Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

"Coscienza sociale" e la rinascita socio-economica di Battipaglia

07/05/2020

Di seguito viene pubblicata una lettera a firma dell'Avv.Maecello Capasso, Coordinatore di "Coscienza sociale"

Per la rinascita socio-economica della Città di Battipaglia

 

L’evoluzione dell’emergenza sanitaria ingenerata dal Covid-19, con l’allentarsi delle situazioni di contagio ed il relativo ripristino delle condizioni di fruibilità degli spazi pubblici situazioni di contagio ed il relativo ripristino delle condizioni di fruibilità degli spazi pubblici, dischiude scenari a dir poco problematici per la vita socio-economica della Città di Battipaglia, nell’ambito della grande crisi che ha investito diversi settori produttivi del Paese.

Il laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale” da anni attivo nell’Azione Cattolica della Parrocchia S. Antonio di Padova ritiene che l’attuale circostanza, fortemente inficiata da precarietà e incertezze, imponga a tutti gli attori istituzionali ed associativi locali la necessità di compiere uno sforzo comune che favorisca la rinascita cittadina.

In questi mesi, l’Amministrazione comunale ha previsto la sospensione del pagamento dei parcheggi e dei tributi locali; ha promosso iniziative come “La spesa solidale” ed “Il farmaco sospeso”. Ha altresì dato attuazione alle misure economiche statali e regionali. Ora è tempo di sostenere le realtà produttive e commerciali in difficoltà e, soprattutto, quelle che non hanno ancora ripreso l’attività ordinaria. Si pensi, tra le altre, al mercato cittadino, ai barbieri e ai parrucchieri, ai centri estetici e terapeutici, ai lidi balneari, i centri polisportivi, alle ludoteche e alle imprese edili. Sia ad esse dedicata la costituzione di un Fondo Covid.

In ordine al mercato rionale e settimanale di via Volturno e via Barassi, da decenni riconosciuto e frequentato dai battipagliesi come fulcro del commercio popolare, c’è la necessità di determinare le risorse finanziarie da destinare alla realizzazione di una struttura coperta, più stabile e sicura.

Nel rispetto delle misure precauzionali imposte dal persistere della pandemia, potrebbero essere ampliati i posteggi per distanziare i venditori ambulanti, senza aggravio di costi per gli stessi; potrebbero essere individuati altri luoghi all’aperto nei Quartieri urbani per svolgervi attività di compravendita ulteriori; si potrebbe in via temporanea ed eccezionale prevedere una articolazione in zone dell’area mercatale.

Le attività che si occupano della cura del corpo, dei trattamenti di bellezza e di terapie riabilitative sono evidentemente tra le più colpite dalla crisi economica innescata da quella sanitaria. È il caso forse che l’Amministrazione comunale inizi a pensare anche alla loro riduzione e a sovvenzionare tali attività concedendo bonus per fitti di locazione e per spese varie, in ogni caso documentate, che prescindano da quelli previsti dalle associazioni di categoria.

È noto inoltre che la pratica sportiva ha un’importanza fondamentale soprattutto per lo sviluppo ed il benessere psico-fisico dei bambini e dei ragazzi. È giunto il momento di allestire in ogni Quartiere un luogo di ritrovo in cui si possa liberamente giocare. L’Amministrazione comunale preveda risorse finanziarie per indennizzare le Associazioni sportive operanti in città delle perdite subite dalla sospensione totale delle attività ordinarie.

Le ludoteche svolgono, dal canto loro, una funzione sussidiaria non irrilevante per le famiglie, sostenendole nell’accudimento dei figli laddove riesca difficile conciliare i tempi del lavoro con quelli della vita. Anche in tal caso, la riduzione dei tributi e la concessione di un indennizzo potrebbero di certo agevolare la ripresa e la stabilità delle prestazioni.

Nel periodo emergenziale, si è fermata anche l’edilizia: le imprese, ad iniziare dalle medie e piccole, versano in uno stato di sofferenza che potrebbe essere alleviata con la velocizzazione dell’apertura dei cantieri pubblici già previsti e finanziati, nonché con la previsione di bandi per lavori di ammodernamento rispetto alla normativa Covid degli istituti scolastici.

Sarebbe infine opportuno investire risorse significative per sostenere la connettività pubblica e privata, nel rispetto dell’ambiente cittadino, per facilitare non solo lo svolgimento delle lezioni a distanza tra le mura domestiche, ma anche per promuovere reti di vendita online da parte degli esercizi commerciali della città.

