Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

I fatti del giorno | Tutte le principali notizie di cronaca da Salerno e provincia

04/09/2020

CONTRABBANDO

La guardia di finanza di Napoli ha arrestato un 46enne di Nocera Inferiore, già noto alle forze dell'ordine, residente a Torre Annunziata, già conosciuto per precedenti episodi di contrabbando, e sequestrato quasi 500 chili di sigarette di contrabbando. L'operazione è stata condotta dai "Baschi verdi" del Gruppo Pronto Impiego che, mentre transitavano nel quartiere Vomero, in via Cilea, hanno notato un furgone procedere ad alta velocità. Durante l'ispezione del veicolo commerciale è stato scoperto, nel vano, sistemato in diversi teli di plastica di colore nero, il carico di "bionde" di contrabbando, del tipo "cheap white", costituito da 342 chili di sigarette marchio "Regina Rosse" e 150 chili "Regina Blu". Il contrabbandiere è stato processato con rito direttissimo e condannato alla pena di 2 anni di reclusione.

L'INCIDENTE

Perde il controllo della sua moto e si schianta contro un cantiere, 19enne scafatese ricoverato in Rianimazione all’ospedale di Nocera Inferiore. Sono da accertare i motivi che hanno portato un giovane a finire, la notte scorsa, contro uno dei container di rifiuti posizionati all’interno del cantiere della rete fognaria in via Dante Alighieri, in località Bagni. Un impatto violento, avvertito immediatamente dai residenti della zona che hanno subito allertato i volontari del servizio 118. Una volta giunto sul posto, il personale medico ha compreso immediatamente la gravità delle condizioni di salute del giovane. Per questo motivo, è stato disposto il trasferimento urgente all’ospedale di Nocera Inferiore. Preso in cura dai medici del presidio di viale San Francesco, è stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione. (La Città)

LA TRAGEDIA

Notte da tragedia, zona Villa de Ruggiero, violento impatto, provocato da una moto, abitanti risvegliati e impauriti dal forte rumore. Dinamica da ricostruire ma secondo le primissime ipotesi il centauro era già barcollante – bisognerà capire i motivi attraverso le immagini di sorveglianza presenti in zona – quando è praticamente volato, andando a concludere il tragico volo contro le vetrine di un’attività commerciale. Le condizioni del centauro sono apparse subito gravi, è stato trasportato immediatamente all’Umberto I dove è immediatamente apparsa disperata la situazione. (Agro Today)

LA TRAGEDIA/2

Il ritrovamento dei documenti aveva fatto battere alle agenzie di stampa la provenienza da Nocera Inferiore. Ma già da ieri sera Angri, la sua città, ha cominciato a piangere la scomparsa, nel terribile incidente stradale ai confini del Molise, di Giuseppe Coppola, autotrasportatore, tifosissimo dell’Angri, amato da tutti, in particolare nel rione 167 , in famiglia e nelle amicizie. Morto mentre si guadagnava il pane da portare a casa, morto in maniera assurda e incredibile. (Agro Today)

