Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Ezio Capuano riparte da Rieti e sfida la Salernitana in amichevole: "Questo sarà il mio Real Madrid"

09/01/2019

Mercoledì 9 gennaio 2019, dalle ore 18,00, presso la sala stampa dello Stadio Centro d’Italia “Manlio Scopigno”, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del nuovo mister del Football Club Rieti Ezio Capuano.

Ha introdotto le parole del mister Capuano, l’avvocato Andrea Gianni: “Permettetemi un ringraziamento e un saluto iniziale a mister Chèu per il lavoro svolto in questi mesi alla guida del club. Ringrazio tutti i presenti a questa conferenza di presentazione del nuovo mister Ezio Capuano, che elogio pubblicamente per la scelta e per la schiettezza avuta fin da subito. Lo ringrazio per la disponibilità dimostrata verso questo progetto e questa società. Il suo è stato un sì convinto per arrivare qui a Rieti. Ezio è un allenatore che ha capito subito la necessità e che nella giornata di ieri abbiamo avuto l’occasione di farlo conoscere subito a Riccardo Curci con il quale ci è stata subito empatia. Sono certo che lui ci crede come ci crediamo noi e gli faccio i miei migliori auguri”.

Alle domande dei giornalisti ha risposto il mister Capuano: “Voglio ringraziare subito immediatamente l’avvocato Mauro che ha permesso il mio arrivo qui a Rieti, sono felice della sua presenza in questa conferenza. Quella di venire a Rieti non è stata una scelta occasionale, sono un allenatore navigato che ha molta esperienza alle spalle e che dagli anni ‘90 non è mai stato fermo. E’ stata una scelta meditata, sicuramente influenzata dalle capacità di chi mi ha voluto qui. Per me la garanzia sono gli uomini che lavorano nella squadra in cui vado, ieri ho avuto la fortuna di conoscere il presidente con il quale è scattata subito una forte empatia, soprattutto per le parole che mi ha detto, parole che mi hanno commosso per l’attaccamento dimostrato verso questi colori. Sono consapevole della responsabilità che mi sto assumendo e per me allenare il Rieti è il massimo in questo momento. Qui un progetto importante fatto da persone straordinarie che hanno investito prima sulla mia persona che sul mio modo di allenare. Ho visto giocare questa squadra, un gruppo molto giovane, ma dotato di giocatori che conosco e che mi hanno impressionato per l’applicazione dimostrata negli allenamenti di oggi. Penso di essere stato uno dei primissimi a portare il 3-5-2 in Italia, un sistema di gioco che devi saper fare e che mi ha dato molte soddisfazioni. Qui un gruppo di ragazzi eccezionali, ma c’è sicuramente bisogno di qualcosa in più in ogni reparto perché bisogna mantenere questa categoria difficilissima. Ho avuto l’opportunità di giocare tutti e tre i gironi di Serie C e senza dubbio quello che affrontiamo è il più competitivo e il più duro, fatto di trasferte molto difficili e vi assicuro che non sarà affatto facile, ma la società mi ha dato le più ampie garanzie e il mio obiettivo, aldilà dei risultati, sarà quello di portare più gente possibile allo stadio, se non riuscirò in questo obiettivo non sarò soddisfatto”.
Ha successivamente aggiunto: “Questa società ha fatto un grande sacrificio economico e bisogna dargliene atto perché insieme a me è arrivato uno staff di altissima qualità e grande preparazione, un investimento importante insomma. Mi hanno spinto a venire qui Gianni, Curci e Di Santo e per me in questo momento il Rieti è come il Real Madrid, il Barcellona, il City, lo dico con molta schiettezza. A San Benedetto uno dei miei più grandi lavori, ho preso una squadra al nono posto e l’ho portata fino al secondo posto, non avendo avuto successivamente la possibilità di giocarmi i playoff. Io non mi pongo limiti, chi smette di sognare non può fare questo lavoro, quando non avrò più l’adrenalina, quando smetterò di prendere le gocce di valium per l’appello prima della gara smetterò. Ora vi assicuro, e non è una frase di circostanza, che questi ragazzi usciranno dal campo con la maglia sporca di sudore e di sangue perché daranno tutto in ogni incontro per questo club. L’obiettivo resta la salvezza, ma ripeto non voglio porre limiti. Altre squadre si sono interessate a me, sicuramente sapete quella che ha provato a frenare ogni mio tipo di spostamento, altre le ho ascoltate, sicuramente, ma ho scelto Rieti per le persone che fanno calcio qui e questo mi ha convinto. Giocheremo tutte le partite dando la vita e per me oggi la più grande emozione è avere questa sciarpa al collo, le altre sono emozioni da campo, la priorità è difendere questi colori in ogni stadio. Conosco bene Mourinho, lo stimo, mi ha chiamato Montella che ho cresciuto quando era un ragazzino ad Empoli, ma non è importante chi ti chiama, l’importante è che mi abbia chiamato il Rieti. Il mister che era qui prima, che non ho avuto occasione di conoscere, ha fatto molto bene, senza dubbio. Sono qui per rispettare tutti i tifosi e la responsabilità che ho è quella di far rispettare il popolo. Non sono un allenatore solo della squadra, sono un allenatore del popolo che pensa a chi vive una settimana intera per la propria fede, senza badare al numero, possono essere centomila, ventimila, dieci, cinque, vanno rispettati. Per me va in campo chi merita, non sono un allenatore da computer, nessuno può dirmi chi deve giocare, non esiste. Nel mio staff Giuseppe Padovano che non posso definire un allenatore in seconda perché sarebbe riduttivo, in molte cose è più bravo di me, e Domenico De Simone che lavora sul campo, perché siamo uno staff che lavora molto sul campo. Preparatore atletico e preparatore dei portieri sono gli stessi e già li conoscete.” Il debutto con il Rieti sarà all’Arechi: «A Salerno sono di casa. Rivedrò tanti amici, spero sarà un buon allenamento».