È chiaro che l’Amministrazione comunale è oggi chiamata a fare i conti con le sole risorse disponibili in bilancio, ma non è irrealistico pensare che il Fondo Covid possa essere finanziato tra l’altro con:

una quota dei rimborsi spettanti ai membri in carica del Consiglio e della Giunta comunale;
una quota dei bonus premiali destinati ai Dirigenti P.A. in forza del D. Lgs. 150/2009;
una quota dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie;
una quota pari al 5/1000 dell’imposta IRPEF da versare con la Dichiarazione dei Redditi 2020.
Sarebbe opportuno creare una rete tra l’Amministrazione e le Associazioni attive nella promozione del bene comune. Il laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale” resta a disposi


Per la rinascita socio-economica della Città di Battipaglia

L’evoluzione dell’emergenza sanitaria ingenerata dal Covid-19, con l’allentarsi delle situazioni di contagio ed il relativo ripristino delle condizioni di fruibilità degli spazi pubblici situazioni di contagio ed il relativo ripristino delle condizioni di fruibilità degli spazi pubblici, dischiude scenari a dir poco problematici per la vita socio-economica della Città di Battipaglia, nell’ambito della grande crisi che ha investito diversi settori produttivi del Paese.

Il laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale” da anni attivo nell’Azione Cattolica della Parrocchia S. Antonio di Padova ritiene che l’attuale circostanza, fortemente inficiata da precarietà e incertezze, imponga a tutti gli attori istituzionali ed associativi locali la necessità di compiere uno sforzo comune che favorisca la rinascita cittadina.

In questi mesi, l’Amministrazione comunale ha previsto la sospensione del pagamento dei parcheggi e dei tributi locali; ha promosso iniziative come “La spesa solidale” ed “Il farmaco sospeso”. Ha altresì dato attuazione alle misure economiche statali e regionali. Ora è tempo di sostenere le realtà produttive e commerciali in difficoltà e, soprattutto, quelle che non hanno ancora ripreso l’attività ordinaria. Si pensi, tra le altre, al mercato cittadino, ai barbieri e ai parrucchieri, ai centri estetici e terapeutici, ai lidi balneari, i centri polisportivi, alle ludoteche e alle imprese edili. Sia ad esse dedicata la costituzione di un Fondo Covid.

In ordine al mercato rionale e settimanale di via Volturno e via Barassi, da decenni riconosciuto e frequentato dai battipagliesi come fulcro del commercio popolare, c’è la necessità di determinare le risorse finanziarie da destinare alla realizzazione di una struttura coperta, più stabile e sicura.

Nel rispetto delle misure precauzionali imposte dal persistere della pandemia, potrebbero essere ampliati i posteggi per distanziare i venditori ambulanti, senza aggravio di costi per gli stessi; potrebbero essere individuati altri luoghi all’aperto nei Quartieri urbani per svolgervi attività di compravendita ulteriori; si potrebbe in via temporanea ed eccezionale prevedere una articolazione in zone dell’area mercatale.

Le attività che si occupano della cura del corpo, dei trattamenti di bellezza e di terapie riabilitative sono evidentemente tra le più colpite dalla crisi economica innescata da quella sanitaria. È il caso forse che l’Amministrazione comunale inizi a pensare anche alla loro riduzione e a sovvenzionare tali attività concedendo bonus per fitti di locazione e per spese varie, in ogni caso documentate, che prescindano da quelli previsti dalle associazioni di categoria.

È noto inoltre che la pratica sportiva ha un’importanza fondamentale soprattutto per lo sviluppo ed il benessere psico-fisico dei bambini e dei ragazzi. È giunto il momento di allestire in ogni Quartiere un luogo di ritrovo in cui si possa liberamente giocare. L’Amministrazione comunale preveda risorse finanziarie per indennizzare le Associazioni sportive operanti in città delle perdite subite dalla sospensione totale delle attività ordinarie.

Le ludoteche svolgono, dal canto loro, una funzione sussidiaria non irrilevante per le famiglie, sostenendole nell’accudimento dei figli laddove riesca difficile conciliare i tempi del lavoro con quelli della vita. Anche in tal caso, la riduzione dei tributi e la concessione di un indennizzo potrebbero di certo agevolare la ripresa e la stabilità delle prestazioni.

