. Grandi consensi hanno riscosso gli AperiArte, serviti in occasione della preview praianese, come per l’evento inaugurale e i successivi. Tutti partecipati da una platea di qualità, si sono svolti a piccoli gruppi, su prenotazioni, tuttora attive, fino appunti a martedì prossimo. Magnifica vista sull’Arcipelago de Li Galli, per le cene d’eccellenza, legate sempre alla manifestazione espositiva (chef Michele Murgi e Daniela Rispoli, responsabile Sala: Federico Rispoli). Molti rappresentanti del settore artistico e dell’informazione e diversi estimatori dell’arte cittadina di Caviro, tra il qualificato pubblico di visitatori: sono giunti a Praiano specificamente per visitare questa nuova vetrina d’arte, provenienti  anche da altre regioni, oltre che dalle vicine città di Napoli e Salerno con le loro provincie, e soprattutto dall’attigua e mondana Positano, così sensibile ai fermenti in campo artistico. Il noto chef d’eccellenza internazionale Valerio Giuseppe Mandile, ai fornelli delle migliori location ristorative di lusso di fama mondiale, appassionato d’arte, è venuto appositamente con amici, pure cultori delle arti figurative, ad ammirare le opere pittoriche e le sculture di Carmelo Vicente Rossi, venezuelano di nascita, quanto italiano di adozione… e in particolare campano.! Mandile è infatti un grande estimatore delle sue opere, soprattutto quelle pittoriche, “maggiormente coinvolgenti e comunicative in questa fase artistica più recente, in cui spiccano su tela tonalità inedite per l’artista, in abbinamenti cromatici di grande originalità e impatto visivo”. Valerio Giuseppe Mandile ha ammirato soprattutto “l’evidente forza cromatica che spicca nel messaggio a colori di Caviro, in cui le varie tonalità dell’azzurro del mare amalfitano, sono protagoniste insieme ai blu profondi che si ricollegano al Golfo di Napoli, per l’artista città della pace e simbolo delle città del pianeta, alle quali si ispira la sua ‘arte cittadina’”. Assolutamente conquistato da questa nuova esposizione, il cantante Gennaro De Crescenzo, reduce dai successi di Summer Time in Penisola Sorrentina: viaggio tra danza e musica, insieme ad artisti di fama internazionale, come il direttore dell’Opera di Varsavia il mezzosoprano Alicja Wegorzewska, il soprano Dorothy Manzo, il maestro Espedito De Marino. Gennaro De Crescenzo ha sottolineato l’eccezionale sfondo per le opere, costituito dalla “veduta mozzafiato della quale si gode dai saloni espositivi, dove risaltano l’azzurro del mare, in tutte le sue sfumature, e il verde della rigogliosa natura fiorita“. Si è quindi complimentato con Teresa Lucianelli per la scelta della struttura ospitante, “ideale per questa vetrina d’arte, giacché  proprio questi due colori, con le tante inconfondibili nuances, sono stati scelti dall’artista che li ha trasferiti abilmente su tela e su legno, unitamente a quelli del fuoco, donando un effetto finale di grande presa e fascino”. Arrivata a Praiano proprio per ammirare i lavori pittorici e le originali sculture lignee di Caviro, anche la poliedrica avvocato/imprenditrice Paola Fiorentino, maestra di sciabola richiesta in tutta Europa e in America, numero uno d’Italia, con massimo titolo a Reims in Francia – richiesto volto televisivo, tra le tante trasmissioni Rai e Mediaset, a Ciao Darwin con Bonolis e Laurenti e star di Hell’s Kitchen. Fiorentino è anche esponente dell’”Arte terapeutica”, fine