CASO RIFIUTI

Rifiuti in fiamme. La frazione Sardone paga ancora un caro prezzo in termini ambientali. Non bastava la presenza da anni di ex discariche ed impianto di trasferenza dei rifiuti solidi urbani. Ora si inseriscono anche i piromani a penalizzare ulteriormente la zona appiccando il fuoco tra le piccole micro discariche di immondizia lasciate sul ciglio di strada, non lontano dall’impianto dei rifiuti. Gli abitanti della piccola frazione che si affaccia su Pontecagnano nel pomeriggio di mercoledì sono stati costretti a barricarsi in casa per alcune ore chiudendo finestre e balconi per evitare di respirare l’acro e denso fumo nero provenienti da vari focolai di incendi, probabilmente tutti di origine dolosa. Pneumatici, plastica e immondizia di ogni genere sono bruciati rapidamente e le colonne dense scure accompagnate da un odore maleodorante hanno subito richiamato l'attenzione dei residenti delle abitazioni vicine e fatto scattare l'allarme. Sul posto è intervenuta una squadra dei volontari del vicino Vo.Pi di Pontecagnano, coordinata da Espedito Festa , con il caposquadra Federico Falcione e i volontari Marco e Stefano Dispenza , insieme ai carabinieri della locale stazione guidati dal maresciallo Luigi Ferri e un autobotte carico d’acqua proveniente dal distaccamento dei Vigili del Fuoco di Giffoni Valle Piana. Per avere ragione delle fiamme sviluppate soprattutto tra il materiale di gomme e plastica le squadra dei soccorsi hanno dovuto lavorare alcune ore per spegnere l’incendio. Il forte e denso fumo ha creato difficoltà ai pompieri perché l’aria era irrespirabile. E’ stato un lavoro di squadra che ha impegnato molti uomini su vari focolai divampati in contemporanea poco distanti ed è per questo che faccia pensare al dolo. Sono state avviate le indagini ed un probabile aiuto potrebbe venire anche dal vicino impianto di videosorveglianza della piattaforma di trasferenza dei rifiuti. Sul luogo dell'incendio si è recato anche il sindaco Antonio Giuliano più volte intervenuto in passato per fare rimuovere dalle varie associazioni di volontariato le micro discariche di rifiuti disseminate lungo la strada. Molto presto la frazione Sardone potrà rinascere dal punto di vista ambientale. Il comune ha ottenuto dalla Regione Campania oltre sei milioni di euro per il progetto “Green District”. L'impianto di trasferenza dei rifiuti sarà riconvertito. Andrà via la piattaforma che ospita l’umido per fare posto a due impianti: uno per la selezione e messa in riserva dei rifiuti secchi, l’altro per la lavorazione dei rifiuti elettronici. (La Città)

STALKING

Nella serata di ieri, in Carabinieri della Stazione di Giffoni Sei Casali, hanno dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione di misura cautelare personale del Divieto di dimora e Divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, emessa dall’Ufficio del GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo, nei confronti di A.B. (classe 1956), A.D. (classe 1984) e R.C. (classe 1960), tutti componenti del medesimo nucleo familiare abitante in quel centro, poiché ritenuti responsabili dei reati di concorso in atti persecutori e morte come conseguenza di altro delitto. Il provvedimento è scaturito dalle indagini avviate dai Carabinieri della Stazione di Giffoni Sei Casali a seguito della querela presentata il 12 agosto scorso dai vicini di casa, nei confronti dei citati indagati con i quali si erano incrinati i rapporti già dall’anno 2015 allorquando era avvenuta una lite per una negata vendita di una stanza dell'immobile ove erano tutti residenti. Motivo per il quale, nel corso degli anni, gli indagati ponevano in essere incessanti comportamenti persecutori ai danni delle parti offese. consistenti perlopiù in ripetute minacce, delazioni offensive in pubblica via, pedinamenti e danneggiamenti, tali da cagionare un perdurante stato d’ansia e di profonda prostrazione psichica fino ad indurre una delle vittime a compiere l’estremo gesto (il 21 agosto scorso, allorquando veniva trovato annegato in mare a Salerno) per cause riconducibili a tale vicenda come dallo stesso ampiamente palesato in una accorata lettera manoscritta, successivamente rinvenuta nel suo veicolo, in cui sviscerava tutte le paure ed ansie provocate dai summenzionati. La vicenda denunciata dai coniugi era stata anche confermata nelle sommarie informazioni delegate ai Carabinieri del reparto procedente e dalla complessa attività investigativa svolta.

L'ARRESTO

I Carabinieri della Stazione di Battipaglia, hanno tratto in arresto in flagranza di reato S.C. di 47 anni, dipendente di un locale caseificio ma originario della provincia di Latina, già noto alle forze dell'ordine. A seguito di una preliminare attività info/investigativa, il personale operante ha eseguito, nella mattinata odierna, una perquisizione domiciliare nel corso della quale, all’interno di un mobile della camera da letto, ha rinvenuto e sottoposto a sequestro penale una pistola Beretta cal.9 con matricola abrasa, due caricatori e 70 cartucce cal. 9.21. L’arma e le munizioni sequestrate sono state poste a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per le indagini balistiche. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto agli arresti domiciliari in Battipaglia.