Nel periodo emergenziale, si è fermata anche l’edilizia: le imprese, ad iniziare dalle medie e piccole, versano in uno stato di sofferenza che potrebbe essere alleviata con la velocizzazione dell’apertura dei cantieri pubblici già previsti e finanziati, nonché con la previsione di bandi per lavori di ammodernamento rispetto alla normativa Covid degli istituti scolastici.

Sarebbe infine opportuno investire risorse significative per sostenere la connettività pubblica e privata, nel rispetto dell’ambiente cittadino, per facilitare non solo lo svolgimento delle lezioni a distanza tra le mura domestiche, ma anche per promuovere reti di vendita online da parte degli esercizi commerciali della città.

È chiaro che l’Amministrazione comunale è oggi chiamata a fare i conti con le sole risorse disponibili in bilancio, ma non è irrealistico pensare che il Fondo Covid possa essere finanziato tra l’altro con:

una quota dei rimborsi spettanti ai membri in carica del Consiglio e della Giunta comunale;
una quota dei bonus premiali destinati ai Dirigenti P.A. in forza del D. Lgs. 150/2009;
una quota dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie;
una quota pari al 5/1000 dell’imposta IRPEF da versare con la Dichiarazione dei Redditi 2020.
Sarebbe opportuno creare una rete tra l’Amministrazione e le Associazioni attive nella promozione del bene comune. Il laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale” resta a disposi


Per la rinascita socio-economica della Città di Battipaglia

L’evoluzione dell’emergenza sanitaria ingenerata dal Covid-19, con l’allentarsi delle situazioni di contagio ed il relativo ripristino delle condizioni di fruibilità degli spazi pubblici situazioni di contagio ed il relativo ripristino delle condizioni di fruibilità degli spazi pubblici, dischiude scenari a dir poco problematici per la vita socio-economica della Città di Battipaglia, nell’ambito della grande crisi che ha investito diversi settori produttivi del Paese.

Il laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale” da anni attivo nell’Azione Cattolica della Parrocchia S. Antonio di Padova ritiene che l’attuale circostanza, fortemente inficiata da precarietà e incertezze, imponga a tutti gli attori istituzionali ed associativi locali la necessità di compiere uno sforzo comune che favorisca la rinascita cittadina.

In questi mesi, l’Amministrazione comunale ha previsto la sospensione del pagamento dei parcheggi e dei tributi locali; ha promosso iniziative come “La spesa solidale” ed “Il farmaco sospeso”. Ha altresì dato attuazione alle misure economiche statali e regionali. Ora è tempo di sostenere le realtà produttive e commerciali in difficoltà e, soprattutto, quelle che non hanno ancora ripreso l’attività ordinaria. Si pensi, tra le altre, al mercato cittadino, ai barbieri e ai parrucchieri, ai centri estetici e terapeutici, ai lidi balneari, i centri polisportivi, alle ludoteche e alle imprese edili. Sia ad esse dedicata la costituzione di un Fondo Covid.

In ordine al mercato rionale e settimanale di via Volturno e via Barassi, da decenni riconosciuto e frequentato dai battipagliesi come fulcro del commercio popolare, c’è la necessità di determinare le risorse finanziarie da destinare alla realizzazione di una struttura coperta, più stabile e sicura.

Nel rispetto delle misure precauzionali imposte dal persistere della pandemia, potrebbero essere ampliati i posteggi per distanziare i venditori ambulanti, senza aggravio di costi per gli stessi; potrebbero essere individuati altri luoghi all’aperto nei Quartieri urbani per svolgervi attività di compravendita ulteriori; si potrebbe in via temporanea ed eccezionale prevedere una articolazione in zone dell’area mercatale.

Le attività che si occupano della cura del corpo, dei trattamenti di bellezza e di terapie riabilitative sono evidentemente tra le più colpite dalla crisi economica innescata da quella sanitaria. È il caso forse che l’Amministrazione comunale inizi a pensare anche alla loro riduzione e a sovvenzionare tali attività concedendo bonus per fitti di locazione e per spese varie, in ogni caso documentate, che prescindano da quelli previsti dalle associazioni di categoria.

È noto inoltre che la pratica sportiva ha un’importanza fondamentale soprattutto per lo sviluppo ed il benessere psico-fisico dei bambini e dei ragazzi. È giunto il momento di allestire in ogni Quartiere un luogo di ritrovo in cui si possa liberamente giocare. L’Amministrazione comunale preveda risorse finanziarie per indennizzare le Associazioni sportive operanti in città delle perdite subite dalla sospensione totale delle attività ordinarie.