 
 

 

 

 

Ufficio Stampa - Salernitana - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Seconda Categoria, la Pol. Baronissi si aggiudica il derby irnino e si laurea campione d'inverno

Il settimo sigillo stagionale di Carmine Mencherini, altra perla d'autore, decide l'attesa sfida dell'ultima giornata d'andata tra Polisportiva Baronissi e Real Gaiano,...

Promozione, Picciola-Salernum Baronissi 1-2. Izzo e Marmoro lanciano in orbita gli irnini

Nella palude del ”23 Giugno 1978″ di Pontecagnano, il Salernum Baronissi batte per due reti ad uno la Picciola, grazie alle reti di Izzo e Marmoro, di Viscito il...

Prima Categoria, San Valentino-Valle Metelliana 0-4. I cavesi archiviano la pratica nel primo tempo

La gara San Valentino - Valle Metelliana si preannunzia una partita ricca di emozioni e ricordi non tanto per l'esito del campionato in corso, troppo divario tecnico e tattico...

Prima Categoria, Sporting Audax-Honveed Coperchia 1-2. Di Giacomo e Peluso portano il big match in saccoccia

Scacco matto al "Superga" ed il big match dell'ultima giornata d'andata è dell'Honveed Coperchia: Sporting Audax ko e uomini di Pessolano in vetta adesso insieme alla...

La CLAAI di Salerno alla Fiera SIGEP di Rimini

a CLAAI di Salerno alla Fiera SIGEP di Rimini Circa cinquanta artigiani provenienti da varie province campane parteciperanno alviaggio di lavoro in programma dal 19 al 23...

Fashion Show in passerella gli abiti ell'I. I. S. Trani - Moscati di Salerno

Fashion Showin passerella gli abiti dell'I.I.S. Trani - Moscati di Salerno
 
Dalle sfavillanti policromie delle maioliche vietresi alle tenui nuance degli abiti da...

Grande successo per 'O Potlacce vietrese e le performance Uccello di fuoco, Cottura primitiva, Cravonfire e Ignis sacer.

Successo per 'O Potlacce vietrese, che si è tenuto a Vietri sul Mare il 17 gennaio scorso, in concomitanza con la festa di Sant'Antuono, patrono dei ceramisti....

Prima Categoria, Banzano-Intercampania 0-1. Molisse riporta il sorriso in casa biancorossa

L'Intercampania ritrova il successo dopo un lungo digiuno. La formazione sarnese sbanca il campo del Banzano al termine di una gara ben giocata. Ai sarnesi basta un gol di...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?