Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Michela, giovane medico salernitano in Umbria: "Modificato l'approccio alla cura ma non il principio che la guida. Noi parte attiva di un cambiamento"

23/04/2020

Lontani da casa, dagli affetti familiari ma vicini ai pazienti, vicini alla partita più importante che l'Italia (ed il Mondo) stanno vivendo. I giovani medici stanno affrontando sin dalle prime battute gli impegni più delicati della loro carriera con professionalità, voglia di crescere ed imparare ma soprattutto di aiutare i loro colleghi più esperti. E' il caso, ad esempio, della giovane salernitana Michela Di Matteo, impegnata attualmente in Umbria e specializzanda in Cardiologia: "Già dai primi anni universitari mi aveva affascinato lo studio del cuore e i sottili meccanismi con cui regola il ritmo di tutto il nostro corpo - spiega ai nostri microfoni - L'incontro con il prof. Federico Piscione, all'epoca Direttore della Scuola di Specializzazione in Cardiologia, è stato fondamentale al fine di accrescere giorno dopo giorno l'interesse per la materia. Così dopo il superamento dell'esame di cardiologia, iniziai l'internato nel suo dipartimento anche da studentessa. Dopo la laurea, ho superato il concorso nazionale per la specializzazione, continuando il mio percorso formativo a Perugia".

Ma come è cambiato all'approccio alla disciplina per una giovane ai tempi del Coronavirus?: "La pandemia sta cambiando ed in parte ha già cambiato il nostro modo di vivere e lavorare. Per noi medici l'unico obiettivo è sempre stato quello di agire secondo scienza e coscienza al fine di assicurare le migliori cure possibili ai nostri pazienti. Al tempo del Coronavirus abbiamo modificato l'approccio alla cura ma non il principio che la guida. Le difficoltà principali sono nate dalla necessità di reinventare un sistema in grado di assicurare dei percorsi specializzati per ogni tipologia di paziente in cui, a tutti (sia operatori sanitari che pazienti) possa essere garantita la massima sicurezza. Noi giovani medici abbiamo assistito e siamo parte attiva di questo cambiamento".

Dopo la maturità classica al "Tasso", Michela ha sempre denotato grande passione ed abnegazione nei confronti della materia in tutte le sue sfaccettature: "L'organizzazione del lavoro è un punto fondamentale soprattutto in ambito sanitario - continua - Ogni realtà è diversa da un'altra, per cui il giudizio deve essere il risultato di molteplici fattori. Quello che ho imparato lavorando è che le risorse rappresentano uno snodo fondamentale, ma senza gli strumenti idonei e la corretta gestione, non sono sufficienti. Attualmente, da specializzanda, sto lavorando nell'Ospedale di riferimento regionale umbro ed ho avuto l'opportunità di confrontarmi con una modalità lavorativa sistemizzata e ben strutturata in cui, nonostante le non poche difficoltà gestionali, l'obiettivo principale è quello di creare dei percorsi specifici per ogni tipologia di paziente e far si che vengano messi in pratica. Ogni operatore del settore sanitario, in quest'ottica, svolge un ruolo chiave. Siamo stati pronti ad adattarci alle nuove modalità professionali imposte dal sistema".

In Umbria si lavora bene ma la Campania non è da meno: "La mia Regione è sempre stata ricca di eccellenze in campo medico e di questo sono molto orgogliosa, le misure messe in atto prontamente dalla Campania hanno permesso un contenimento netto del fenomeno epidemico, alcuni dei nostri Ospedali come il "Cotugno" sono diventati esempio a livello internazionale. La sanità italiana sta affrontando una durissima prova che, al contempo, sta portando alla luce molteplici lacune note da anni come la carenza di personale sanitario e l'importanza di una Salute pubblica e non privatizzata. In questo periodo è risultato evidente come la prevenzione rappresenti il cardine di una buona medicina. Così come l'organizzazione della medicina territoriale acquisti un significato cruciale per evitare sovraccarico delle strutture ospedaliere e svolgere un attento monitoraggio dei microfocolai".

In conclusione: "L'obiettivo dovrebbe essere, dunque, quello di innovazione di modelli sanitari pubblici, con la creazione di nuovi ambienti lavorativi in cui venga implementato il ruolo della medicina del territorio". 

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Traffico di anfetamine, il Porto di Salerno snodo cruciale per lo spaccio

Gioia Tauro è l’hub della cocaina in Italia, dove è arrivato il 50% di questo stupefacente; Salerno invece è la porta di ingresso di anfetamine da...

Salernitana, un compleanno in chiaroscuro

Si è stati “zitt” per troppo tempo che si attendeva davvero questa data per poter sprigionare ulteriormente quella gioia e quell’amore che solo i...

De Luca show contro i festival: "Darei due anni di carcere al creativo di Salerno Letteratura". E riscoppia la polemica con Saviano

E’ un De Luca molto critico quello che ieri ha concluso la diretta social del venerdì. Un De Luca critico soprattutto nei confronti dei festival e degli eventi...

Salerno, restyling per la spiaggia libera del lungomare Tafuri

Completati gli interventi di rimozione dei massi e di livellamento della sabbia sulla nuova spiaggia libera del lungomare Tafuri. Lo ha annunciato il sindaco di Salerno,...

Al via la seconda Giornata mondiale del Cinema italiano

Rimettere le ali al Cinema italiano attraverso i suoi giovani e migliori talenti, partendo dalla scena nazionale e proiettandoli nel panorama internazionale. Con questo...

Salerno Capitale Mediterranea della Moda, tornano gli Italian Fashion Talent Awards

È fissata per il 23 e 24 giugno 2021 la quinta edizione di Italian Fashion Talent Awards (Iftawards) il contest organizzato da IFTA (Independent Fashion Talent...

Pallavolo, la Salerno Guiscards ospita l'Accademia Benevento già certa di un posto in finale per la B2

In una stagione particolare e singolare, non poteva che arrivare in maniera altrettanto strana l’atteso e meritato verdetto. Grazie ai risultati maturati nel turno...

Rubato il defibrillatore dell’associazione La Panchina

Divelto, rubato, portato via. Non c’è più il defibrillatore ad Altavilla Silentina donato dall’associazione la Panchina di Albanella alla piccola...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?