Le ludoteche svolgono, dal canto loro, una funzione sussidiaria non irrilevante per le famiglie, sostenendole nell’accudimento dei figli laddove riesca difficile conciliare i tempi del lavoro con quelli della vita. Anche in tal caso, la riduzione dei tributi e la concessione di un indennizzo potrebbero di certo agevolare la ripresa e la stabilità delle prestazioni.

Nel periodo emergenziale, si è fermata anche l’edilizia: le imprese, ad iniziare dalle medie e piccole, versano in uno stato di sofferenza che potrebbe essere alleviata con la velocizzazione dell’apertura dei cantieri pubblici già previsti e finanziati, nonché con la previsione di bandi per lavori di ammodernamento rispetto alla normativa Covid degli istituti scolastici.

Sarebbe infine opportuno investire risorse significative per sostenere la connettività pubblica e privata, nel rispetto dell’ambiente cittadino, per facilitare non solo lo svolgimento delle lezioni a distanza tra le mura domestiche, ma anche per promuovere reti di vendita online da parte degli esercizi commerciali della città.

È chiaro che l’Amministrazione comunale è oggi chiamata a fare i conti con le sole risorse disponibili in bilancio, ma non è irrealistico pensare che il Fondo Covid possa essere finanziato tra l’altro con:

una quota dei rimborsi spettanti ai membri in carica del Consiglio e della Giunta comunale;
una quota dei bonus premiali destinati ai Dirigenti P.A. in forza del D. Lgs. 150/2009;
una quota dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie;
una quota pari al 5/1000 dell’imposta IRPEF da versare con la Dichiarazione dei Redditi 2020.
Sarebbe opportuno creare una rete tra l’Amministrazione e le Associazioni attive nella promozione del bene comune. Il laboratorio socio-politico “Coscienza Sociale” resta a disposizione per condividere un percorso volto al dialogo ed alla progettualità, al confronto ed alla solidarietà, nella ricerca delle soluzioni più idonee al rilancio della vita socio-economica battipagliese.

Marcello Capasso (Coordinatore Coscienza Sociale)

 

Stefano Pignataro - Rassegna - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Parroco vende ripetitore Tv: il vescovo Andrea Bellandi chiamato in Tribunale

Un sacerdote, don Francesco Rimauro, ha venduto il ripetitore costruito da TeleSpazio1 Informazioni nel 1989, a seguito dell’autorizzazione della Curia Arcivescovile di...

Cava de' Tirreni, Mediateca chiusa: salta il piano Metellia

Un lucchetto al cancello di uno degli edifici storici simbolo del Borgo Grande ricorda che da oltre un anno la Mediateca di Corso Umberto I è chiusa. Non si sa ancora...

Farmaci senza bandi: "Affidamenti diretti dal Cfi pure nel 2021"

Medicinali e altri prodotti farmaceutici per un totale di 18 milioni di euro acquistati attraverso degli affidamenti diretti a fornitori e aziende produttrici. È la...

Eboli, concorsi pilotati: parte civile anche una delle partecipanti

Concorsi pubblici pilotati ed autorizzazioni per amici e parenti ad Eboli e Cava de’ Tirreni: il comune di Eboli e di Cav de’Tirreni si costituiscono parte civile....

Caso Riba Sud, Capezzuto (CGIL): "In corso azione giudiziaria per stabilire e accertare danno subito dai lavoratori, siamo al loro fianco"

È passato ormai un anno dall'ultimo pagamento dello stipendio da parte della Progetto Service ai 14 lavoratori ex dipendenti dell'azienda battipagliese Riba Sud. I...

Salerno, occupano casa in centro per consumare droga

 Carabinieri della Stazione di Salerno Principale, sempre attivi all’interno del centro del capoluogo, conducono quotidianamente pattugliamenti automontati e...

Pallanuoto, la RN Salerno sfiora l'impresa, rischia la beffa e inguaia l'Ortigia: alla "Vitale" finisce con un pazzesco pareggio

La RN Salerno saluta per quest'inedita stagione la "Vitale" con il rammarico di non poter brindare a tre punti che sarebbero stati meritati ma con la consapevolezza di aver...

Pasqua, pranzo col virus: 16 contagiati a Capaccio

Non hanno voluto rinunciare a trascorrere le festività pasquali con i parenti e insieme a loro ha festeggiato anche il Covid. Due famiglie numerose di Capaccio Paestum,...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?