Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Talenti all’estero, Katio Landi: “In Spagna cresciuto come uomo e calciatore. Sto bene ma in futuro potrei ritornare”

04/05/2020

Giocare, crescere e maturare lontano dalla tua terra non è per niente facile. Il lato positivo delle esperienze all’estero, però, risiede nella capacità di temprare e fortificare il carattere. Un classico esempio di ciò è Katio Landi centrocampista offensivo del Sabadell. La formazione, della terza città per importanza della Catalogna, milita nel campionato di Segunda Division B in Spagna e ha una grande storia alle spalle. Il ragazzo di 28 anni originario di Cava de' Tirreni gioca in un campionato che equivale alla nostra Lega Pro ma con un risalto maggiore. Il giovane metelliano è il tipico mancino, dotato di buona qualità e rapidità. Le sue doti le ha confermate ai nostri microfoni dove non esclude un ritorno a casa.

Katio, innanzitutto dicci come stai e com’è la situazione in Spagna? Anche voi avete adottato lo smart working dopo lo sospensione dei campionati? Qui in Spagna stiamo bene, anche se siamo chiusi in casa da tempo, un po’ come è successo in Italia. Come tante squadre ci stiamo allenando via skype in videoconferenza. Stiamo alternando i giorni ma ci alleniamo in maniera costante per mantenere il ritmo. Anche l’alimentazione è controllata e riservano molta attenzione nel rispettare i controlli di prevenzione per evitare la contrazione del virus. C’è molta scrupolosità in vista di un’eventuale ripesa dei campionati.

Ci sono delle differenze sia a livello calcistico sia nell’ambito culturale tra Spagna e Italia? Non c’è tanta differenza a livello calcistico tra i due paesi. Il livello di Segunda Division B è simile a quello della Lega Pro italiana. Ci sono tante buone squadre sparse tra i vari gironi. L’unico prestigio in più, forse, è rappresentato dalla presenza delle squadre B delle big della Liga. Nel nostro girone, per esempio, sono presenti sia il Barcellona B che l’Espanyol B. Giocare contro il Barça B è spettacolare per via delle loro strutture, dei loro campi e del seguito dei tifosi. Una marcia in più, di certo, è data dagli sponsor. La Segunda Division B è molto più sponsorizzata a livello di marketing rispetto alla Lega Pro italiana. Il giocatore di categoria superiore ha i suoi contatti e i suoi sponsor. Quest’anno ho avuto come sponsor Nissan che ho avuto il piacere di rappresentare anche alla finale di Champions League. Di sicuro è più difficile attirare certi sponsor in Italia nelle categorie inferiori.

Senti a volte la nostalgia del nostro paese e ti piacerebbe ritornare? Mi piacerebbe tanto tornare in Italia dopo tanti anni di gavetta fuori. Finora, infatti, ero sempre stato in squadre cosiddette piccole fino a due anni a questa parte quando sono giunto al Sabadell. Si tratta di una formazione di spessore in Spagna e con una grande storia alle spalle con 40 campionati di serie B e 14 di serie A. Per fare un paragone con l’Italia potremmo metterla a confronto con squadre come Catania, Foggia o Lecce. Ho fatto questo piccolo salto di qualità e dopo tanta gavetta sarebbe bello giocarmi le mie carte nel nostro paese e aprirmi al mercato italiano.

Qual è la partita più emozionante che hai affrontato? La partita più bella che ho giocato è stata forse un paio di stagioni fa contro il Barcellona B. Quell’occasione fu l’esordio questa formazione e la ricordo come una grande esperienza.

Tra i tuoi progetti futuri prevedi un tuo ritorno in Italia, dato che si è parlato di te in orbita Cavese, tua ex squadra? Premettendo che sto bene in Spagna non ti nego che tornare in Italia sarebbe destinazione gradita. Non ti nego che c’è stato un interessamento da parte di un team della Serie A di Malta. Potrebbe essere una bella esperienza dato che si vanno ad affrontare preliminari di Champions o Europa League. Per il futuro continuo a far parte del Barça Innovation Hub, ossia la parte accademica del Barcellona, dove sono in pochi ad entrare e di questo mi reputo fortunato. Vorrei continuare con loro, studiando la loro tattica e altro. Per il momento ho preso un master ma ho messo in stand-by la cosa perché non è ancora il momento di affondare su quest’ambito. 

Cosa ti stanno insegnando queste esperienze all’estero? Per quanto riguarda la mia vita in Spagna mi sento cresciuto: all’inizio parlavo solo italiano mentre ora parlo 5 lingue. Sono cresciuto sul piano caratteriale e anche a livello di personalità nello spogliatoio. Forse, però, è arrivato il momento di tornare (sorride ndr).

Tag: Spagna, Cavese,
Emanuele Landi - Sport - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, Under 20 femminile: definiti gironi e sedi delle Semifinali nazionali

Si terranno il 30 e 31 maggio i quattro concentramenti di Semifinale nazionale per quanto concerne la fase conclusiva del campionato Under 20 femminile che porterà...

Pallanuoto, Settebello tra Trieste e la Croazia in vista dei Mondiali: 18 convocati in collegiale

Partirà il 6 per concludersi il 16 giugno da Trieste la preparazione del Settebello per i Mondiali di Budapest, al via il 18 giugno, con gli azzurri che esordiranno il 21...

Salerno, scoppia il caso telecamere di videosorveglianza

Per quanti occhi elettronici siano dispiegati sul territorio cittadino «il Comune non ha alcun controllo sulle telecamere di videosorveglianza». È la...

La Guardia di Finanza sequestra circa 400 capi griffati contraffatti

Circa 400 capi di abbigliamento sono stati sequestrati nel mercato rionale di Cava de' Tirreni con i marchi di note griffe della moda, tutti contraffatti, per un valore di circa...

Salerno, cambia la differenziata: niente sacconi neri

I facilitatori selezionati da Salerno Pulita stanno già suonando ai campanelli dei condomini dell’intero territorio della città d’Arechi per consegnare...

"Salerno Barocca": IV Appuntamento nella Chiesa di San Giorgio

Salerno Barocca: around la scuola napoletana
Lunedì 23 maggio IV appuntamento della stagione concertistica “In cordis cordae” promossa...

Nas Salerno, più di 500 ispezioni dall'inizio del 2022: sequestri da oltre 5 milioni

Sono 522 le ispezioni eseguite dai Carabinieri del Nas di Salerno nei primi quattro mesi del 2022. Sanità pubblica e privata, rispetto della normativa anti Covid,...

Torna a Battipaglia ed a Eboli il teatro dei Burattini della Famiglia Ferraiolo

È una tradizione che si tramanda da padre a figlio dà 162 anni, la famiglia Ferraiolo è testimone indiscussa a livello mondiale del teatro dei burattini....
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?