CAMBIO AL VERTICE

Cambio al vertice della Guardia di Finanza di Vallo della Lucania. Dopo una lunga e proficua attività alla guida della tenenza saluta il capitano Giuseppe D’Agostino. Al suo posto arriva il tenente Fabio Tufano. Arruolato nel Corpo nell’ottobre del 1998, Tufano ha frequentato il corso allievi finanzieri, prestando poi servizio presso il Nucleo Centrale di polizia tributaria di Roma e successivamente ricoprendo incarichi di staff presso il Comando Generale e alle sedi di Firenze e Napoli. (Info Cilento)

IL CORDOGLIO

«La P.A. Millenium Costa d'Amalfi, partecipa al dolore per la tragica scomparsa del giovane collega, vittima di un incidente stradale, mentre era in servizio attivo Antincendio con l'Associazione Era Ambiente di Foggia». Si legge così nel messaggio postato dall'associazione di protezione civile di Amalfi sulla propria pagina Facebook. Ciro Campagna è deceduto ieri a seguito dell'investimento avvenuto sull'Autostrada A 16 lo scorso 29 agosto, proprio mentre era impegnato nello spegnimento di un incendio boschivo divampato in prossimità della strada. Ciro era espressione dei valori fondanti del Sistema della Protezione Civile: aveva scelto di dedicare tempo, impegno e professionalità alla tutela del territorio e alla salvaguardia della popolazione, animato da quello slancio per il bene comune che caratterizza tutte le componenti del Servizio Nazionale, reso ancora più encomiabile per la sua giovane età. La sua dedizione appare tristemente più evidente nel contesto operativo che lo ha visto vittima, a soli 19 anni, durante un intervento antincendio, a fianco dei Vigili del Fuoco: un rogo sviluppatosi, per dolo o per colpa, a causa dell'uomo. Nel porgere le più sentite condoglianze ai familiari per la grave perdita, il Capo del Dipartimento, Angelo Borrelli, ha rinnovato la stima e la gratitudine per tutti i volontari, le forze e le organizzazioni che con dedizione operano ogni giorno nei molteplici ambiti di Protezione Civile.

RENZO TRA NOTE E DOLCI

«Siamo circondati da Maestri tutti i giorni... Ma oggi è davvero tutta un'altra musica. Il nostro dolcissimo benvenuto ad Amalfi a Renzo Arbore». A scriverlo è Andrea Pansa, titolare insieme al fratello Nicola dell’omonima pasticceria, che ha accolto il cantautore con un piatto di scorzette al limone, sulla terrazza del Sensi Restaurant, dove un emozionato Alessandro Tormolino ha fatto assaggiare ad Arbore il meglio della tradizione culinaria amalfitana. Mentre il Ministro Roberto Speranza è a Scala per il IX centenario della morte del Beato Gerardo Sasso, Renzo Arbore è ad Amalfi per la gran chiusura, in piazza Flavio Gioia, del Capodanno Bizantino. (Amalfi Notizie)

IL BENEFIT

Il Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, ha approvato la graduatoria delle richieste di contributo per la progettazione di opere di contrasto al dissesto idrogeologico. 970 gli Enti beneficiari cui saranno distribuiti quasi 85milioni di euro. Ciascun beneficiario sarà tenuto ad affidare la progettazione entro tre mesi, in caso contrario prevista la revoca del finanziamento. I contributi verranno erogati entro il 15 ottobre. Nel dettaglio  Stella Cilento (110mila euro), Roscigno (320 mila euro), Torre Orsaia (400mila euro), Pertosa (circa 325mila euro), Montano Antilia (60mila euro), Caggiano (300mila euro), Auletta (860mila euro), Laurito (198mila euro), Sapri (220mila euro), Vibonati (119mila euro), Comunità Montana Alento Monte Stella (circa 160mila euro per il fiume Testene, la sistemazione del territorio comunitario e il Valllone Molini a Laureana Cilento), Bellosguardo (125mila euro), Ottati (55mila euro), Aquara (217mila euro). La Provincia di Salerno ottiene quasi 2,1 milioni per la progettazione della sistemazione del litorale tra Camerota e Centola.

