Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Da Salerno a Cava, ristoratori sul piede di guerra: "Non apriamo, è una presa in giro"

23/04/2020

di Adriano Rescigno

Ripartono le attività di ristorazione e bar ma solo per le consegne a domicilio. La decisione del presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, divide e agli occhi della maggior parte degli esercenti appare anzi sconveniente. Bar aperti dunque dalle 07.00 alle 14.00 potranno lavorare da lunedì 27 al 3 maggio solo tramite l'asporto con prenotazioni online e telefoniche. Stessi tempi e modalità per i ristoranti e pizzerie che saranno aperti dalle 18.00 (dalle 16.00 se si contano i tempi di preparazione) alle 22.00, ma c'è chi pare aver "gettato la spugna" e dice a tutti "arrivederci al 2021", come – ad esempio - il “Freskoni” a Cava de' Tirreni. "E' una presa in giro questa ordinanza - dice Alfonso Galdi, titolare del Bar Marconi a Cava - io non apro". Galdi dunque non riaprirà la sua saracinesca: "Accendere la macchina per i caffè al mattino comporta una spesa di quasi 500 euro al mese in energia elettrica e con il lavoro solo d'asporto nemmeno quelli si coprono. Chi amministra, si tutela - dice Galdi - ma ha uniformato la direttiva per tutte le attività che hanno a che fare con cibi e bevande quando andava differenziata. Per noi baristi i costi aumentano solo e nessun aiuto concreto ci è stato dato oltre ai 2000 euro regionali che chissà quando arriveranno ed i 600 euro del Governo. Bisogna far poi i conti con i padroni dei locali di quanti sono in affitto. Io sono stato fortunato ad aver trovato un locatore che ha capito il momento, ma gli altri? Prima o poi dovranno pagare e molti non ce la faranno. Ripartire così è impossibile. Io non riapro".

Passando invece al lato della ristorazione, a non riaprire, è la catena di ristoranti metelliani "Delicious" di Pasquale e Vincenzo Falcone che attenderà il 4 maggio. "Il calcolo è semplice - dice Falcone - per una pizza d'asporto ci vuole una catena di 5 persone in attività minimo tra pizzaioli, cucina e al banco, lavorando dalle 18.00 alle 22.00 quante pizze potremmo mai servire? Una ventina, quindi un incasso di 250 euro in media, che non ripagherebbero nemmeno il Personale a lavoro, quindi fino al 4 staremo fermi. Ma poi - continua - dalle 18.00 alle 22.00, che gli facciamo fare merenda ai clienti? Hanno arronzato, ci sta poco da commentare". Con i dipendenti attualmente in cassa integrazione però la catena di ristoranti diventata celebre in tutta la regione non ha intenzione di licenziare nessuno: "E' un momento critico - conclude il titolare e regista - le attività vanno avanti grazie ad uno staff di quasi 100 persone e non abbiamo intenzione di licenziare nessuno, rimarremo aperti anche di lunedì, si lavorerà a rotazione, ma nessuno verrà licenziato".

A meditare su una possibile chiusura anche la pizzeria salernit a n a "GiàGiù": "E' da valutare - dice il co-titolare Andrea Giannattasio - la riapertura tenendo in conto due fattori fondamentali: affitto e manodopera. Chi nasce come attività d'asporto ripartirà senza problemi ma gli altri come faranno con così poche ore di lavoro al giorno a pagare le spese? Ci vorrebbe almeno una dilatazione degli orari nel week-end con apertura fino alla mezzanotte oppure lavorare, sempre d'asporto, a pranzo".

"Non immaginiamo e soprattutto non ce la sentiamo di stare con la porta aperta e veder passare i nostri clienti, amici che vorranno salutarci e non potremmo neanche uscire per ricambiare. Non ce la sentiamo di rifiutare richieste che potrebbero esserci alla porta per due motivi - spiegano Alessio e Cristian Ferrara, titolari del Bar Kim 2.0 a Salerno - In primis non vogliamo contravvenire alla legge, rischiando di incappare in errori plausibili. In secondo luogo non è nostro costume negare un caffè a chi ogni giorno ha provveduto al nostro sostentamento. Lo sappiamo, può sembrare un ragionamento contorto, forse troppo altruista, ma non vogliamo infrangere leggi ne rompere rapporti creati con il nostro essere semplici e un po' banali. Come lo spieghiamo ora a chi davamo un caffè in regalo perché non poteva permetterselo; come spieghiamo a quelli a cui regalavamo una pizzetta che non possiamo perché la legge non lo permette. E così via. Non vogliamo deludere nessuno ne vogliamo illudere chi crede in noi".