conoscitrice in campo pittorico. Una presenza di spicco sui social, a favore dell’Arte, oltre che un personaggio di rilievo in ambito mediatico. Si è soffermata sui colori adoperati da Caviro: sui “rossi e gli aranciati del fuoco ardente, tinte simbolo della Victoria che ha dato i natali all’artista, nell’entroterra di Aragua, e pure di Calvi Risorta, che lo ha accolto con la sua famiglia, centro dell’entroterra del Casertano, portando in tale modo nel cuore e nei suoi lavori artistici le sue due patrie, Venezuela e Italia, soprattutto la ‘sua’ Campania”. Anche Lello Cacciola, in visita all’Hotel Pellegrino, esclusivamente per Caviro. Entusiasta il famoso dj di fama internazionale, al Gurù Di Valencia, al My Spyre e al Pyrana di Stoccolma, già allo Jazz Club di New York; produttore musicale e fondatore delle etichette indipendenti The groovin beats ensemble e The creative lab. Lello Cacciola è venuto a Praiano in quanto interessato alle opere del maestro Caviro. Visibilmente soddisfatto, ha espresso note di grande apprezzamento per la curata esposizione, “allestita con cura dei particolari, indubbio  gusto e originalità. A partire dalla scelta della panoramicissima location ospitante, l’Hotel Pellegrino, raffinata e discreta villa retrò, l’ideale per questa vetrina d’arte, caratterizzata da un incantevole uso dei colori e soprattutto delle tonalità della meravigliosa Costiera amalfitana”.  Giuseppe Gambi, il tenore pop che piace al Papa, di ritorno dai successi capresi, a Praiano pure lui, proprio per vedere la nuova esposizione con le creazioni selezionate, rappresentative del percorso evolutivo di Carmelo Vicente Rossi. Tra i numerosi personaggi di rilievo nei propri settori di competenza, accomunati dalla passione artistica per i lavori di Caviro, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che ha pubblicamente espresso grande apprezzamento per le opere dell’artista e il suo lavoro di rivalutazione delle “arti artigiane”, soffermandosi in particolare sui bassorilievi, quelli stessi che dalla Terra prendono la forma, comunicano la fatica e il sudore del lavoro, concetto “rafforzato” dalle “parti in metalli di uso quotidiano, con dirette attinenze alla falegnameria che assume a pieno titolo dignità artistica”.  Così pure la console del Venezuela a Napoli, Esequia Rubin De Celis, da sempre sostenitrice di Carmelo e incantata dalla sua “arte cittadina”, che ha sottolineato l’importanza del potere comunicativo delle opere pittoriche e scultoree dello stimatissimo connazionale, ringraziandolo per il contributo apportato alla cultura venezuelana. “Viaggiando… in Costiera” vuole essere un invito a intraprendere un coinvolgente per quanto simbolico viaggio, attraverso le selezionate opere allestite in questa esposizione, ideata e curata appunto da Teresa Lucianelli, squisitamente rappresentativa della produzione di Caviro, quale risultato di un faticoso ed elaborato lavoro di ricerca tecnica e stilistica e d’indagine sulle costanti fondamentali che uniscono il destino delle varie città del Mondo e del Pianeta stesso, destinate alla desertificazione. L’avvertimento che si va verso un futuro inedito per la vita umana e animale. In Costiera amalfitana, l’inedita vetrina d’arte multidisciplinare ha catturato un diffuso interesse, come è stato a Napoli per l’altrettanto apprezzata personale dalla quale è tratta, “Viaggiando”, mostra top nell’“Estate a Napoli 2020”. 

