Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca da Salerno e provincia

05/09/2020

I FUNERALI

Si sono tenuti oggi, alle 11, nella chiesa madre di Roccapiemonte, i funerali della neonata lanciata dal balcone subito dopo la nascita. Il vescovo della Diocesi di Nocera-Sarno, monsignor Giuseppe Giudice, che ha presieduto la celebrazione, ha dato alla piccola il nome di Maria. Un nome molto caro a tutti i rocchesi, particolarmente devoti alla Madonna. Un ultimo gesto amorevole attraverso il sacramento del battesimo, per una bambina che nata è stata gettata via come un sacchetto della spazzatura. Oggi sarà dunque la giornata del silenzio e del dolore per una comunità ferita da un gesto orribile, da una tragedia familiare che è diventata la tragedia di un intero paese che ancora si interroga incredulo su quanto accaduto e non riesce a darsi pace. (La Città)

LA TRAGEDIA

Il corpo di un uomo senza vita è stato trovato questo pomeriggio sotto un ponte ad Agropoli. La macabra scoperta è stata fatta da alcuni passanti in località Madonna del Carmine. Sul posto sono subito intervenuti i sanitari del 118 che non hanno potuto far altro che constatare il decesso. I carabinieri della compagnia di Agropoli stanno effettuando i rilievi per scoprire le cause della morte. Non si esclude che si possa trattare di un suicidio. (La Città)

IL SACRILEGIO

“Un atto sacrilego che offende un’intera comunità, oltre ai danni arrecati alle tombe. Il cimitero è interamente videosorvegliato spero che le forze dell’ordine ricostruiscano e risalgano al più presto ai responsabili”. Così l’assessore ai servizi cimiteriale Gaetano Ferrentino, dinanzi allo scempio compiuto questa notte nel camposanto cittadino di via Sarno Palma. I malviventi si sono introdotti probabilmente ignorando il sistema di sicurezza presente all’interno che si attiva collegandosi direttamente alle forze dell’ordine. I ladri sono riusciti ad asportare da diverse tombe materiale in ottone, ma una volta accortisi di essere stati scoperti, hanno abbandonato la refurtiva, circa 10 sacchi, per darsi alla fuga. All’interno del cimitero ci sono ben 50 telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso l’azione. (La Città)

LA PAZZIA

Sale sul cofano di un'auto della Municipale e pubblica la foto sui social. Può costare cara la bravata a un 17enne di Ascea che è stato denunciato per danneggiamento e offesa all’onore di un Corpo amministrativo. Secondo quanto ricostruito, il giovane avrebbe pubblicato sui social network una fotografia che lo ritraeva in piedi sul cofano anteriore della vettura di servizio della Polizia Locale, mentre si accendeva una sigaretta. Di qui l’avvio delle indagini che hanno portato alla denuncia al Tribunale dei Minorenni.

IN ESILIO

Tutto ha avuto inizio per una stanza contesa, un vano confinante che i vicini di Marco F. - il pasticciere ritrovato suicida il 21 agosto scorso sulla battigia del mare di Mercatello, davanti al lido Miramare - volevano a tutti i costi che gli fosse ceduto. Dal rifiuto alla cessione sarebbe iniziata la “guerra” di vicinato che si è conclusa nel peggiore dei modi, con una persona deceduta. E di ieri, intanto, la notizia che il gip del Tribunale di Salerno, Giovanna Pacifico, ha applicato ai tre indagati (B.A., 64 anni, sua moglie C.R., 60, e D.A., 36) il divieto di dimora a Giffoni Sei Casali e di avvicinamento alle persone offese, la moglie ucraina e due figli piccole, accogliendo la richiesta del pm Ivana Niglio che coordina le indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Battipaglia, diretta dal maggiore Vitantonio Sisto. (La Città)

IL MALORE

Si sente male mentre di allena in palestra, ragazzo trasportato all'ospedale Ruggi in ambulanza. Il 23 enne avrebbe accusato un malore dopo esser rientrato nella struttura dopo esser uscito per rispondere al telefono. Il giovane dopo il mancamento, assistito dagli altri presenti, si era riavuto per poi riaccasarsi al suolo. Sul posto sono giunti i paramedici del 118 che lo hanno scortato all'interno del campo sportivo dove ad attenderlo era già pronta l'eliambulanza che lo ha accompagnato all'ospedale di Salerno.