Non sono rientrati tra i beneficiari: Alfano (presentati progetti per 25mila euro), Camerota (quasi 650mila euro), Campora (82mila euro), Castellabate (quasi 1,4 milioni), Castelnuovo Cilento (poco meno di 200 mila euro), Centola (circa 1,3 milioni), Cicerale (310mila euro), Ogliastro Cilento (495mila euro), Cuccaro Vetere (94mila euro), Giungano (220mila euro), Ispani (circa 80mila euro), Laureana Cilento (87mila euro), Laurino (50mila euro), Lustra (35mila euro), Magliano Vetere (60mila euro), Moio della Civitella (281mila euro), Montecorice (45mila euro), Monteforte Cilento (63mila euro), Morigerati (368mila euro), Novi Velia (470mila euro), Omignano (160mila euro), Orria (60mila euro), Perito (209mila euro), Piaggine (39mila euro), Pisciotta (95mila euro), Roccagloriosa (100mila euro), Rofrano (430mila euro), Sacco (66mila euro), Salento (75mila euro), San Giovanni a Piro (440mila euro), San Mauro La Bruca (27mila euro), Santa Marina (130mila euro), Sant’Angelo a Fasanella (190mila euro), Sessa Cilento (47mila euro), Stio (360mila euro), Torchiara (90mila euro), Torraca (94mila euro), Tortorella (40mila euro), Trentinara (200mila euro), Valle dell’Angelo (255mila euro), Castelcivita (70mila euro), Controne (75mila euro), Corleto (500mila euro), Petina (250mila euro), Albanella (180mila euro), Postiglione (70mila euro), Sicignano (140mila euro), Atena Lucana (410mila euro), Casalbuono (82mila euro), Monte San Giacomo (185mila euro), Montesano sulla Marcellana (510mila euro), Polla (60mila euro), Sala Consilina (300mila euro), San Pietro al Tanagro (200mila euro), Sant’Arsenio (80mila euro), Sanza (220mila euro), Teggiano (251mila euro), Padula (220mila euro), Pertosa (320mila euro), Comunità Montana Vallo di Diano (1,5 milioni di euro).

IL RECORD

E’ record nel Cilento per il gran numero di tartarughe caretta caretta che sono nate durante questa estate. Nella notte quattro nuove schiuse da nidi di tartarughe caretta caretta. Altre 71 tartarughe caretta caretta sono nate ieri al terzo nido individuato ad Ascea, 39 da un nido a Palinuro, 49 da un nido a Camerota e altre 7 ancora a Camerota da un nido non segnalato sotto gli occhi di una coppia di turisti che hanno chiamato la Capitaneria di Porto. I 26 nidi quest’anno hanno stracciato il record precedente, pari ad 11, del 2016. (Radio Alfa)