LA SERATA EVENTO

Lunedì 28 settembre, il Santarosa Pastry Cup ricorderà il Maestro Pepe con “Una Notte per Alfonso…Stella tra le Stelle”. ? Nella splendida cornice dell’NH Collection Grand Hotel Convento di Amalfi, arroccata su uno sperone roccioso da cui si domina con un solo colpo d’occhio un panorama suggestivo della costa sottostante, lunedì 28 settembre si terrà “Una Notte per Alfonso…Stella tra le Stelle”: una serata dedicata al compianto Maestro Pepe, pluripremiato pasticcere che ha sempre messo al centro del suo progetto la tradizione e la valorizzazione dei prodotti di eccellenza locale come gli agrumi dei Monti Lattari, il pomodoro “corbarino”, l’albicocca del Vesuvio “Pellecchiella” e il fico bianco del Cilento. In suo onore, inoltre, sarà istituito un premio nelle prossime edizioni del Santarosa Pastry Cup. Quella di quest’anno sarebbe stata la IX edizione del Santarosa Pastry Cup, la kermesse gastronomica che celebra uno dei dolci più conosciuti della pasticceria tradizionale campana, realizzato per la prima volta nell’omonimo Monastero di Santa Rosa a Conca dei Marini nel lontano 1700. Mossi da senso di responsabilità, dopo lunghi confronti e accurate riflessioni, il team organizzativo ha però deciso all’unanimità di rimandare al 2021 la IX edizione del Santarosa Pastry Cup. Ma il desiderio di trasmette comunque un messaggio positivo di continuità ha prevalso, sfociando in un’idea brillante quanto emozionante che ha da subito trovato l’appoggio di Giacomo Sarnataro, General Manager dell’Hotel di Amalfi. Dall’antico Chiostro dei Normanni alla suggestiva passeggiata con affaccio sulla baia di Amalfi, la serata si articolerà in percorsi storici, degustazioni e una cena al chiaro di luna in cui si alterneranno gli chef Peppe Guida, Gennaro Esposito, Nino Di Costanzo e il giovane resident chef Claudio Lanuto ed i pastry chef Andrea e Nicola Pansa ed il Maestro AMPI Sal De Riso. Madrina della serata sarà Veronica Maya, spigliata e solare conduttrice Rai, volto noto anche del Santarosa Pastry Cup.

A TUTTO BEYOUTY

La bellezza esteriore come specchio della propria essenza per sentirsi sempre sé stessi. Un concept che accompagna da sempre l’impegno di Francesca Ragone nel mondo del beauty attraverso il quale comunicare un modo unico di vivere la bellezza: è da questa esigenza, dopo un’attenta ricerca e sperimentazione, che nasce la prima linea cosmetica skincare firmata Beyouty ideata pensando alle persone. Una routine di bellezza basata sul rispetto della natura, adatta a tutti i tipi di pelle, sia per la donna che per l’uomo, composta da cinque prodotti ? acqua micellare, spray rimpolpante, contorno occhi e labbra effetto botox, crema alla bava di lumaca, maschera al mirtillo e vite rossa ? non testata sugli animali, senza parabeni, siliconi e petrolati. “Ad un certo punto è arrivato il lockdown ? racconta Francesca ? il mio percorso di adozione e il sogno di diventare madre hanno subito di colpo una brutta battuta d’arresto, le date dei matrimoni e degli eventi privati in un attimo annullate”. Un progetto che nasce in un momento personale di grande difficoltà per la beauty&style coach salernitana, dalla sua voglia di riempire quel senso profondo di vuoto per lanciare un messaggio di speranza e dare nuova linfa alla sua attività. Un’iniziativa che non fa bene solo alla pelle, ma che ha un alto valore sociale. Il volontariato e la solidarietà sono diventati nel tempo parte integrante del percorso professionale di Francesca, consulente d’immagine nei reparti oncologici d’Italia. Infatti, anche per il lancio della sua prima linea, Beyouty ha scelto di devolvere parte del ricavato della vendita dei prodotti all’associazione di volontariato per la famiglia e l’adozione “Il mantello”. Il lancio ufficiale della linea skincare Beyouty (lunedì 7 settembre) ha visto la pubblicazione di una campagna social con il coinvolgimento di testimonial del mondo della moda, del cinema e dello spettacolo che hanno sposato la mission di bellezza di Beyouty: dal carisma anti?convenzionale del fashion editor Gianfranco Vitale, all’anima rock della speaker radiofonica La Mario, passando per l’unicità della coppia di creative directors Antonio e Roberta I MURR, alla bellezza fiera di Penda, Miss Senegal 2019, per concludere con la carismatica e intensa attrice partenopea Cristina Donadio.

