Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Convegno internazionale di studi sul settantesimo anniversario della Costituzione

03/12/2018

70° della Costituzione italiana , in crisi"

In occasione del Convegno internazionale di studi " 70 anni di Costituzione (Università degli studi di Salerno-Aula Consiliare Comune di Cava Dè Tirreni, 30 novembre-1 dicembre 2018)

di ALESSANDRO CAMPAGNUOLO

Il 30 novembre, ad Unisa, si è tenuta la prima di una emozionante due giorni coordinata dal Ch.mo Prof. Lamberti per celebrare il 70° della Costituzione italiana, alla presenza di relatori accademici italiani ed esteri. Innanzitutto, mi sono commosso ascoltando uno stralcio della lettera di addio di Michele: "Da questa realtà non si può pretendere niente. Non si può pretendere un lavoro...non si possono pretendere riconoscimenti...Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato, e nessuno mi può costringere a continuare a farne parte. È un incubo di problemi, privo di identità...di garanzie...di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive. Non ci sono le condizioni per impormi, e io non ho i poteri o i mezzi per crearle. Non sono rappresentato da niente di ciò che vedo...Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere...cercando di cavare il meglio dal peggio che si sia mai visto per avere il minimo possibile. Io non me ne faccio niente del minimo, volevo il massimo, ma il massimo non è a mia disposizione. Di no come risposta non si vive, di no si muore, e non c'è mai stato posto per ciò che volevo, quindi in realtà, non sono mai esistito. Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un'epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare...".
La crisi della Costituzione, delle istituzioni e della politica odiena si aggangia proprio al suicidio di Michele, perchè si dovrebbero prevenire gesti estremi indotti dalla disperazione, per armonizzare anzichè mortificare la vita umana. Nel corso del dibattito, comunque, l'attuale politica italiana è stata definita come un "bipopulismo" (perfetto o imperfetto a seconda del valore dato ai risultati elettorali). Sono inoltre emerse le criticità dell'organo del Presidente della Repubblica come funzione e ruolo istituzionale, specie a seguito dell'opposizione esercitata da Mattarella in sede di formazione dell'esecutivo Conte. Ma ciò che più è stato chiarito è che l'attuale democrazia italiana non è retta da una vera e propria regolarità democratica, con espresso riferimento ai nostri sistemi elettorali oltrechè all'iter di formazione delle leggi. Casavola, Pres. emerito Corte Cost., in conclusione ha manifestato assenso ad una modifica della Cost. ancorata ai suoi principi ma ammodernata. L' emerito Prof. Panebianco (elencarne i titoli ed i meriti è arduo) in chiusura, si è domandato se la nostra Carta sia passata o meno sotto la porta di Brandeburgo. Sinceramente, vorrei saperlo dallo stesso Prof. perchè la domanda (retorica - per lui) è aperta a diverse soluzioni dal punto di vista giuridico. Ma per non lasciare l'amaro in bocca al lettore, posso sommessamente avanzare due ipotesi, confidando nella magnanimità di colui che fu Relatore della mia tesi. La prima risposta è che, sì, è passata, nel senso che l'Italia in quanto Stato membro dell'Ue ha applicato il diritto dell'Unione ma, in realtà, è da anni sotto "l'egida" del neo-asse franco-tedesco e soprattutto della Germania (molte sentenze tedesche hanno avuto ricadute positive, tralasciando la vexata quaestio economico-finanziaria). La seconda è che, invece, no, la nostra Carta non si è commista al sistema tedesco nè a quello Ue, nel senso che vi rimane ancora distinta in quanto Carta rigida che ha consacrato i nostri diritti fondamentali votati all'indomani della IIa guerra. E, tuttavia, la Carta dei diritti e la Convenz. dei Diritti Fondam. Ue. - due corpus normativi europei - sono innovazioni in questo senso, mentre la Costituzione europea è oggi un vago ricordo. Resta ovvio che dopo la shoah non si dovrebbero più verificare in Europa quei crimini giudicati a Norimberga e quindi i diritti umani non dovrebbero essere in discussione. E, difatti, la nostra Cost. in quanto autentica non dovrebbe subire nè eccezioni nè pesi in violazione dei suoi principi e diritti (ugualianza, proporzionalità, reciprocità, sanità, lavoro, istruzione, libertà ecc. ecc.) Ma la tematica è gravosa pertanto mi limito a riportare - come lo stesso consesso ha sollevato - che, paradossalmente, i diritti fondamentali continuano ad essere immancabilmente violati. Al riguardo, Rondoni - poeta contemporaneo - sostiene che la spasmodica ricerca di procedure più eque e giuste è cosa vana allo stato attuale, perchè l'imbarbarimento della società è palpabile. Allora, non mi rimane che far ricorso alla storicizzazione ovverosia al principio per cui una legge va calata nella realtà in cui è stata emanata, perciò, tanto vale anche per la vita sociale che altro non è che lo specchio contestuale nel quale in quel dato periodo riflettiamo noi stessi e la nostra "civiltà".

Avv. Alessandro Campagnuolo

Stefano Pignataro - Rassegna - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Juniores Elite, tre su tre per il Salernum Baronissi: Oliva e Romano piegano il Costa d'Amalfi

Arriva il terzo successo di fila per la formazione Juniores Elite del Salernum Baronissi. I ragazzi ben diretti da Isidoro Izzo piegano all'inglese un osso duro quale il Costa...

Serie D, primo goal nella Premier dei dilettanti per il cilentano Vincenzo Romano

Arriva all'ottava giornata il meritato primo goal in stagione e contestualmente in Serie D per Vincenzo Romano. L'esterno offensivo classe 2001 che i marchigiani della...

Seconda Categoria, l'avversario s'infortuna e l'attaccante rinuncia al goal: inno al fair-play tra Siano e Guido Cuore di Rocca

La rivalità calcistica tra Roccapiemonte e Siano è storica. Ma, almeno per una volta, il calcio l'appiana all'insegna del fair-play. Nella prima giornata di...

Promozione, la Top 11 della settima giornata

Con il ritorno al successo di Calpazio e San Vito Positano si è chiusa la settima giornata del girone D del campionato di Promozione. Quasi giunti al giro di boa...

Un premio in memoria di Franco Corbisiero-Insegnante e poeta

Un maestro colto e cristiano, un poeta delicato e discreto da riscoprireattraverso un premio letterario. Tale era Franco Corbisiero, nato a Torello diMercato S. Severino nel...

Incidente in scooter, il giovane tifoso granata non ce l'ha fatta

Non ce l'ha, purtroppo, fatta Antonio L., giovanissimo salernitano coinvolto nell'incidente di qualche giorno fa tra Vietri e Cava. La notizia del loro incidente ha scosso...

Promozione, Calpazio-Sarnese 2-1. Marrocco castiga i falchetti sul gong

Una Sarnese bella, ma inconcludente perde sul filo di lana per 2-1 la gara con la Calpazio. L’ultimo contropiede è fatale ai granata che, ancor prima, avevano...

Seconda Categoria, debutto vincente per la Longobarda: i biancorossi piegano il Bracigliano nel finale

Cuore Longobarda al "Bolognese" alla prima di campionato contro un ostico Bracigliano che ha venduto cara la pelle. Subito Varriale e Sorrentino vanno vicinissimi al gol, ma gol...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?