Vuoi rimanere sempre aggiornato su Salerno e provincia? basta un click!

Notizie di Salerno In Web
L'informazione libera e indipendente di Salerno e provincia

login

Calcio & Videogiochi, Stefano Bifulco: "Vi racconto la mia esperienza da responsabile squadra per Football Manager"

28/08/2017

Calcio e videogiochi, un binomio da sempre vincente e crescente in una realtà sempre più virtuale. Una virtualità capace di rappresentare con estrema facilità la realtà calcistica con riproduzioni e schemi di gioco sempre più fedeli. Nella vasta gamma di giochi e prodotti presenti sul mercato ce ne uno come Football Manager che consente agli utenti di immergersi a pieno nella gestione completa non solo della squadra come coach ma della stessa società, traslando dal quotidiano programmazione e progettualità, risultando anche un ottimo database anche per scout e direttori sportivi in tutto il mondo. Una delle caratteristiche più notevoli del gioco è l'accuratezza del suo database: questo viene compilato grazie all'aiuto di centinaia di volontari da tutto il mondo che, grazie ad un collaudato sistema di ricerca organizzato dalla stessa Sports Interactive (e tramandato da Championship Manager), diventa ogni anno più completo. A tal proposito abbiamo raccolto il parete di Stefano Bifulco, giovane salernitano doc, da responsabile squadra per la nuova edizione di FM.

"Si è appena conclusa la mia prima esperienza da responsabile squadra per FM - esordisce Una bella esperienza, faticosa ma interessante, entusiasmante, formativa ed a tratti illuminante. Ebbene, mi sono occupato in particolare di Salernitana, Ascoli e Reggina, ma anche di Santarcangelo, Teramo, Sambenedettese, strutture e stadi, prezzi di biglietti ed abbonamenti, affluenze medie, minime e massime. Partendo proprio dalla squadra della mia città posso affermare senza sorpresa come risulti tra le squadre più seguite e quindi potenzialmente interessanti a livello economico: quarta l’anno scorso per presenze medie e nona come abbonamenti venduti. La seconda buona notizia che mi ha in realtà sorpreso è che la Salernitana non ha i prezzi più cari della B come credevo: ci sono ben quattro squadre della seconda serie che hanno prezzo medio dei biglietti più alto e ben nove con costo medio degli abbonamenti più alti". Pregi ma anche difetti: "La cattiva notizia è che la Salernitana - ammette - è società organizzata molto male. Una delle poche che non ha ancora ufficializzato gli sponsor e che non permette ai tifosi di acquistare i ticket online, causando sempre file e disagi e di conseguenza disaffezione. 0 settore giovanile, 0 fidelizzazione, 0 prospettiva con un merchandising davvero scadente. La Salernitana, a differenza di quello che si proclama, e per questo ho apprezzato la franchezza di Bollini, ha un pessimo settore giovanile (o meglio, lo gestisce in maniera pessima) e non sembra affatto puntarci, nonostante 7-8 perle che ad esempio a Bilbao giocherebbero (ed avrebbero giocato) già in Europa. Vi è scarsa comunicazione da parte degli organi del club preposti, non ci sono notizie (né squadre) fino al giorno dell’esordio in campionato (per questo chiedo scusa se ci saranno imprecisioni al 10 novembre, ho fatto del mio meglio). Gli allenatori, fino ad ora, non sono scelti certo per il loro CV ed ogni anno le squadre vengono smantellate per intero, buoni prospetti vengono rilasciati senza batter ciglio: nessun giovane del vivaio ha esordito con l’ultima gestione. E’ un fatto. Infine non sono presenti osservatori (se non un consulente per le scuole calcio locali) che possano aiutare a strutturare un buon settore giovanile ed affiancare il direttore sportivo e l’allenatore nella strutturazione delle squadre a breve, medio e lungo termine. Invito chi fosse interessato, a dare un’occhiata ai siti delle altre società. Ad esempio, l’Ascoli Picchio: nonostante abbia numeri decisamente inferiori rispetto alla Salernitana, è sorprendentemente e straordinariamente organizzato e la società, a quanto pare, oltre al nuovo centro sportivo progetta (seriamente) un nuovo stadio". 