LE INDAGINI

«Non ci siamo accorti mai di nulla. Lui aveva una stanza separata dalla nostra abitazione, poi mia figlia l’hanno messa in una casa famiglia con i suoi bambini e lui ha continuato a stare qui». Sotto choc Eugenio Cutarella, padre della compagna di Nicola Del Sorbo, che ieri mattina con tanto di scatoloni in mano è uscito dall’abitazione contigua a quella dove abita il genero e dove sarebbe avvenuto l’omicidio, nelle campagne di via Fontanelle a Poggiomarino. L’uomo è frastornato mentre cerca di farsi largo sulla stradina polverosa. Con lui ci sono altre persone, probabilmente di famiglia: pure loro portano via degli scatoloni di panni. «Noi veniamo qui, dopo l’una - aggiunge Cutarella, indicando le 13 - e poi andiamo via. Torniamo la sera e ci abitiamo pure. Ma non avremmo pensato mai a nulla di male. A lei l’abbiamo vista una sola volta e l’abbiamo accompagnata a casa, ci ha offerto un caffè. Ma vedete non so cosa è potuto succedere. Cosa è successo? Non ci siamo accorti di nulla. Non abbiamo mai visto insieme lei (Luana Rainone, ndr ) e mio genero». Del Sorbo, infatti, ha una seconda famiglia, quella con la figlia di Cutarella, con la quale ha avuto tre figli, mentre da un precedente matrimonio ne aveva avuto altri quattro. Una situazione decisamente difficile, quella del giovane di Sant’Egidio, che aveva anche problemi di dipendenza dalle droghe. Una vita non facile neanche quella di Luana, 31enne sarnese, sposata con una bimba. Risiedeva a San Valentino Torio ed aveva compiuto gli anni pochi giorni prima di quel 23 luglio, quando sarebbe scomparsa e forse uccisa. Da quando era morta la madre, era caduta in forte depressione. Neanche la maternità, sua figlia ha otto anni, era riuscita a risollevarla. Sulle tracce di Del Sorbo i carabinieri si erano messi dopo che le voci insistenti in paese parlavano di una relazione extraconiugale con la donna uccisa. Lo scavare degli investigatori dell’Arma nella vita privata di entrambi ha portato a far emergere il legame stretto che li univa e che non doveva essere passato inosservato a tanti. Chi conosceva Luana racconta sui social che la vittima era piena di vita, allegra, ma in cuor suo covava un disagio che non dava a vedere, che la storia clandestina con il suo assassino aveva attenuato. Intanto, la cittadina di San Valentino Torio è sotto choc. L’amministrazione comunale ha deciso di annullare il concerto di Enzo Avitabile, previsto lunedì prossimo. Annullate anche le altre manifestazioni pubbliche, comprese quelle elettorali, fino ai funerali della 31enne. Per quel giorno è stato proclamato il lutto cittadino. Questa sera, invece, con partenza alle 20 dal Palazzo comunale, è stata organizzata una fiaccolata che vuole essere un momento di riflessione sull'accaduto. Per ribadire la condanna di ogni forma di violenza sulle donne. Invoca, infine, il massimo della pena per chi ha ucciso Luana Rainone il sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, paese di origine della vittima: «Che la giustizia faccia il suo corso e condanni alla massima pena prevista chi ha spezzato questa giovane vita». (La Città)

IL CASO

E’ una situazione di grande disagio e precarietà, il classico dramma della solitudine. Dopo il rogo che ha ridotto in cenere la sua casa, al piano rialzato di una palazzina di via Mogavero nella zona orientale di Salerno – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – una donna sta vivendo sulle scale tra degrado e sporcizia. In parte riesce ad appoggiarsi ad uno sgabuzzino adiacente la sua casa, dove sono stati apposti i sigilli a causa del rogo. I vicini, che spesso le portano dei panini per mangiare, hanno segnalato il caso ai servizi sociali del Comune: «Aiutata in passato, ora è rimasta da sola».