LO SPECIALE

Tre giorni divulgativi no-stop dedicati alle “Proprietà e virtù terapeutiche dell’Aloe Vera”, dal 18 al 20 settembre al caratteristico Ristorante Bar e Lido La Marinella, in posizione favorita sulla spiaggia di Fornillo. L’evento, all’insegna della migliore fitoterapia, è a cura di Clara Gallerani e si svolgerà all’aperto, dalle 10 di mattina alle ore 21, in modo da consentire a tutti gli interessati di partecipare a piccoli gruppi, serenamente e in sicurezza, nel rispetto della normativa anti-covid. La dott. Clara Gallerani spiegherà le caratteristiche di questa pianta dalle tante qualità salutari, considerata indispensabile nei secoli da tanti popoli e oggi sempre più apprezzata dalla civiltà occidentale. Un autentico tesoro da scoprire e da utilizzare con risultati che a volte hanno quasi dell’incredibile. Sarà inoltre a disposizione per rispondere a ogni domanda in merito. Indicata soprattutto come eccellente integratore per tutti, l’Aloe Vera è ricco di aminoacidi, proteine, enzimi, sali minerali, vitamine, incominciando da quelle basilari del gruppo B, ecc… Agisce poi come efficace detossinante, come spiega Clara Gallerani: “lavora molto bene al livello del fegato quindi offre un’ottima prevenzione primaria. Rappresenta l’integrazione più corretta, quella cioè in cui i vari elementi lavorano in sinergia e non isolatamente (solo magnesio, o solo potassio ecc..). È privo di controindicazioni: si può assumere sempre e comunque, anche per tutta la vita con n totale tranquillità”. “Per i soggetti che hanno problemi di salute, anche se non stiamo parlando di farmaci, possiamo comunque affermare serenamente che fornisce un valido aiuto in tutti i casi in cui sono presenti delle problematiche di natura gastro-intestinale, come ulcere, reflusso gastrico, cattiva digestione. Agisce inoltre, quale ottimo regolarizzante intestinale e sul fegato, fornendo benefici specifici nei casi in cui vi sono problemi di pelle, dermatiti, pruriti ecc, e di allergie”. Sarà possibile degustare gratuitamente,  nel corso delle tre giornate le salutari bibite a base di aloe, disponibili al banco info-dimostrativo. Queste sono formulate appositamente per apportare in maniera completamente naturale, garantita e soprattutto sicura,  benessere sostanziale, a 360 gradi, energia e supporto attivo in ogni soggetto, già dai 3 anni di vita, senza limiti di età. Gallerani precisa: “Le varie formulazioni alimentari e cosmetiche di cui pure parleremo, appartengono all’americana Forever, specializzata nel settore da oltre 40 anni e presente in Italia, con sede a Roma, da più di 20. La differenzia da tante altre ditte similari il fatto che possieda estese e curatissime piantagioni di Aloe Vera, di sua specifica proprietà, nei luoghi dove la pianta cresce spontanea: può quindi garantire un ciclo chiuso di produzione ed una lavorazione pienamente corretta della pianta stessa. Infatti, viene usata esclusivamente la foglia, privata dell’aloina (sostanza tossica) e per le varie preparazioni è utilizzato esclusivamente il gel di Aloe Vera, e assolutamente non il succo. Il gel, preparato ideale, sicuro ed efficacissimo, viene stabilizzato entro sole 6 ore dal raccolto, grazie alla stretta vicinanza degli impianti alle piantagioni” – sottolinea Gallerani. “Con queste caratteristiche, la Forever è riuscita ad ottenere diversi marchi che offrono le massime garanzie in campo mondiale. Come il famoso e ambitissimo Koscher, che viene assegnato nel rispetto di parametri rigidissimi che contraddistinguono immediatamente la ditta. Non solo: le consentono anche di potere garantire ufficialmente un prodotto davvero valido e assolutamente sicuro, adottato da anni dalla classe medica quale supporto a svariate terapie, con considerevoli risultati: è infatti registrato ai ministeri della salute di ben 160 paesi sul Pianeta”. “L’Aloe Vera da bere costituisce il prodotto base, con il suo 99,7 % di gel di aloe stabilizzato. Dopo l’apertura, va conservato in frigo, perché non contiene né zuccheri, né conservanti. Poi, c’è la linea di integratori di origine sempre squisitamente naturale, con specialità mirate, anche per il benessere di tutte le articolazioni, per la secchezza oculare, per mantenere dall’interno la pelle idratata, tonica, soda ed elastica, ecc.; la linea fitocosmetica con creme per varie esigenze, dall’efficacia comprovata, in cui il primo ingrediente è ovviamente l’aloe; infine, una linea di prodotti delicati  dedicata all’igiene personale”. Il Ristorante Bar e Lido La Marinella è apprezzato da clienti provenienti da tutto il Mondo, soprattutto per le squisite pietanze marinare, a base di freschissimo pescato locale, cucinate con maestria dal patronchef Giovanni Cappiello e dalla moglie, la versatile chef Isaura Fertitta. Anche quest’anno, i titolari, nonostante le limitazioni, hanno deciso – con le dovute precauzioni previste – di aprire nuovamente le porte a un evento divulgativo di qualità, nel campo della salute, confermando una spiccata sensibilità alla promozione del benessere naturale garantito, nelle svariate forme, oltre quello che spontaneamente deriva da piatti genuini a base di prodotti a km 0 della terra e del mare, all’insegna dell’autentica Cucina tradizionale positanese di qualità, della quale i coniugi Cappiello rappresentano una delle massime testimonianze.