Le strutture della Salernitana, a proposito? Salernello..."Effettivamente la Salernitana aveva un monte ingaggi molto alto ed incredibilmente non necessario. La colpa di chi è? Se non si smette di fare mercato solo con i procuratori... In ogni caso è un ridimensionamento che ci sta, anche se un buco di 1,7 M con grosse entrate come quelle granata e le grosse entrate potenziali potrebbe essere considerato un debito “buono”. Molte squadre di B (ad esempio Carpi, Cittadella, Entella), non disponendo di grandi numeri, anzi non disponendo proprio di numeri, vivono solo di ottime campagne di marketing, sponsorship e merchandising. Simpatica l’iniziativa dell’Entella che, ad esempio, viene incontro alle esigenze dei tifosi modificando il prezzo del biglietto (dynamic ticket) ad ogni match, a seconda di meteo, ultimo risultato, classifica...Insomma, diciamoci la verità: la sensazione è che il duo romano ha investito nel calcio a Salerno perché sperava di poter fare investimenti diversi in zona. Il panorama, evidentemente è cambiato. I due presidenti appaiono a sprazzi, uno per appiccare il fuoco e l’altro per spegnerlo, lasciando la gestione a Fabiani e Co., non nascondendo bene una forte disaffezione e mancanza di interesse nei confronti della squadra e soprattutto dei tifosi".

La conclusione: "Il mio augurio è che chi guida oggi la Salernitana possa innamorarsi del calcio e della passione che c’è qui. E che possa circondarsi di persone competenti, non gli ex calciatori o gli amici degli amici. E’ un fatto: un organigramma mediamente buono con una squadra con basso appeal crea prospettive di ogni tipo. Un pessimo organigramma con una squadra come quella che rappresenta il capoluogo di Provincia, distrugge prospettive e legami con la città".

Redazione Sport - Sport , Inchieste - - Vai alla Home

Rimani aggiornato:

Se vuoi essere tempestivamente aggiornato su quello che succede a Salerno e provincia, la pagina facebook di Salerno in Web pubblica minuto per minuto notizie fresche sulla tua home.

Altri articoli recenti

Pallanuoto, Marco Storniello nuovo allenatore delle giovanili della Tgroup Arechi

Marco Storniello è il nuovo allenatore delle formazioni U15 e U17 della Tgroup Arechi.  Un 'ritorno a casa' fortemente voluto dalla Società e anche da...

Pallanuoto, colpaccio tra i pali per la Tgroup Arechi: da Palermo arriva Lamoglia

Andrea Lamoglia (nella foto di Marina Carascon ph.), reduce dalla promozione in A1 ottenuta con il Telimar Palermo, è  il nuovo portiere della Tgroup Arechi....

Giovanili, dopo le premiazioni parola al campo: la Picentia è pronta a ripartire

Dopo il riconoscimento da parte dell'Amministrazione Comunale, nelle persone del Sindaco Giuseppe Lanzara e del Delegato allo Sport Gaetano Nappo, del premio nazionale "Best...

Salernitana, mercato giovanili in fermento: tante uscite verso la D per la Primavera

Al termine delle prime due settimane di lavoro, la nuova Primavera di Rizzolo (il vice sarà l'ex trainer dell'Under 18 Giacomo Pisapia), ha sostenuto sul sintetico del...

Tragedia a Praiano, 15enne perde la vita in un incidente

Tragico incidente, nella notte, nel centro abitato di Vettica Maggiore, frazione di Praiano. Poco prima dell'1, per cause da accertare, uno scooter ed una moto si sono...

Dilettanti, i risultati delle amichevoli: umori contrapposti per le ripescate

In attesa del via ufficiale della stagione con il primo turno di Coppa, a cavallo di Ferragosto si sono disputate diverse amichevoli con protagoniste le squadre salernitane di...

Dilettanti, al via il calciomercato estivo: gli aggiornamenti giorno per giorno dall'Eccellenza al Calcio a 5 LIVE

collaborano Antonio Mandia, Enzo Graziano, Davide Maddaluno, Gennaro Granozio, Vincenzo Pisaturo, Giuseppe Vitolo, Vito Vitolo
Il via ufficiale è datato, come di...

Terza Categoria, i Guiscards sprintano sulla fascia: arriva Filodoro

A Perfetto, Saggese, De Dominicis e Fasano, si aggiunge l’ultima new entry in casa foxes: è ufficiale la firma di Gaetano Filodoro, jolly difensivo ex Nuova...
Contatti - Privacy Policy
Realizzazione grafica e tecnica a cura di Vincenzo Vigilante

Informativa per la privacy del visitatore:

Questo sito e gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie sia tecnici che di profilazione, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'apposita policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, non mostrare più questo banner.

Perchè vedo questo banner?