IL BILANCIO

Con l’inizio dell’ “estate settembrina” cominciano i primi bilanci di una stagione turistica, indubbiamente, tra le più difficili degli ultimi decenni. Assoturismo nazionale ha già quantificato i danni dei mesi di giugno e luglio a valere sulle imprese del settore turistico. La fotografia è quella di una situazione critica per molti territori e destinazioni turistiche, soprattutto per le città d’arte. I campeggi hanno fatto registrare complessivamente un meno 3,5 milioni di arrivi, meno 35% con una perdita stimata di oltre 23 milioni di pernottamenti, il turismo ferragostano registra 30 milioni di presenze, meno 11% rispetto allo scorso anno con relativo crollo della spesa, insomma numeri che si potevano certamente immaginare ma che hanno generato unitamente al calo dei consumi una notevole desertificazione economica, per le città d’arte in primis, ma anche per tante località e destinazioni turistiche montane, collinari o balneari che esse siano. Si riscopre la vacanza anni 60 e 70 rappresentata di fitto estivi in casa con amici e parenti, romantica certamente, ma trasferire questa rinnovata abitudine nel 2020 non è certamente facile. Molti numeri, tantissime presenze in tante località agostane, molto caos, molti affollamenti circa 20 milioni di persone hanno alloggiato in case sparse nella nostra penisola, seconde o terze case. Un dato sconvolgente se si pensa che nelle abitazioni private al mare si sono verificato i contagi più evidenti che hanno pregiudicato anche piccole comunità locali. “Questa esperienza drammatica deve aprire le porte ad una nuova e più forte azione collettiva per quanto riguarda l’ospitalità e l’accoglienza”, dichiara il presidente Provinciale Raffaele Esposito. “Come Assoturismo provinciale di Salerno abbiamo intenzione di rinnovare i concetti del turismo lento e consapevole, di quello esperienziale, attraverso nuovi incontri e seminari in digitale e possibilmente, in linea con le disposizioni sanitarie promuovendo lungo tutta la provincia salernitana incontri territoriali, per rafforzare il ruolo della formazione professionale anche attraverso il nostro nuovo Cescot, anche per “governare” meglio i soggiorni nel settore extralberghiero ed alberghiero – ha poi aggiunto Esposito – Puntiamo ad una ospitalità di qualità così come avviene spesso per i settori rappresentati dell’ospitalità e che sono spesso raccolti in reti territoriali ed in questo modo anche attraverso regolamenti interni condivisi riescono a garantire standard equilibrati di confort ed affidabilità per ospiti e territori di pertinenza. E’ questa la scommessa da vincere insieme e tutti, nessuno escluso, devono ritenersi non investiti dal malcostume purtroppo diffuso nel vedere decine di persone alloggiate magari in pochi mq di abitazioni spesso fatiscenti, quello della nostra associazione è un invito chiaro alle Pa di darsi da fare adesso, visto il poco personale a disposizione, per regolamentare gli arrivi nelle case vacanza, specie quelle “fantasma” sconosciute ai più, rifugio abituale di persone non identificate che puntualmente minacciano la quiete e l’armonia delle nostre piccole e meravigliose comunità salernitane”. Alla luce di ciò, Assoturismo intende formalizzare con le istituzioni salernitane una serie di focus territoriali per far capire a tutti che bisogna osservare regole al pari del settore alberghiero specie per quanto riguarda la certificazione e la identificazione delle persone che si ospitano nelle proprie case. Siamo determinati a combattere ogni forma di ospitalità abusiva perché spiace constatare che aumentano le segnalazioni su tutta la provincia di fenomeni di aggressioni, anche a vigili urbani, o di malcostume su spiagge e centri abitati. “Rafforzare la rete Assoturismo significa anche questo, suggerire ed affiancare la politica locale e sovracomunale, le istituzioni, per dettare le linee guida da seguire a garanzia del benessere e della vivibilità di tutti, se davvero si vuole puntare ad un turismo di qualità – ha dichiarato ancora il presidente Esposito – I nostri imprenditori ed i nostri operatori dell’accoglienza extraurbana di qualità, vero punto di forza delle nostre comunità specie quelle collinari e delle piccole località turistiche, hanno la voglia e la necessità di riavviare questo processo virtuoso e non devono essere “scomodati” soltanto nel momento in cui devono versare la tassa di soggiorno, spesso non concertata e condivisa adeguatamente negli scopi da perseguire con le associazioni di categoria, chi fa impresa chi opera nel settore turistico rispettando regole e regolamenti deve essere al centro di ragionamenti di governo del territorio dove opera e spesso vive assieme alla sua famiglia”. La rete Assoturismo Provinciale Salerno anche in un momento difficile come questo che stiamo vivendo riesce a catturare nuovi ed importanti imprenditori che rafforzano “le nostre politiche e le nostre proposte, proporremo incentivi e sistemi di premialità per i nuovi operatori che vorranno mettersi in regola, e soprattutto azioni di dialogo locali per regolamentare le prossime stagioni turistiche con l’autorevole voce delle imprese turistiche al centro – ha poi aggiunto Raffaele Esposito – Rafforzare ed innovare gli sportelli di “Turistici” con più soggetti qualificati all’interno, per gli stessi operatori, per i nuovi operatori e per le persone anziane proprietarie di case ed appartamenti, restie ad immettersi nell’era digitale, potrebbe essere davvero una nuova ed importante frontiera da perseguire per puntare insieme alla qualità ed al rispetto dei regolamenti locali e soprattutto, se gestiti da personale qualificato e proveniente dal mondo dell’accoglienza, potrebbero essere fondamentali per gli aspetti della comunicazione all’utenza turistica. Abbiamo visto con le varie ordinanze sanitari e regionali che comunicare in maniera chiara e lineare all’esterno le regole da seguire da parte degli utenti che sceglieranno le varie destinazioni risulta un aspetto essenziale e spesso vincente”. Da qui la necessità di puntare, per evidenti contingenze, meno agli affollamenti ed al caos e rendere sempre più vivibili le città e le comunità, con questi accorgimenti avremo anche località più sicure per i cittadini residenti e per tutti gli ospiti. “L’estate settembrina, che speriamo con il conforto del meteo e dell’apertura posticipata delle scuole come richiesto da Confesercenti, dove tanti di noi ritrovano spazi vitali sottratti dalla folla e dalle necessità anche giuste di una economia turistica, deve poterci dare il giusto “fosforo” per porre in essere ed in sinergia con le istituzioni una adeguata e speriamo concertata e condivisa azione territoriale per il governo del turismo salernitano. Proprio per questo Assoturismo Confesercenti provinciale di Salerno continuerà la propria azione territoriale per la crescita ed il rafforzamento della propria rete imprenditoriale”, ha detto infine Esposito. (Cronache)