Con perdite per diverse centinaia di migliaia di euro a salutare amaramente il 2020, dando l'arrivederci al 2021 è il "Freskoni", locale simbolo della movida di Cava de' Tirreni. "Per l'asporto ci vuole una organizzazione che non abbiamo - dice Marco Rovezzi - non ne vale la pena e i costi sono elevati. Se lo Stato troverà qualche forma di agevolazione, un aiuto concreto, allora sarà possibile ipotizzare l'apertura anche per il prossimo autunno, per ottobre, rispettando tutti i precetti in termini di pubblica salute, come l'ultima nostra serata del 7 marzo, dove sono entrate solo 40 persone. Con gli aiuti giusti potremmo dare risposte serie anche ai nostri 18 dipendenti, altrimenti, nella speranza che si trovi un vaccino, riapriremo nel 2021".

Saracinesca che rimane abbassata anche in piazza Portanova nel cuore di Salerno, per “Pizza a portafoglio”. “Ho letto l'ordinanza, che ci impone determinati requisiti particolarmente stringenti, effettuando delle disinfezioni all'interno del locale sia all'inizio dell'attività che periodicamente. Inoltre dovremo provvedere all'acquisto di guanti, mascherine, camici monovelo e copriscarpe per coloro che operano all'interno del locale. Una volta che un'attività è stata chiusa per due mesi, per ragioni risapute, dopo che nessun ente ci ha dato una mano reale per fronteggiare le spese periodiche che paghiamo mensilmente, ci richiedono un'altra serie di costi da sostenere – ha dichiarato il titolare Alberto Basso - esclusivamente per poter riaprire con la consegna a domicilio. Non abbiamo poi ricevuto un calendario che ci consente di comprendere quando si possa aggiungere il servizio da asporto e la riapertura regolare. Inoltre la consegna è prevista per orari particolarmente diversi da quelli ai quali eravamo abituati. Quante consegne realmente potrò fare dalle 19 alle 22? Credo sia inutile provvedere a questa riapertura senza sapere come si possa riattivare l'attività in futuro. Ci sono una serie di cose che non quadrano. Per il momento ho scelto quindi di non attivare la consegna perchè questo tipo di calendario non ha senso. Fin quando non avrò un calendario ben definito che possa consentirmi di comprendere quale sarà il futuro - a livello operativo - della mia attività, credo sia inutile, dopo che comunque abbiamo fatto tanti sacrifici, riaprire a queste condizioni”. 

Sulla stessa posizione Santa Teresa Food & Bar in via Porto, Baracano's Cafè a Fratte/Brignano, Mood Cafè a Torrione, Deposit0 Ristorante a Pontecagnano, Pizza Club di via Fieravecchia a Salerno, Cantina Rebelde a Pastena, Tozzabancone (Vino e altro) in via Duomo, Locanda dei Feudi a Filetta di San Cipriano, Osteria Numero 4 a Pellezzano.

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Tratta degli schiavi nel Cilento, 9 misure cautelari: smantellata organizzazione criminale

I Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania, in collaborazione con il Reparto rerritoriale di Aprilia e con le Compagnie di Agropoli, Castrovillari e Scalea, hanno...

Olga Tokarczuk consegna il “Nobel” a Salerno

Olga Tokarczuk ha conquistato il pubblico di Salerno. Protagonista nella prima serata della rassegna culturale “Salerno Letteratura”, il premio Nobel ha voluto dire...

Salerno, pacchi con il sale agli anziani, presa truffatrice

Prima, al telefono, si presentava come un corriere incaricato di consegnare un pacco; poi, una volta raggiunta l'abitazione, riusciva a farsi pagare bene per una scatola che...

Traffico di anfetamine, il Porto di Salerno snodo cruciale per lo spaccio

Gioia Tauro è l’hub della cocaina in Italia, dove è arrivato il 50% di questo stupefacente; Salerno invece è la porta di ingresso di anfetamine da...

Salernitana, un compleanno in chiaroscuro

Si è stati “zitt” per troppo tempo che si attendeva davvero questa data per poter sprigionare ulteriormente quella gioia e quell’amore che solo i...

De Luca show contro i festival: "Darei due anni di carcere al creativo di Salerno Letteratura". E riscoppia la polemica con Saviano

E’ un De Luca molto critico quello che ieri ha concluso la diretta social del venerdì. Un De Luca critico soprattutto nei confronti dei festival e degli eventi...

Salerno, restyling per la spiaggia libera del lungomare Tafuri

Completati gli interventi di rimozione dei massi e di livellamento della sabbia sulla nuova spiaggia libera del lungomare Tafuri. Lo ha annunciato il sindaco di Salerno,...

Al via la seconda Giornata mondiale del Cinema italiano

Rimettere le ali al Cinema italiano attraverso i suoi giovani e migliori talenti, partendo dalla scena nazionale e proiettandoli nel panorama internazionale. Con questo...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?