QUI BATTIPAGLIA

Non è bastato settembre ad abbassare le temperature a Battipaglia. Perché in città c’è di nuovo da fare i conti con i roghi. A prendere fuoco, questa volta, alberi e vegetazione all’interno dell’ex materassificio di via Catania, bene, confiscato alla criminalità organizzata, che apparteneva d Antonio Campione. Fiamme alte per circa quaranta minuti, prima che i volontari del Nucleo comunale della Protezione civile di Battipaglia, i vigili del fuoco del Comando di Salerno e perfino alcuni cittadini che avevano con sé tubi di irrigazione intervenissero per domare il rogo avvenuto intorno alle 22. Pericolo scampato per le vicine abitazioni, fortunatamente. L’incendio è di natura dolosa. Un déjà vu : nel 2014, infatti, nello stesso stabilimento si sviluppò un vasto incendio che distrusse del materiale accantonato. Di lì a poco, il bene confiscato alla criminalità organizzata sarebbe finito nelle mani dei parroci della città. La consegna informale avvenne a giugno del 2015, con la simbolica consegna delle chiavi, da parte dei commissari strardinari, nelle mani dei sacerdoti; la convenzione, poi, fu formalmente stipulata a febbraio del 2016. Inizialmente, all’interno dell’ex fabbrica Rispoli sarebbe dovuto nascere Il “Polo della carità”, che avrebbe previsto una sorta di market sociale. Per quattro anni, però, nei capannoni del quartiere Serroni non si è mossa una foglia. Qualche piccola manutenzione di tanto in tanto, e la rimozione di alcune lastre di amianto che i residenti del rione ottennero a seguito di forti proteste. Un ricettacolo per i tossicodipendenti, un luogo dove le coppiette in cerca d’intimità andavano ad appartarsi, e per alcuni cittadini extracomunitari un posto dove dormire abusivamente: è stato questo lo scenario degli ultimi anni all’interno del bene confiscato alla camorra. Finito in fiamme proprio ora, mentre sono in corso le trattative per il recupero della struttura. Sì, perché l’avvento del Covid aveva aperto uno spiraglio per la riqualificazione dell’area. Grazie al decreto “Rilancio” dello scorso 8 agosto, sarà possibile usufruire dell’ecobonus con la detrazione fiscale del 110 per cento. Un’occasione ghiotta per i parroci cittadini, che rientrano nel rango dei soggetti aventi diritto. Adesso l’immobile è pronto per essere rimesso in sesto, con i lavori che dovrebbero partire tra febbraio e marzo del 2021. Un intervento che prevede la realizzazione di un auditorium all’aperto, d’un campo sportivo polifunzionale, di una mensa e una lavanderia sociale, oltre a una ventina d’appartamenti da destinare prevalentemente a famiglie che non hanno un tetto: residenze provvisorie per l’emergenza abitativa, che dovranno essere lasciate libere nell’arco di 18 mesi. Il progetto iniziale, di circa 600mila euro, prevedeva lavori solamente all’interno della palazzina. Il nuovo piano, da circa 1 milione e mezzo di euro, terrà conto pure del capannone abbandonato. E proprio ora il materassificio ha preso fuoco. La natura dolosa dell’incendio lascia il campo aperto alle ipotesi più disparate. E il sospetto che dietro questi episodi ci sia la longa manus della criminalità è forte. L’incendio di giovedì fa il paio con quello avvenuto lo scorso 27 luglio in un altro terreno di via Fosso Pioppo, pure quello confiscato a Campione. Presero fuoco sterpaglie e residue d’immondizia. Eventi che continuano a gettare ombre sulla gestione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata. «C’è qualcuno che ci vuole bene...» è il commento laconico del parroco don Ezio Miceli , che si sta occupando del progetto “Borgo Solidale”. (La Città)

IL SEQUESTRO

Sono sette le automobili sequestrate a Battipaglia perchè circolavano con polizze assicurative contraffatte. Come riporta “Il Mattino“, le forze dell’ordine hanno effettuato una serie di controlli sulle principali arterie cittadine. Alcuni dei veicoli controllati avevano anche targhe estere e così hanno preso il via le indagini per scoprire la provenienza delle polizze. Tre persone erano consapevoli di circolare con assicurazioni falsificate. Sono molti i proprietari di auto che, per risparmiare la spesa della Rca auto, si rivolgono a chi illecitamente falsifica le polizze assicurative vendendole a prezzi molto economici.