I FURTI

Il WWF è stato ammesso come parte civile nel processo a carico di otto persone imputate di associazione a delinquere e di inquinamento ambientale per aver danneggiato alcuni banchi di corallo. Lo scorso 8 settembre, al Tribunale Ordinario di Salerno, si è conclusa l’udienza preliminare: uno degli imputati ha chiesto e ottenuto una sentenza di patteggiamento, mentre gli altri sono stati rinviati a giudizio. La prima udienza dibattimentale si svolgerà il 17 novembre nella II Sezione Penale del Tribunale Ordinario di Salerno. Il corallo danneggiato appartiene a una specie protetta, la corallum rubrum, e si trova all’interno delle aree marine protette dello scoglio dell’Isca in Praiano e Capo di Conca. Gli accusati, nel corso di numerose immersioni, avrebbero asportato senza autorizzazione alcuni quantitativi di corallo protetto, con tecniche vietate che avrebbero danneggiato l’ecosistema marino. Il pescato sarebbe poi stato venduto a intermediari in collegamento con soggetti appartenenti al circuito del traffico illecito. Sarebbe coinvolta anche una società che, secondo l’accusa, sarebbe stata costituita al solo fine di fornire legittimità apparente alle attività. Le indagini si sono svolte attraverso le intercettazioni delle comunicazioni telefoniche tra gli indagati e agli accertamenti tecnici effettuati nei luoghi delle immersioni. “È un primo grande risultato – ha dichiarato Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia – che testimonia la necessità di predisporre misure sempre più efficaci di controllo dei nostri mari, per difendere le sue preziose risorse dalle attività di pesca e prelievo illegali. Il WWF continuerà il suo impegno nel contrasto ad ogni crimine ambientale".

IL BLITZ

Ventitrè persone in carcere, altre tredici ai domiciliari. E' questo il bilancio di una vasta operazione antidroga, scattata all'alba di oggi nel Salernitano a termine di una lunga indagine dei carabinieri del Comando provinciale di Salerno e con la quale sono state sgominate due organizzazioni di spacciatori che operavano prevalentemente nella provincia nord, ed anche in alcune località del Napoletano. In una delle organizzazioni un ruolo non di secondo piano veniva svolto da alcune donne e per l'attività di spaccio, in alcune occasioni, sarebbero stati impiegati dei minorenni. Le due bande non avevano piazze di spaccio fisiche, ma vi era una distribuzione in diversi quartieri, centrali e periferici di Scafati. Le richieste telefoniche avvenivano con linguaggio criptico; i luoghi di consegna erano occasionali e avvenivano anche nei pressi di abitazioni, scuole e luoghi pubblici; le sostanze stupefacenti erano conservate in luoghi diversi dalle rispettive abitazioni. La stima approssimativa delle sole vendite al dettaglio si attesta nell'ordine di circa 100 cessioni quotidiane per ciascun sodalizio, per un introito non inferiore alla cifra giornaliera di 2mila euro. (La Città)