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, varata la nuova formula ed il calendario: gironcino di ferro per la RN Salerno

Il campionato di Pallanuoto maschile di serie A1 inizierà il 7 novembre. Confermata la formula condivisa da federazione e società nel corso delle riunioni che si...

Copriifuoco alle 23, rientro in casa entro le 23.30: il testo integrale della nuova ordinanza firmata VDL

D’intesa con il Ministro della Salute, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l’Ordinanza n. 83 che contiene ulteriori misure di...

Coronavirus, salgono a 90 i casi nel salernitano: aumento progressivo nel capoluogo

Sono 90 i nuovi casi di positivita’ al COVID-19 registrati ieri in provincia di Salerno. I nuovi casi sono emersi da 954 tamponi processati nei laboratori...

Prima Categoria, la stagione della Pol. Baronissi inizia con due pareggi in campionato e Coppa

Inizia con due 1-1 consecutivi la stagione ufficiale della Pol.Baronissi. Nella prima giornata di campionato (girone F), i ragazzi di mister Avellino impattano con l'F3 Nuceria...

Screening gratuito per il controllo della vista ad opera del Lions Club "Hippocratica Civitas"

Giornata dedicata alla prevenzione con i Lions “Salerno Hippocratica Civitas”, di cui è presidente la prof. Rosalba Agresti. Il service si svolto presso la...

Coppa Promozione, il punto: al turno successivo anche Temeraria e Giffonese

Si è disputata con la consueta frammentazione, aggravata dal Covid, la terza giornata (o in alcuni casi gare di ritorno) del primo turno preliminare della Coppa Campania...

Salernitana, caso Covid nella Primavera: sfida di Lecce verso il rinvio

Doccia gelata in casa Salernitana Primavera dopo il rotondo successo con la Reggina al cui interno erano emersi casi di Covid poche ore dopo il match del "Volpe". Questa mattina...

Mezzo milione di mascherina non a norma sequestrate nel Porto di Salerno

Nei giorni scorsi, durante le ordinarie attività di controllo finalizzate al contrasto dei traffici illeciti, i Funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Salerno...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?