QUI CAGGIANO

“Apprendiamo, di domenica sera, dalla pagina Facebook ‘Comune di Caggiano’, gestita dall’Amministrazione comunale, che nei giorni scorsi sono stati approvati i Progetti Utili alla Collettività -PUC  senza alcuna pubblicazione sull’albo pretorio. Quindi, come gruppo consiliare, ci siamo attivati questa mattina quando gli uffici sono aperti e non di domenica sera. L’ufficio preposto ci ha confermato ciò che pensavamo, cioè che ad oggi ancora nessun progetto è stato approvato dalla Giunta Comunale“. Così il gruppo di opposizione “CambiaMenti”, guidato da Angelo Lorusso, interviene in merito all’approvazione dei progetti di pubblica utilità destinati a coinvolgere i percettori del reddito di cittadinanza a Caggiano. “Noi come gruppo consiliare siamo contenti di questa iniziativa, visto che è stata proposta e protocollata la scorsa settimana dal nostro gruppo, ma a quanto pare basta un post per approvare una delibera di Giunta – proseguono -. Intanto, riteniamo che ciò che è stato scritto sulla pagina ufficiale del Comune vada sicuramente corretto e non mettiamo in dubbio il lavoro degli uffici, ma bensì, l’approvazione della stessa. Inoltre, ribadiamo la nostra disponibilità a collaborare per la crescita del nostro paese, continuando il nostro lavoro di proposta e controllo, anche se a volte alle nostre sollecitazioni non riceviamo risposta, ma su questo ci torneremo più avanti“. “Noi di Cambiamenti continuiamo col nostro lavoro di proposte per conto dei cittadini a tutela dell’interesse generale, felici del fatto che delle nostre proposte possano portare anche solo un piccolo miglioramento al nostro paese” conclude l’opposizione caggianese. (Onda News)

ALTRE NEWS

Malore dopo la preghiera. Muore l’Imam di Salerno. La Guardia di Finanza di Cava de' Tirreni ha eseguito quattro perquisizioni nei confronti di altrettanti soggetti che operano nel settore dell'e-commerce di prodotti di telefonia e materiale hardware. Le indagini hanno portato alla scoperta di truffe online. 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Giovanili, l'elenco delle richieste d'iscrizione ai campionati Under 18, Under 16 e Under 14

Il CR Campania ha provveduto a comunicare l'elenco delle società che nei tempi hanno provveduto a completare le domande di iscrizione ai campionati giovanili regionali...

Pallanuoto, varata la nuova formula ed il calendario: gironcino di ferro per la RN Salerno

Il campionato di Pallanuoto maschile di serie A1 inizierà il 7 novembre. Confermata la formula condivisa da federazione e società nel corso delle riunioni che si...

Copriifuoco alle 23, rientro in casa entro le 23.30: il testo integrale della nuova ordinanza firmata VDL

D’intesa con il Ministro della Salute, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l’Ordinanza n. 83 che contiene ulteriori misure di...

Coronavirus, salgono a 90 i casi nel salernitano: aumento progressivo nel capoluogo

Sono 90 i nuovi casi di positivita’ al COVID-19 registrati ieri in provincia di Salerno. I nuovi casi sono emersi da 954 tamponi processati nei laboratori...

Prima Categoria, la stagione della Pol. Baronissi inizia con due pareggi in campionato e Coppa

Inizia con due 1-1 consecutivi la stagione ufficiale della Pol.Baronissi. Nella prima giornata di campionato (girone F), i ragazzi di mister Avellino impattano con l'F3 Nuceria...

Screening gratuito per il controllo della vista ad opera del Lions Club "Hippocratica Civitas"

Giornata dedicata alla prevenzione con i Lions “Salerno Hippocratica Civitas”, di cui è presidente la prof. Rosalba Agresti. Il service si svolto presso la...

Coppa Promozione, il punto: al turno successivo anche Temeraria e Giffonese

Si è disputata con la consueta frammentazione, aggravata dal Covid, la terza giornata (o in alcuni casi gare di ritorno) del primo turno preliminare della Coppa Campania...

Salernitana, caso Covid nella Primavera: sfida di Lecce verso il rinvio

Doccia gelata in casa Salernitana Primavera dopo il rotondo successo con la Reggina al cui interno erano emersi casi di Covid poche ore dopo il match del "Volpe". Questa mattina...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?