EMERGENZA ROGHI

Un inferno di fuoco, nella giornata di ieri, ha dilaniato la collina di Paterno e il monte Iulio, a Castel San Giorgio, e Monte Caruso e Poggio del Tesoro, tra Nocera Superiore e Roccapiemonte. Due fronti opposti: fiamme altissime, sotto il sole cocente, alimentate impetuosamente dal vento, che hanno visto impegnate centinaia di uomini tra Vigili del fuoco, volontari della Protezione civile, agenti della polizia locale e uomini e donne della “Sma Campania”, la società in house della Regione Campania che si occupa anche di prevenzione e contrasto degli incendi nelle aree boschive. Due nubi di fumo altissime, quasi in contemporanea: ovunque volgessero lo sguardo, gli abitanti della piana dell ’Apudmontem non vedevano che colonne di fumo e fiamme che hanno colorato di tinte fosche, rosso e nero, un cielo azzurro e terso. Uno scenario apocalittico, con il cielo attraversato a a ripetizione da canadair ed elicotteri dei vigili del fuoco. Il primo incendio si è sviluppato a Castel San Giorgio. Nella notte le fiamme sono partite dal monte Saro, da Sarno, e poi, alimentate dal vento, hanno raggiunto già alle prime luci dell’alba la collina del Drago, monte Iulio e la collina di Paterno. Sul posto, a coordinare le operazione di intervento via terra, per tentare di spegnere da subito le fiamme che avanzavano minacciose verso il territorio di Castel San Giorgio, il comandante dei caschi bianchi sangiorgesi, il maggiore Giuseppe Contaldi, che ha anche avvertito un malore, ed ha dovuto far ritorno al Comando. Di lì, per tutta la notte ed il giorno seguente, ha diretto le operazioni di contrasto ai roghi. (La Città)

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Prima il Covid, poi il maltempo: rinviata ancora l'apertura delle scuole a Salerno

Il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, al termine della riunione del Centro Operatico Comunale (COC), ha disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e degli asili...

Senza mascherina in strada, fioccano i verbali a Salerno. Bar multato a Torrione

Continua senza sosta l’attività di controllo delle Forze dell’ordine volta a contrastare la diffusione del coronavirus covid 19 nei luoghi di maggiore...

Ruba computer nella sede di Salerno Energia, scatta folle inseguimento sui tetti

Notte movimentata per i poliziotti della Volante della Questura di Salerno, dopo un inseguimento sui tetti dell’edificio sede della Società Salerno energia gli...

Coppa Promozione, Herajon-Centro Storico Salerno 0-7. I granata ripartono col Settebello

Lo scorso campionato la trasferta di Capaccio è stata una delle ultime prima dell'interruzione forzata causa Covid. Dallo stesso campo, sotto un violento acquazzone,...

Coppa Italia Dilettanti, Agropoli-Salernum Baronissi 1-1. Varriale replica a Barra

Seconda gara dell'anno per l'Agropoli, dopo la vittoria all'esordio stagionale di mercoledi con il Faiano. I cilentani tornavano a giocare allo stadio "Guariglia" dopo l'ultima...

Coppa Promozione, Ebolitana-Giffoni Sei Casali 2-3. Blitz d'autore per i grifoni

Buona la prima per il Giffoni Sei Casali targato Bucciarelli. I grifoni nell’andata del primo turno di Coppa Campania battono la nobile decaduta Ebolitana per 3-2 al...

Coronavirus, nuova impennata di casi nel salernitano: allerta nel capoluogo

Consuntivo delle ultime 24 ore nel salernitano per quanto riguarda l’emergenza coronavirus: sono stati rilevati 30 positivi, di cui: 8 a Eboli (riconducibili ad una stessa...

Coppa Promozione, Poseidon Licinella-Positano 0-1. Costieri vittoriosi di rigore

Al Mario Vecchio di Capaccio Paestum andava in scena il primo impegno ufficiale della stagione: gli uomini di Dario Petraglia se la vedevano con il San Vito Positano per...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?